REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  11090164
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di
stampa

 Anno II n° 3 del 16/02/2006    -   TERZA PAGINA


A Torino dall’11 febbraio al 19 marzo
Riapre Il MIAOO – con UGO MARANO E LA SUA CERAMICA
COLLEZIONE PERMANENTE IN NUOVE FORME


Riaprirà ufficialmente sabato 11 febbraio 2006, in concomitanza con la prima giornata di gare dei XX Giochi Olimpici Invernali, l’eccentrico MIAAO, il primo museo internazionale dedicato alla “eccellenza dell’eccellenza” artigiana, che promuove il capoluogo piemontese a capitale italiana ed europea delle arti applicate.
Ospitato nel complesso monumentale juvarriano di San Filippo Neri, il nuovo museo delle arti applicate riproporrà, parzialmente riordinata e integrata, una selezione della collezione permanente del museo all’interno della galleria al primo piano, solo brevemente pregustata durante l’affollatissima pre-view del 12 e 13 novembre 2005.

Il MIAAO nasce con l’intento ambizioso di garantire il futuro e il prestigio delle arti applicate contemporanee, e di promuovere quella più moderna figura di artiere che Enzo Biffi Gentili definisce “artigiano metropolitano”. Si intitolava infatti proprio Artigiano metropolitano la manifestazione, da lui diretta, e organizzata dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura a Torino tra il dicembre del 2002 e il febbraio 2003, articolata in otto mostre in altrettanti palazzi barocchi nel centro storico della città per celebrare il Centenario dell’Esposizione Internazionale d’Arte Decorativa Moderna del 1902 svoltasi proprio nel capoluogo piemontese, la prima al mondo dedicata esclusivamente alle arti applicate.

Un grande successo di pubblico e di critica premiò l’iniziativa, unica a livello europeo, e come tale riconosciuta e ufficialmente sostenuta dal World Crafts Council Europe. Da quel momento alcuni Enti Pubblici decisero di rafforzare questa nuova frontiera delle arti applicate attraverso diverse azioni non più eccezionali ma strutturali. L’Assessorato ai Beni e Sistemi Culturali della Regione Piemonte ha acquisito cinquanta masterpieces, ovvero ‘capolavori’ di arte applicata europea esposti ad Artigiano metropolitano e, con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Torino, deciso di finanziare il restauro di due gallerie site nel complesso juvarriano di San Filippo Neri -nel quale dall’inizio degli anni Novanta i Padri dell’Oratorio e alcuni laici come Toni Cordero ed Enzo Biffi Gentili avevano progettato importanti imprese di ‘arte e industria’- da destinarsi a sede di un nuovo Museo Internazionale delle Arti Applicate Oggi. Che oggi avvia, con un ulteriore contributo dell’Assessorato all’Artigianato della Regione, la sua programmazione espositiva: quindi “Ciao, Miaao.
Ma l’apertura di febbraio offrirà anche la possibilità di visitare la prima tra le mostre personali temporanee previste nella galleria del piano terra del bene architettonico. Si tratta di una installazione, realizzata appositamente da Ugo Marano, intitolata Sette vasi per la casa sacra: quella torinese di San Filippo e dei Padri dell’Oratorio. Dunque, a soli due anni di distanza dalla manifestazione Artigiano metropolitano, diventa un’attiva realtà la prima istituzione culturale nel nostro Paese esclusivamente dedicata alle arti applicate contemporanee.

La mostra personale di Ugo Marano è il risultato di una straordinaria performance estetica e tecnica: i sette vasi “maestosi” sono stati cotti, insieme, in un “forno epocale”, appositamente costruito a Vietri sul Mare sulla Costiera Amalfitana da Enzo Santoriello, il virtuoso giovane “faenzaro” che ha già realizzato opere ceramiche maiuscole, teoricamente “impossibili”, per Miquel Barceló ed Enzo Cucchi. I vasi, tutti foggiati e decorati personalmente da Marano con l’assistenza della giovane figlia Enrica, sono spessi sette millimetri: il primo, il più grande, è alto tre metri e tre centimetri; l’ultimo, reclinato e dalla forma di un lacrimatoio, è intitolato Quando muore un filosofo, ed è stato ispirato dalla scomparsa di Norberto Bobbio. Ma non è ‘occasionale’ questa profonda relazione di Marano con la cultura piemontese. Nel recente passato sono state notevolissime le sue collaborazioni con il Direttore del MIAAO Enzo Biffi Gentili per gli allestimenti, nel 1997, de Il tempio ceramico alla Rotonda Antonelliana di Castellamonte e, nel 2002, di una Sala pompeiana al Palazzo Bricherasio di Torino per la mostra Masterpieces nell’ambito di Artigiano metropolitano. Attualmente, Ugo Marano collabora con Peter Latz, Gerd Pfarré e altri architetti italiani del gruppo progettuale STS vincitore del concorso per la realizzazione del nuovo Parco Dora Spina 3 del Piano Regolatore di Torino. La scelta di Ugo Marano come primus inter pares tra gli artisti che saranno chiamati a tenere una personale al MIAAO non discende tuttavia solamente dal suo oggettivo “record” tecnico vascolare (di certo più coerente con il clima olimpico di mostre sui temi del “bianco” o sulla “neve”) o dalle sue frequentazioni subalpine. Si deve infatti a un celebre studioso di estetica, Gillo Dorfles, il giudizio su Marano come artista del nuovo secolo, capace di riflessione simbolica e concettuale ma anche di sofisticata perizia artigianale, in un nuovo “trionfo della manualità”, e tutto ciò, a febbraio, proprio in una città nella quale “l’arte povera vive di rendita”, perché artisti “come Pistoletto o Kounellis, Merz o Paolini, ripropongono quel che facevano 20 anni fa”. (M. Baudino, Anni ’90 l’arte timida. Intervista con Gillo Dorfles, in “La Stampa”, 27 maggio 1998). La mostra di Marano è promossa dal MIAAO di concerto con la Fondazione Cargaleiro di Vietri sul Mare e con l’AICC. Associazione Italiana Città della Ceramica, che riconosce nei Sette vasi per la casa sacra la massima espressione attuale dell’arte vascolare italiana, e come tale ha voluto ufficialmente presentarla al pubblico internazionale giunto a Torino per i Giochi Olimpici Invernali.

MIAAO 12 FEBBRAIO - 19 MARZO Torino – San Filippo Neri
via Maria Vittoria 5
Telefono 011 0702350
e-mail
argh@miaao.org



Argomenti correlati:
#ceramica, #marano, #mostra, #torino
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione