ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO



La fotografia e Abydos, patrimoni dell'umanità

Paolo Renier in mostra a Firenze fino al 21 ottobre

Di Nicoletta Consumi

"La fotografia e Abydos sono due patrimoni inestimabili", con queste semplici ma emblematiche parole il fotografo Paolo Renier si è congedato da chi vi scrive, dopo avermi accompagnata passo dopo passo alla scoperta della culla della civiltà: Abydos.

La cripta della basilica di San Lorenzo a Firenze ospiterà fino al 21 ottobre la mostra fotografica "Abydos, Egitto", suggestiva ricostruzione scenografica della TA GSR, terra santa, egiziana.

Paolo Renier, trevigiano, ne è il fotografo, l'ideatore, il sognatore.
Con grandissimo rispetto si è avvicinato alla storia dell'Antico Egitto a partire dal 1989, anno in cui partì per un viaggio nella terra dei faraoni con l'egittologo Sergio Pernigotti, per tornarne affascinato e intento a valorizzarne culturalmente e socialmente il sito archeologico di Abydos.

Renier grazie alla sua arte è riuscito a carpire la vera essenza spirituale di Abydos, percepibile dalle immagini itineranti della mostra: nei rilievi del tempio di Sethi I o in quello di Ramesse II, ancor più osservando dai suoi occhi L'Osireion, il vero cuore pulsante di Abido, la tomba di Osiride.
L'atmosfera è magica, per il profano è amore a prima vista, per l'egittologo la scoperta di luoghi per lo più inaccessibili.
La bellezza di ogni singola gigantografia stampata su tela presente alla mostra è dovuta alla particolare tecnica usata da Renier che tende ad esaltare i bassorilievi. Non sono stati utilizzati normali flash che avrebbero appiattito le immagini bensì luci il più possibile radenti alle figure stesse. Questo ha fatto sì che il rilievo non sparisse dalla foto ma venisse riportato il più fedelmente possibile.

Paolo Renier ha realizzato un primo importante libro fotografico su Abydos dal titolo: Abydos, origini riflesse, ma ancor più rilevante è il secondo libro sull'antica civiltà egiziana, più ricco e completo: Abydos, Egitto.

Il lungo lavoro di Renier su Abydos ha suscitato l'interesse di istituzioni e persone come il ministro della cultura egiziana S.E.Farouk Hosny, l'accademia d'Egitto di Roma, l'egittologo Sergio Donadoni che lo ha definito il più importante esploratore visivo dell'ultimo secolo.

La mostra fotografica da Firenze si sposterà nell'aprile-maggio 2007 al palazzo del Turismo del Lido di Jesolo a Venezia, in seguito probabilmente al Vittoriale a Roma e si parla persino del Metropolitan Museum di New York. Tutto questo rientra nel Progetto Abydos voluto dallo stesso Renier. Alla base del progetto vi sono tre fondamentali principi: la conoscenza dell'antica civiltà egiziana, il suo rispetto e l'apprezzamento del suo valore storico, immutato nel tempo.

Il 10 agosto scorso è nata l'associazione "amici di Abydos", i cui membri potranno essere accompagnati da un esperto a visitare i musei egizi più importanti in Italia come Torino, Firenze, in Europa e naturalmente al Cairo. Potranno partecipare a conferenze tenute da egittologi e a viaggi mirati in Egitto e soprattutto ad Abydos.

Un sincero grazie a Renier per avere ridato la vita ad Abydos.


Titolo: Abydos, Egitto
Luogo: Firenze, Cripta della basilica di san Lorenzo
Durata: dal 24 settembre al 21 ottobre
Orario:dalle ore 10 alle ore 19
ingresso libero
Informazioni: www.studiorenierpaolo.it, info@studiorenierpaolo.it

I Libri
  • Titolo: Abydos, origini riflesse
  • Autori: Renier Paolo, Attombri Mario
  • Editore: Arti Grafiche Friulane
  • Anno di Pubblicazione: 1999
  • ISBN: 8886550529
  • Pagine: 128
  • Titolo: Abydos Egitto
  • Autori: Renier Paolo
  • Editore: Paolo Renier
  • Anno di Pubblicazione: 2004


Argomenti: #archeologia , #egitto , #foto , #fotografia , #storia , #storia antica

Leggi tutti gli articoli di Nicoletta Consumi (n° articoli 39)
il caricamento della pagina potrebbe impiegare tempo
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
10.145.024

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione