REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10151694
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Nicoletta Consumi
stampa

 Anno II n° 14 del 20/07/2006    -   TERZA PAGINA


Frammenti di storia dell’antico Egitto
Sacralità del loto

Di Nicoletta Consumi


La pianta di loto era per gli antichi Egizi un simbolo di speranza, salvezza e rinascita. L'offerta del fiore di loto era considerata un atto sacro, per questo compare spesso nelle raffigurazioni artistiche.

Il loto (seshen, in egizio) nasce nelle zone paludose dell'Egitto, soprattutto nelle aree del Fayum e del Delta. La sua radice attecchisce nei fondi limosi del fiume e la pianta estende le proprie foglie sulla superficie, aprendole al mattino e chiudendole la sera. In Egitto esistevano essenzialmente due tipi di loto: il loto bianco (Nymphaea lotus), con foglie dal bordo dentato, boccioli arrotondati e petali estesi; e quello blu (Nymphaea coerulea), che presenta foglie dal bordo lineare, boccioli a punta e petali stretti e aguzzi. In epoca tarda comparve un terzo tipo, la Nymphaea nelumbo.
Questa specie, descritta dallo storico Erodoto, è spesso rappresentata sui monumenti di stile ellenistico. Il loto blu fu l'emblema primitivo del Dio Nefertem, "signore dei profumi", e simbolo di rinascita: i miti della creazione raccontano che il sole nascente sorse da un loto galleggiando sulle acque primordiali del Nun, la massa increata.

Nell'architettura fu utilizzato il capitello di ordine lotiforme, che imitava un fascio di boccioli di questa pianta. Il cosiddetto iris dell'Alto Egitto era in realtà la Nymphaea coerulea. Nell'arte viene rappresentato mezzo aperto, con i sepali esageratamente a corna e i petali chiusi. Questa qualità di loto simboleggiò la pianta araldica dell'Alto Egitto.

Per gli antichi Egizi il loto simboleggiava la rinascita e la resurrezione. Per tale motivo, esso appare in molte scene di cerimonie. Nel gesto di aspirare il profumo del fiore di loto si mescolano il diletto e la magia della rinascita.

Spesso nelle scene di dipinti e rilievi si pone il loto in mano a una donna e lo si offre poi sugli altari. Sulla tavola delle offerte vi sono tutti gli oggetti e gli alimenti indispensabili per l'aldilà, anche i fiori di loto.
Nella teologia ermopolitana (della città di Ermopolis), viene descritta la nascita del sole a partire da otto divinità che fecondarono il fiore primordiale da cui esso doveva sorgere. Gli egizi credevano che il loto uscito dalle acque primordiali fosse la culla in cui il sole nasceva ogni mattina. A ispirare questo mito fu forse la caratteristica di questi fiori a crescere fuori dell'acqua, aprendo i petali al mattino e chiudendoli la sera.



Argomenti correlati:
#cultura, #egitto, #religione, #società, #storia, #storia antica
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Nicoletta Consumi
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione