REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10493276
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Karisma
stampa

 Anno I n° 9 del 27/10/2005    -   TERZA PAGINA


Storia dell’antico Egitto
La maledizione del Faraone, realtà o leggenda?
Quando il mistero e la superstizione si intrecciano negli eventi
Di Karisma


Nel novembre del 1922, quando Howard Carter e Lord Carnarvon aprirono la tomba di Tutankhamon, molte delle persone legate alla scoperta morirono di lì a poco di morte violenta o inesplicabile, vittime, secondo alcuni, della "maledizione del Faraone".

Questa "leggenda" si basa su rapporti non confermati di una serie di agghiaccianti eventi, iniziati lo stesso giorno in cui i due archeologi e il loro seguito aprirono la tomba.

Mentre l'ultimo degli operai ritornava indietro alla luce del sole, si dice che una tempesta di sabbia si levasse all'improvviso, turbinando intorno all'imboccatura del sepolcro. E mentre questa si placava, un falco, l'emblema regale dell'antico Egitto, fu visto innalzarsi sopra la tomba puntando ad ovest, verso "l'Aldilà" della fede egizia.

Lo spirito del Faraone morto, dissero i superstiziosi, aveva lanciato una maledizione contro quelli che avevano violato la sua tomba. Cinque mesi dopo, Carnarvon veniva morso da una zanzara sulla guancia sinistra: la morsicatura divenne infetta e il Lord, indebolito dall'avvelenamento del sangue, contrasse una polmonite. Mentre moriva in un albergo del Cairo, alle 1:55 del mattino, tutte le luci della città si spensero. Alla stessa ora, nella residenza inglese di Carnarvon, il suo cane si metteva a ululare e poco dopo moriva.

La cosa più strana fu che i medici, che in seguito esaminarono la mummia del Faraone, riferirono di aver trovato sulla guancia sinistra una depressione simile a una cicatrice da morsicatura, esattamente nello stesso punto dove Carnarvon era stato punto dalla zanzara.

Alla maledizione fu attribuita anche la morte di diversi altri visitatori della tomba. Il fratellastro di Carnarvon, Aubrey Herbert, morì di peritonite. Un principe egiziano, Alì Farmy Bey, la cui famiglia si diceva discendente dei faraoni, fu assassinato in un albergo di Londra, e suo fratello morì suicida. George Jay Gould, un magnate americano delle ferrovie, morì di polmonite in Francia, dopo aver contratto un raffreddore nella tomba. Il nobile Richard Bethell, che aiutò Carter a catalogare i tesori di Tutankhamon, sembra si sia ucciso all'età di 49 anni. Pochi mesi dopo, nel febbraio 1930, suo padre, Lord Westbury, precipitò dalla finestra del suo appartamento a Londra: nella sua camera da letto c'era un vaso di alabastro proveniente dalla famigerata tomba.

Nei sette anni che seguirono la scoperta, una dozzina di persone connesse in qualche modo a quella straordinaria impresa morirono di strane morti. Un unico uomo continuò a farsi beffe della leggendaria maledizione e fu proprio colui che aveva maggiori ragioni per temerla: Howard Carter.

Morì infatti nel 1939 per cause naturali. Eppure, quando nel 1966 l'Egitto accettò di mandare i tesori di Tutankhamon a Parigi, per un'esposizione, il direttore del museo del Cairo, Mohammed Ibraham, ebbe un sogno in cui si sentiva sovrastato da un terribile pericolo. Combattè fino all'ultimo contro la decisione di inviare le sacre reliquie a Parigi: nel lasciare la seduta con i funzionari governativi, Ibraham fu investito da un'automobile. Morì due giorni dopo.



Argomenti correlati:
#antico egitto, #cultura, #egitto, #religione, #storia
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Karisma
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione