REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10081439
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Lucio Susmel
stampa

 Anno I n° 1 del 09/06/2005    -   LENTE DI INGRADIMENTO


Alcune considerazioni importanti
La Cina cresce come Gli USA, ma ci fa paura, perché?
l'Italia ha perso la sfida della modernizzazione e ha una struttura economica
Di Lucio Susmel


Per avere un'idea della situazione dell'economia italiana, ed in particolare di quella più esposta alla concorrenza internazionale - vale a dire principalmente l'industria - aiuta l'osservazione di alcuni dati forniti dal servizio statistico dell'Unione Europea relativi al calcolo del prodotto interno lordo delle principali economie mondiali.
Alla fine del 2002 il pil degli Stati Uniti assommava a 11.000 miliardi di euro; l'Europa dei 15 poco più di 9.000 miliardi; il Giappone 4.200, la Cina 1.300. L'Italia si situava allo stesso livello della Cina.
Queste cifre possono essere oggetto di diversa lettura: la più immediata è quella di vedere com'è distribuita la ricchezza nel mondo: andiamo dai 38.300 euro di reddito annuo pro capite del cittadino statunitense, ai 33.000 del giapponese, ai 24.000 del cittadino dell'Europa dei 15 (22.800 dell'italiano), ai 1.000 euro del cinese. Ciò significa che l'11% della popolazione mondiale (USA più EU) produce poco più del 60% della ricchezza mondiale. Equilibrio (o squilibrio?) difficilmente sostenibile nel lungo periodo.
Un'altra considerazione da svolgere è quella di sfatare una sensazione comune, quella di una Cina inarrestabilmente avviata a capeggiare in relativamente breve tempo la classifica mondiale. Oggi questo avvicinamento è praticamente inavvertibile: se gli Usa continuano a viaggiare su un trend di crescita del 4% annuo e la Cina nello stesso periodo aumenta il pil dell' 8 %, la nuova ricchezza prodotta nei due Stati è praticamente la stessa, per cui le posizioni relative rimangono immutate.
Usa e Cina, almeno in questa fase, crescono nella stessa misura: come mai in Italia la crescita degli Stati Uniti non è ritenuta pericolosa, nel mentre il “pericolo giallo” è sulla bocca di tutti? Perché l'Italia, perdendo la sfida della modernizzazione, ha una struttura economica molto più simile alla Cina che non a quella degli Stati Uniti, sempre più orientati alla terziarizzazione, spinti dalla ricerca militare ed in grado di tradurre i risultati di questa ricerca nei settori produttivi rimasti, molti ad alta tecnologia.
Tagliata fuori dalla produzione in settori avanzati ( ci sono, e non poche fortunatamente le eccezioni, ma è pur vero che in Italia non si produce un computer o un telefono cellulare) l'industria nazionale si è avvalsa della straordinaria abilità dei nostri imprenditori nella gestione dei processi, meno (anche qua le eccezioni non mancano, per fortuna, e sono riconosciute a livello internazionale) per l'innovazione di prodotto. Inoltre la sensibilità della produzione italiana al costo del lavoro erode continuamente le nostre posizioni sul mercato globale.
Posizionamento su settori maturi; sensibilità al costo del lavoro: è la fotografia della Cina di oggi,ed è questa somiglianza all'economia di quel Paese che ce la porta come diretta concorrente. Metteteci in più l'assoluta spregiudicatezza commerciale, coperta al 100% dal regime, e si capisce il rischio che corriamo.
E' da ribadire peraltro che questa è la fotografia di oggi, ma che già domani verrà modificata, in quanto la Cina si presenterà sui mercati con prodotti a più alto contenuto tecnologico. Le università cinesi ed i centri di ricerca sono avanzate negli studi nel campo della biologia e dei materiali. Prodotti che incorporano trattamenti legati alle nanotecnologie sono, ad esempio, già in commercio altri ne vedremo tra poco. E l'India ha un modello molto simile a quello cinese.... L'Italia al contrario da anni disinveste sul ricerca e sviluppo
In conclusione: è in corso un riposizionamento a livello mondiale delle varie economie, con un tendenziale, ancora modesto riequilibrio della distribuzione dei redditi: la fase di espansione, in sostanza, è colta meglio dalle economie emergenti e dagli USA che non dall'Europa, ed in particolare dall'Italia. La ricetta della ricerca mirata e del trasferimento all'industria è valida, ma si realizza in cicli lunghi: va perseguita senza illusioni.. La crisi del tessile e la necessità di spostare il settore a livelli di più alta tecnologia andavano percepite ed affrontate cinque anni fa, non oggi: eppure la scadenza dei dazi all'inizio del 2005 era conosciuta da più di un decennio...
Occorrerà soffrire, temo soffrire molto, nei prossimi anni e si potrà riprendere lo sviluppo probabilmente con una minore dipendenza dalla produzione ad alta intensità di mano d'opera, con un domanda pubblica intelligentemente di traino a settori innovativi, con una maggiore attenzione a gestire il patrimonio artistico ed ambientale ed a monitorare l'offerta dei servizi connessi.



Argomenti correlati:
#cina, #economia, #sviluppo, #usa
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Lucio Susmel
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione