REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10758175
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Serena Bertogliatti
stampa

 Anno II n° 13 del 06/07/2006    -   TERZA PAGINA


La Valle dell’Adda – visto per voi
Il ‘Carro dei Tespi’ con i Bollenti Spiriti che vi girovagano
Programma estivo seguendo le sponde del Po
Di Serena Bertogliatti




Amor che porti aspetto
di fantasime creature
trepidante nel mio petto
covi impudiche paure.
Le mie carni, or tremanti,
colme di pensieri audaci,
s’abbandonano agli amanti
e a peccaminosi baci.



C’è una valle – quella dell’Adda – che tutti noi, oggi, conosciamo.
Che ha ospitato secoli della nostra storia, e che oggi ospita un vero e proprio, vivente, pezzo di passato.

Parliamo di un carro – con tanto di cavalli a trainarlo – che come un (gioioso) fantasma anacronistico quest’estate percorrerà varie tappe, portando nei piccoli paesi padani il gusto di uno spettacolo che si apre nella propria piazza.
Perché anche a tutt’oggi, nel 2006, era multimediale globalizzata, vi sono piccole realtà isolate per cui le possibilità d’interazione con il mondo si limitano alla televisione. Nulla di male, certo, ma si può certo dire che non è esattamente ciò che viene inteso come “modo di passare una serata votata alla cultura”.

E qui arrivano i Bollenti Spiriti con il loro carro. E' un nome che compare assieme ad altri eventi nell’organizzazione estiva 2006 La Valle dell’Adda, opera composta da La Nuova Compagnia d’Arte Scenica.
Bollenti Spiriti ha in sé una ristretto gruppo di teatranti e aiutanti, un’organizzazione dedita alla ricostruzione storica del teatro d’epoca.
La Nuova Compagnia d’Arte Scenica ha iniziato il proprio percorso qualche anno fa, con il teatro cinquecentesco; ci offre quest’anno uno spettacolo in pieno Illuminismo, con parrucche, servette, maschere tipiche dell’epoca, ironia e qualche richiamo al presente, perché non si confonda antico con antiquato.

La vicenda narrata in Bollenti Spiriti è un teatro nel teatro.Il protagonista, Pomponio Amanzio, è un attore viziato, lamentoso, così occupato a ricoprire gli onori della propria professione da ritrovarsi, il giorno precedente la Prima, con un copione ancora da studiare (l’allegorico e pantomimico “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare, per la cronaca), che condivide l’esclusiva di personaggio portante con la serva Zita.

Zita: caricatura della servetta irriverente, che di riflesso come il padrone si lamenta, ma che, a differenza di questo, con il suo continuo piagnucolare sortisce una simpatia cameratesca.
All’interno di questa ristretta e stramba famiglia appare, pressoché letteralmente, un fantasma.
Fantasima, verrà chiamata per tutto lo spettacolo, caricaturata nell’appellativo quanto nei modi da nobildonna spagnola (defunta, ma pur sempre fascinosa).
Il quartetto viene chiuso da una Sensitiva, figura ambigua (forse un riferimento all’odierna confusione riguardo al genere?) che mostra di saper conoscere, là dove il denaro lo richiede, qualsiasi segreto di magia, invocazione degli spiriti, scongiuri e chi più ne ha più ne metta.

Uno spettacolo e una certezza: quella di non annoiarsi, perché ogni momento è riempito, colmato, da battute, e se non sono le battute a causare le risate ci penserà un gesto, se non un gesto un’espressione. Si può insomma dire che il pubblico sia accudito a trecentosessanta gradi, non un momento di stasi in cui annoiarsi.

Ma, come ogni buona opera, Bollenti Spiriti ha più livelli di lettura, non solo quello finale, il risultato immediato che causa tanto riso. Dietro alla durata della rappresentazione c’è una ricerca storica accurata, che da parte dallo studio dei costumi all’adozione di un linguaggio consono all’epoca rappresentata. E quindi: tre sarte nei retroscena e battute che, pur variando di volta in volta sotto l’influsso dell’improvvisazione, sono inequivocabilmente figlie dell’epoca Illuminista.
Gli elementi anacronistici che appaiono, come gli occhiali da sole perennemente posati sullo stizzito naso dell’Indovina e i richiami calcistici in vista della Nazionale, sono quindi voluti e ricercati, inseriti senza timore in un contesto abbastanza solido da non dover temere fraintendimenti.

Parliamo poi della vera e propria recitazione. Teatrale, ricordiamolo, e senza l’ausilio di alcun microfono – esattamente come i fari sul palco altro non sono che fiamme naturali.

Messa da parte la tecnica del passo (il personaggio compie un passo in avanti, dice la battuta, compie un passo indietro), lo scambio di dialoghi avviene per sguardi. Detta la battuta il personaggio si rivolge con gli occhi verso il compagno, e tutto il pubblico si ritrova, per ovvio motivo, a fare lo stesso, puntando l’attenzione sulla prosecuzione del dialogo.
Sottigliezze del mestiere, che lo spettatore non esperto non coglie, ma dalle quali viene colto.

Ho avuto il piacere di discutere con Sonia Rosset, regista e sceneggiatrice.
Vero piacere, perché ci sono persone in cui il teatro dimora stabilmente, ed entra così a fondo che anche il discorso più ordinario – come, ad esempio, un’intervista senza microfono – diventa momento in cui intrattenere l’interlocutore.

Sonia ha raccontato a Spaziodi Magazine quel che leggete, e anche di come i comuni che ospitano Bollenti Spiriti si trovino perplessi davanti alla richiesta logistica di sussistenza: due balle di fieno per i cavalli.

«siamo in Pianura Padana, avranno del fieno» ha continuato lei ridendo e col tono di chi conosce il proprio territorio.
Bollenti Spiriti è infatti costruito su misura: sono le valli del Po che permettono a questo bizzarro carro di essere trainato da semplici cavalli; è per chi in questa valle, così densa di echi di tempo passato ma forse povera d’appuntamenti ricreativi e culturali, che Bollenti Spiriti va in scena.
Uno spettacolo da vedere in una serata tiepida.
Per il divertimento, e per la qualità.

Bollenti Spiriti

Con:
Pomponio Amanzio,
il famoso attore - Domenico Santo
La servetta Zita - Mara Corengia
La Sensitiva Crocifissa - Lisa Pellegrino
La Fantasima - Elisa Conti

I tecnici:
Il costruttore materiale del nuovo carro, nonchè il custode delle due cavalle- Christian Guidetti
Il tecnico luci e suoni- Nakia Rizzo

I musici:
Pietro Triolo e Alessandro Battistin

La regista e sceneggiatrice:
Sonia Rosset


Il carro teatrale della Nuova Compagnia d’Arte Scenica.
Ispirandosi ai viaggi dei comici dell’arte di un tempo, il carro teatrale della Nuova Compagnia d’Arte Scenica porterà, per il sesto anno consecutivo, quell’antica magia, nelle piazze della provincia di Cremona e non solo. E così, a sei chilometri all’ora, questo carro ingombrante e colorato, trainato da due cavalle arriverà nelle piazze di quindici Comuni e si aprirà, trasformandosi in un piccolo teatro, con tanto di scenografie, luci, fuochi, sipario ed un palcoscenico su cui, gli attori, con costumi rinascimentali, reciteranno la nuova commedia di quest’anno: “Bollenti Spiriti”.. ...Pomponio Amanzio, attore di prosa e la sua servetta Zita, hanno appena dislocato in una casa, abitata da uno spirito (che loro chiamano fantasima). Presi dallo spavento chiedono aiuto ad una sensitiva, una certa Crocifissa, la quale dovrà più volte prestare i propri servigi, per poter liberare la casa dal sinistro inquilino…Ma, nel frattempo, Pomponio s'invaghisce della fantasima e le cose si fanno sempre più complicate…
Il carro teatrale ha iniziato il suo nuovo viaggio il 28 giugno a Bertonico (LO), e terminerà il 22 luglio a San Martino del Lago(CR).

I prossimo appuntamenti di Luglio:

Martedì 11……..Paderno Ponchielli
Mercoledì 12....Madignano
Giovedì 13…….Vaiano Cremasco
Sabato 15……..Pozzaglio ed Uniti
Domenica 16...Gerre Dè Caprioli
Martedì 18…….S. Daniele Po
Mercoledì 19….Gadesco Pieve Delmona
Giovedì 20…….Isola Dovarese
Venenerdì 21…Casalromano
Sabato 22……..S. Martino Del Lago



Argomenti correlati:
#carro dei tespi, #recensione, #teatro
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Serena Bertogliatti
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione