REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10142210
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Anna Cosseddu
stampa

 Anno II n° 4 del 02/03/2006    -   IL MONDO - cronaca dei nostri tempi


.gov/.it, l’analisi dei siti internet di pubblica utilità
La Polizia ci accoglie nei suoi nuovi uffici con un sorriso
Visita guidata al neonato commissariato on line, ancora da perfezionare nella struttura, ma già ricco di promesse e buona volontà
Di Anna Cosseddu


Dal 15 ottobre il commissariato on-line della Polizia di Stato ha aperto le sue porte al pubblico. E non semplicemente in modo figurato.

Digitando infatti l’indirizzo http://www.commissariatodips.it/, un filmato introduttivo (java) ci offre la ricostruzione di un vero e proprio commissariato. Facciamoci quindi guidare dal sorriso accogliente degli agenti di piantone e visitiamo insieme l’interno dell’edificio, per scoprire i servizi dei nuovi locali della Polizia di Stato on line.

Servizi e Utilità
Nel salone d’ingresso si affacciano sette uffici: sicurezza telematica, immigrazione, polizia amministrativa e sociale, concorsi, passaporti, minori e denunce. All'interno di ciascuna stanza ci sono ulteriori possibilità di scelta: forum tematici, denunce via web, approfondimenti e consigli per il cittadino. Nella sezione sicurezza telematica, ad esempio, troviamo schede informative sulle truffe telematiche più diffuse, i consigli per evitarle, gli approfondimenti tecnici e normativi, e il link per la denuncia on line. Immigrazione offre agli immigrati l’intera normativa che li riguarda, i moduli, le procedure e i link utili per i permessi di soggiorno, il lavoro, il ricongiungimento familiare e tanto altro. I moduli e le istruzioni per la richiesta di licenze di vario genere sono di competenza dell’ufficio di polizia amministrativa e sociale. L’ufficio concorsi è invece un utile aiuto per chi volesse intraprendere la carriera all’interno della Polizia di Stato: vengono fornite informazioni su come partecipare ai concorsi, le leggi di riferimento e le domande più frequenti. Interessantissima e ricca di ottimi consigli la sezione minori, all’interno della quale troviamo, tra l’altro, un questionario utile per valutare il grado di protezione che siamo in grado di dare ai nostri bambini, con i consigli utili per salvarli dagli attacchi della pedofilia on line. L’ufficio denunce rimanda infine direttamente al sito internet “denuncia vi@ web”, già attivo dall’inizio dello scorso anno.
Il commissariato è dotato inoltre di otto totem, ognuno dei quali è dedicato a una banca dati specifica. Attraverso essi si possono consultare i database di bambini scomparsi, auto rubate, documenti smarriti, oggetti rubati, banconote false, il catalogo delle armi, l’elenco latitanti e l’area download.

In conclusione, il sito è veramente ricco di risorse, servizi e spazi per denunce e segnalazioni. La promessa della costruzione di un commissariato con le stesse competenze di un qualsiasi commissariato di Polizia “reale” sono state mantenute. Speriamo che una conoscenza capillare tra i cittadini di questo utile strumento possa servire a smaltire un po’ del grande lavoro che la Polizia di Stato ogni giorno affronta per noi. 10/10

Accessibilità e Usabilità
Accedendo al sito, veniamo accolti da una schermata di caricamento delle immagini. L’attesa la si potrebbe considerare breve per i possessori di una connessione adsl, ma diventa molto lunga per tutti coloro che dispongono solamente di una connessione “lenta”. Ogni volta poi che da una sezione del sito si vuol tornare alla “hall” (la pagina principale), la schermata di caricamento ricompare, per far ripartire l’animazione della sala. Questo allungare i tempi di navigazione può portare insofferenza nei visitatori più impazienti. I meno esperti nella navigazione potrebbero invece trovare difficoltà nell’utilizzo dei totem e delle porte degli uffici, non facilissimi da “cliccare” in movimento. La versione statica del commissariato è raggiungibile attraverso un link posto in alto sulla destra del menù orizzontale, ma le pagine non rispondono agli standard di accessibilità previsti dal W3C, il consorzio internazionale di aziende informatiche.

In conclusione, l’idea di accogliere i visitatori all’interno di un “vero” commissariato on line è originale e accattivante, però risulta poco accessibile, e poco usabile dagli utenti più svantaggiati o meno esperti. Un’idea utile per migliorare potrebbe essere quella di far fare la scelta tra versione statica e versione dinamica al primo ingresso, in modo che il posessore di una linea lenta non si scoraggi già in partenza, prima ancora di riuscire a raggiungere il link “solo testo”. Per l’accessibilità invece basterà aggiornare il codice con i nuovi standard, e allora il sito raggiungerà finalmente il voto più alto. 5/10 (provvisorio)


Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Anna Cosseddu
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione