REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10223865
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Giacomo Nigro
stampa

 Anno II n° 6 del 30/03/2006    -   MISCELLANEA



Torino: divertirsi ai Murazzi del Po

Di Giacomo Nigro


I Murazzi del Po, in gergo detti "i muri", vennero costruiti nel 1830-35 ed ebbero una definitiva sistemazione solo nel 1873, la zona fu per lunghi anni anche luogo ideale per praticare sport, canottaggio, fare pic-nic ed incontrarsi.

Dopo un lungo periodo di abbandono e degrado, è dal 1990 che i Murazzi hanno avuto una rinascita e sono divenuti una gradevole passeggiata lungo il fiume che parte dal Ponte Vittorio Emanuele I per arrivare a corso San Maurizio. Al posto di concerie, lavanderie, botteghe artigiane, mulini e depositi per barche di pescatori sono sorti, sotto le antiche arcate, una sequenza di club, birrerie, posti per ballare e un centro sociale che sono oggi, assieme al Quadrilatero Romano, il cuore della vita notturna cittadina. A un passo da piazza Vittorio Veneto sono considerati il luogo del divertimento alternativo e meta fissa delle notti torinesi.

Quando il caldo si fa insopportabile, ai Murazzi, sulla sponda destra di Piazza Vittorio ci si può distendere sulle sdraio del The Beach dall'ora dell’aperitivo fino a notte fonda con la musica tech-house ed elettronica in genere proposta dai migliori dj. Dall'altro lato invece si può trovare musica più commerciale, in posti come il Pier o il Jammin e un'ampia scelta di locali (Alcatraz, Arcata 35, ecc.), e se proprio alle 4 non si ha ancora sonno è d'obbligo un salto da Giancarlo (locale Arci), punto di riferimento per tutti i nottambuli torinesi dai 15 ai 45 anni. Spesso si finisce per far tardi all'aperto, davanti al locale in cui si e stati fino all'ultimo, su una panchina, o, spostandosi dal fornaio, si può consumare una brioche e fare colazione; può capitare di restare a chiacchierare per ore sul posto dove si e tenuto uno spettacolo serale all'aperto.

Ecco sfatata la fama della vita notturna torinese spenta. In realtà, da qualche anno la città si e vivacizzata sotto questo punto di vista e la Torino di oggi offre, come abbiamo visto, innumerevoli occasioni di svago notturno, che riescono a soddisfare tutti i gusti. Da una piccola inchiesta fra alcuni giovani torinesi fra i 20 e i 35 anni è emerso che a Torino l'offerta di locali e spazi per la vita notturna e ricca e diversificata pari di quanto avviene in molte grandi città italiane.

All'ombra dei Murazzi nel '96 si sono formati i Subsonica e su queste sponde ha transitato buona parte della musica italiana del dopo-posse. E qui, negli altoparlanti dei club, ogni sera risuona ethnic-music: dal reggae al crossover, dal raggamuffin all'hip hop. Contagiata dalla nuova musica elettronica e dalle sperimentazioni dub ascoltate nei centri sociali all'ombra della Mole, la band ha deciso di miscelarle con formule più convenzionalmente pop. Dai Murazzi, quindi, il grande passo dei Subsonica verso le platee di tutta Italia, anche grazie alla preziosa opera creativa di Casacci, che oltre ad essere il chitarrista del gruppo è anche uno tra i produttori italiani più in voga.

Oltre a accontentare tutti i gusti, sembra inoltre che Torino sappia accontentare tutte le tasche, offrendo valide alternative anche a chi non vuole spendere tanto. La gamma di scelta spazia dalle discoteche (i dance floor importano ormai con costanza i migliori suoni di tutto il globo e offrono agli amanti della musica e del ballo i dj più in voga della scena internazionale) ai circoli, dalle associazioni culturali ai centri sociali autogestiti, dai locali etnici alle vinerie, moltiplicatesi esponenzialmente negli ultimi anni: la città ha infatti riscoperto le proprie radici, e, dopo gli anni '80 dominati dai pub inglesi, oggi vuole puntare sui nettari locali senza transigere sulla qualità.

Quasi tutti i giorni della settimana sono buoni per un'uscita notturna, anche se restano privilegiati il venerdì e il sabato (soprattutto da chi lavora), mentre il titolo di “serata morta”, se proprio va assegnato, tocca al mercoledì. Comunque, molti locali si danno da fare per accontentare gusti diversi, grazie soprattutto al meccanismo delle serate a tema, e in questo modo hanno colonizzato quasi tutti i giorni della settimana.


Una selezione dei Locali ai Murazzi (fonte TorinoSette – La Stampa):

  • Pier: il primo locale sulla destra scendendo ai Murazzi dal Ponte di piazza Veneto. Dehors, open space all'aria fluviale, sempre molto affollato. Si balla fino a tardi.
  • Alcatraz Club: oltre una porta di ferro, si entra nella ricostruzione del carcere di Alcatraz; caratterizzato da un ambiente in stile Club Music, il locale offre un sound non commerciale ma piuttosto rock, a tratti house e alternative. Si balla sino alle ore 5.
  • Jammin: discoteca music bar con un ampio dehor a ridosso del Po; caratteristico l'interno con soffitto alto e mattoni a vista.
  • Giancarlo: è il primo locale che ha aperto ai Murazzi e ha dato il via alla nascita di tutti gli altri. Si riempie a partire dalle 2 e chiude alle 7. È il simbolo della vita notturna universitaria e alternativa. L’atmosfera è unica,così come il luogo. Ogni notte si ripete un rito collettivo di risate, brindisi e danze libere. Ingresso con tessera Arci. Un discopub, o meglio, un bar danzante per chi ama le ore piccole.



Argomenti correlati:
#racconto, #torino, #turismo
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Giacomo Nigro
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione