REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10376676
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Giovanni Gelmini
stampa

 Anno IV n° 1 GENNAIO 2008    -   PRIMA PAGINA


Lo sbuffo
Noi siamo un Paese civile ! Così disse Prodi
Però i dubbi che ciò sia vero sono forti. Se questo è un paese civile perché...
Di Giovanni Gelmini


Se questo è un paese civile perché nel napoletano c’è un’emergenza immondizia irrisolta da 15 anni? Questo è evidentemente un grande segno di inciviltà, come grande segno di inciviltà è che vengano bruciati gli automezzi di chi va a rimuoverla, ma questo è nulla. Sempre nello stesso ambito abbiamo i politici che vanno a picchiarsi con le forze dell’ordine per non far sbarcare dalla nave i TIR carichi di immondizia napoletana. E così tutta la politica si confonde nei rifiuti puzzolenti e tossico nocivi.

Ma fosse solo questo!

La giustizia nostra è quella di un paese civile? Innocenti vengono infangati liberamente dalla stampa e solo dopo decenni la giustizia li assolve, ma la loro vita è stata distrutta. Peggio ancora, i colpevoli vengono lasciati liberi di proseguire le loro opere criminose, e quando si arriva a sentenza si scopre che i termini sono decaduti; questa è la giustizia di un paese civile?

È un paese civile quello che, malgrado la difficoltà appena detta della giustizia a funzionare, ha così tanti condannati in parlamento, anche per reati non certo adatti a chi vuole rappresentare i cittadini italiani?

È un paese civile quello che ha una scuola che non sa insegnare, ma che è immodificabile e senza controllo?

È un paese civile quello in cui non si ha la certezza di poter lavorare per mantenersi e chi lavora paga più tasse di chi trae reddito dal gioco con i soldi?

È un paese civile quello in cui persiste una elevato gettito dovuto ai bolli da apporre alle pratiche e le pratiche sono moltiplicate a dismisura in modo inutile?

È un paese civile quello in cui le opere pubbliche impiegano tempi biblici ad essere realizzate e vengono a costare cifre astronomiche?

È un paese civile quello in cui un politico può lamentarsi impunemente se vengono pubblicate sue telefonate in cui cerca di corrompere?

È un paese civile se... ne potremmo aggiungere a iosa di fatti che non ci qualificano come paese civile, infatti non lo siamo più. Grazie ai politici degli anni ’70 e ’80, padri ideologici degli attuali, siamo scivolati tra i paesi poco civili; assomigliamo più a un paese dell’America Latina anni ’60, anche se ci vantiamo di sedere tra i grandi, ma per quanto ancora?



Argomenti correlati:
#attualità, #civiltà, #corruzione, #fisco, #giustizia, #immondizia, #italia, #napoli, #politica
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Giovanni Gelmini
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione