REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10812789
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Daniela Losini
stampa

 Anno III n° 12 DICEMBRE 2007    -   TERZA PAGINA


Nelle Sale Oggi
1408

Di Daniela Losini


Da un racconto di Stephen King, 1408 di Mikael Hafstrom (padre registico del brutto “Derailed” e del decente “Evil”) butta tutto o quasi sulle spalle recitative di John Cusack, stropicciato scrittore giornalista che spernacchia gli hotel e gli alberghi che campano dei (supposti) fantasmi che li abiterebbero. Gira l'America testando luoghi suggestivi cari al turista del brivido, con apparecchiature alla ghostbusters e un registratore fedele che raccoglie tutte le sue riflessioni.

Per una serie di accadimenti ritorna a New York, città nella quale ha lasciato un dolore devastante dopo una perdita irrimediabile. Stuzzicato dalla nomea negativa della stanza 1408 in un albergo in puro stile liberty, il Dolphin Hotel, decide di applicare il proprio metodo di indagine e dopo un tentativo approfondito e articolato di dissuasione da parte del direttore (Samuel L. Jackson) ottiene le famigerate chiavi per spalancare la porta sull'inferno.

Lecito aspettarsi alla reception se non le Gemelline Insanguinate almeno il famigerato Mr Grady (per chi non lo sapesse abitavano il famigerato Overlook Hotel, il malefico albergo di “Shining” di Stanley Kubrick) ma la trama, dopo essersi sdebitata con inquadrature e allusioni esplicite al capostipite degli alberghi maledetti, tenta una propria strada. Prevedibilmente la stanza incriminata funge da catalizzatore per i propri demoni inscenando più e più situazioni al limite e paranormali: tempeste di neve, ologrammi vintage, fuochi purificatori, incontri strazianti, trabocchetti terrorizzanti, prove di resistenza psicologica.

Da salvare, narrativamente, il tema del doppio e il tentativo di unire finzione e realtà, capisaldi della letteratura kinghiana che amammo come pochi altri anche qui trasfusi, come nelle non sempre riuscite trasposizioni cinematografiche (in)capaci di esplorare il torbido della mente umana. Visivamente, la ricerca di soluzioni non ovvie o abusate concilia in alcuni passaggi la dovuta aspettativa. Argomenti ai quali rispondiamo sensibili ma che percepiamo, nella resa in celluloide, come anacronistici e situati in un’era temporale lontanissima, abituati come siamo allo spavento indotto. Amabilmente ai confini della realtà.


GIUDIZIO GENERALE ***
RITMO **
IMPEGNO **
COINVOLGIMENTO ***
Legenda : * scadente ** sufficiente *** discreto **** buono ***** ottimo



Argomenti correlati:
#cinema, #film, #recensione
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Daniela Losini
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione