REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  9976254
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Daniela Radici
stampa

 Anno II n° 2 del 02/02/2006    -   MISCELLANEA


Consigli per il cicloturista
L'abbigliamento del turista in bicicletta

Di Daniela Radici


Sportivo, comodo e funzionale, sono i tre aggettivi chiave per il vestiario da bici. La ricetta migliore é, sempre, vestirsi "a cipolla": più strati, da togliere o mettere secondo le necessità e i cambiamenti di temperatura. A pelle, maglietta e calze nei nuovi tessuti traspiranti che convogliano il sudore verso l’esterno restando asciutti sulla pelle e - decisamente consigliabili specie alle prime pedalate - pantaloncini "da ciclista": attillati perchè non si arrotolino sulla coscia, imbottiti in simil-daino senza cuciture, che offrono grande confort e libertà di movimento. In autunno ed inverno, oltre ad una giacca a vento in tessuto tipo Goretex (che ripara dalle intemperie permettendo alla cute di respirare), va indossato anche un maglione di lana o pile ed eventualmente un gilet trapuntato; è sempre valido comunque il vecchio espediente dei fogli di giornale sotto la giacca, per isolare il corpo dal vento freddo! Assolutamente indispensabile la protezione di testa, mani e piedi: guanti lunghi, ghette copriscarpe e un cappellino caldo o uno zuccotto sottocasco.
Le scarpe con suole rigide e tacchetti sono ideali per pedalare, ma scomodissime per camminare; scarpe leggere in goretex, con suola leggermente scolpita e non troppo rigida soddisfano pienamente le esigenze del turista, che deve spesso camminare oltre che pedalare. Indispensabili gli occhiali da sole, che filtrano i raggi ultravioletti e proteggono gli occhi da vento, sabbia e sassolini: in commercio se ne trovano una vasta gamma, dalle forme e dai prezzi più vari.
In ogni stagione - soprattutto se si prevede una gita di parecchie ore - è consigliabile portarsi una maglietta di ricambio e alcuni indumenti antipioggia, se non altro, per scaramanzia! Consiglio mantellina impermeabile, visiera o cappello tipo "pompiere" (evita spiacevoli sgocciolamenti lungo il collo) e galosce impermeabili , oltre ad un paio di occhiali avvolgenti e leggeri a lenti chiare. L'elenco sembrerà forse un pò scoraggiante... ma, credetemi, una appropriata attrezzatura permette di scoprire il piacere inaspettato di pedalare .... cantando anche sotto la pioggia!
Chi ha a cuore la propria incolumità dovrebbe indossare il casco, obbligatorio in numerosi Paesi e pochissimo usato invece da noi: anch'esso deve avere due strati, uno interno in polistirene per assorbire gli urti ed un guscio esterno molto resistente.
I rivenditori di biciclette e i negozi di articoli sportivi offrono una vastissima gamma di capi di abbigliamento e accessori adatti ad ogni esigenza... può essere un suggerimento per il regalo all'amico-che-ha-tutto o alla signora-aspirante-turista-in-bicicletta!



Argomenti correlati:
#abbigliamento, #bici, #bicicletta, #turismo
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Daniela Radici
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione