REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10455595
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Giacomo Nigro
stampa

 Anno III n° 5 MAGGIO 2007    -   FATTI & OPINIONI



Ecco Sarkozy
Destra sì, ma europeista e non suddita degli Stati Uniti
Di Giacomo Nigro


Nicolas Sarkozy è il nuovo inquilino dell'Eliseo. La Francia ha scelto e dal neopresidente è arrivato un segnale importante per noi europei, egli ha lanciato un appello agli alleati: "da questa sera la Francia è rientrata in Europa." ha dichiarato, egli si professa europeista convinto, e si è rivolto ai Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, ribadendo che la Francia vuole collaborare con loro. Naturalmente resta saldo il legame con gli Stati Uniti dei quali, ha detto: "la Francia resta amica". "Amo la Francia e sarò presidente di tutti": così, ha salutato gli elettori dopo vittoria netta il successore di Jacques Chirac.

Sarkozy ha vinto come avevano pronosticato tutti i sondaggi, dandolo sempre in testa rispetto alla rivale Ségolène Royal, cui è toccato ammettere l'amara sconfitta con la promessa che "come donna di sinistra" continuerà "la sua lotta". È stata una sfida nuova che ha rotto gli equilibri tradizionali contrapponendo per la prima volta una donna al figlio di un immigrato.

Sicuramente, è avvenuto in Francia un cambio generazionale che ha condotto alla guida del Paese un uomo nuovo e non per niente il vecchio capo della destra francese Jean-Marie Le Pen ha acidamente commentato a caldo: "all'Eliseo va un illusionista, ha fatto credere di incarnare la rottura che lo ha partorito, i francesi hanno il presidente che si meritano". Unica consolazione per il leader dell'ultradestra, secondo il quale il presidente eletto non manterrà le promesse fatte in campagna elettorale, è che la Francia "ha votato contro una nuova catastrofe socialista".

Pare chiaro che il modo di stare a destra di Sarkozy è totalmente diverso dallo stile della destra estrema e sembra probabile che un patto franco tedesco più stretto sia lo sbocco naturale di affinità politiche ora più solide. Lontane sono anche le posizioni della destra italiana, emergono chiaramente dalle prime dichiarazioni di Sarkozy le differenze con le posizioni internazionali di F.I. e AN troppo legate ad un americanismo acritico e più vicine, in tema d'Unione Europea, alle posizioni della destra antidemocratica di Le Pen.

Il neopresidente ha lasciato sperare in una nuova posizione francese rispetto alla Costituzione Europea, finora osteggiata dalla Francia e ritenuta da molti partners europei, fra cui Romano Prodi, indispensabile ed urgente. Le annunciate dimissioni di Blair potrebbero spianare ulteriormente la strada in questo senso.

Inoltre le impressioni di una posizione meno accondiscendente verso la politica statunitense lasciano sperare appunto in un maggior peso politico dell'Europa in attesa del nuovo Presidente degli Stati Uniti.



Argomenti correlati:
#francia, #politica, #sarkozy
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Giacomo Nigro
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione