REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  9981296
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Cricio
stampa

 Anno III n° 8 AGOSTO 2007    -   TERZA PAGINA



Il tempo, variabile indipendente?

Di Cricio


Chi ha tempo non aspetti tempo.

Non ho tempo per nulla!

Avessi il tempo per farlo...!

Ma come farà a trovare il tempo per tutto?


Ma cosa è il tempo?
Perché ci assilla e lo sentiamo sempre come una ossessione?
Lo viviamo come qualcosa che non si deve sprecare, lo dobbiamo far rendere al massimo.

Non so perché sia così, ma ecco un giorno cosa mi è successo.

Tanti anni fa, facevo il pendolare tra Bergamo e Milano ed ero sempre di corsa per non perdere un minuto.
I treni erano sempre in ritardo. Così, appena il treno entrava in Stazione Centrale, si balzava in piedi e si andava di corsa nel corridoio per arrivare allo sportello della carrozza tra i primi. Poi, appena il treno stava per fermarsi, giù dalla carrozza, sempre di corsa, dalla carrozza, senza aspettare che fosse fermo, e via correre lungo il marciapiede, giù dalle scale, verso la metropolitana, per non perdere un secondo e accalcandomi nella massa di gente. Cercare di entrare nel primo treno in arrivo e accaldato, schiacciato tra mille persone sconosciute, gente che era una massa gelatinosa, massa che mi si appiccicava addosso e ondeggiava con me al movimento della carrozza e che non vedevo neanche. Dovevo solo essere pronto a scendere 6 fermate dopo.

Un giorno mentre stavo correndo sul marciapiede grigio della Stazione Centrale, mi sono detto: "Scemo, ma chi se ne frega se arrivi dopo? Tanto non sono pagato a ore".

Improvvisamente mi sono bloccato, ho smesso di correre.
Ho lasciato fluire gli altri; le scale le ho fatte con tranquillità guardandomi intorno e cercando di leggere nel volto degli altri, le cose, di intuire la loro personalità.
Ho risposto a qualcuno che mi chiedeva qualche cosa.
Ho guardato il cielo.
Ho visto i fiori delle aiuole.

Beh non ci crederete sono arrivato sul lavoro solo tre minuti dopo, ma ho iniziato la giornata con il sorriso.

E allora?
La risposta classica è "sempre sessanta minuti", ma in questo caso, credo, vissuti meglio.



Argomenti correlati:
#cultura, #riflessioni, #tempo, #velocità
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Cricio
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione