REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10311285
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di
stampa

 Anno V n° 2 FEBBRAIO 2009    -   EVENTI


Arte contemporanea
Fotogrammi con orizzonte
Salvatore Garau al Musée d’Art Moderne Saint-Étienne Métropole dal 23 febbraio al 30 aprile 2009



La a Capricorno Gallery presenta, al Musée d’Art Moderne Saint-Étienne Métropole in Francia, uno dei centri d'arte europei più vivi e interessanti, la mostra dedicata all’artista Salvatore Garau dal titolo “Fotogrammi con Orizzonte”, che si svolgerà dal 23 febbraio al 30 aprile 2009.

Una mostra importante e corposa, con oltre trentatrè tele esposte di cui venti di grandi dimensioni, oltre a un gigantesco murales, opera site specific, a consolidare la fama di uno dei pittori più prolifici della scena artistica italiana contemporanea, già apprezzato a livello internazionale, oggi approdato al Museo d’Arte Moderna di Saint- Étienne per volontà dello stesso direttore del Museo, Lorand Hegyi, che è altresì il curatore della mostra.

Le tele di Salvatore Garau - come sottolinea Lorand Hegyi – si aprono su una scena gigantesca, un orizzonte illimitato che si fa teatro di avvenimenti maestosi e impressionanti… Ci si confronta con un’energia sconosciuta. La mostra fa il punto su un percorso pittorico di rara intensità e di grande coerenza espressiva”.

Nelle opere presentate – tutte realizzate nel 2008 appositamente per l’esposizione francese - si scorge una costante dominanza del viola elettrico, a suggerire i riflessi delle pellicole cinematografiche, per meglio raccontare fotogrammi della tragica contemporaneità. Ma allo stesso tempo l’accostamento del verde e dell’argento consolida il bisogno di un ostinato barlume di speranza.

Nei nuovi “Orizzonti” di Garau, oltre agli umori cromatici legati agli elementi naturali, incombono potenti neri avvolti da bianchi e luminosi celesti, facendo esplodere letteralmente indomabili movimenti e flussi energetici di mille sfumature squarciati dall’argento. I dipinti di Garau ci regalano così, soprattutto nella potenza libera del gesto e nell’estensione delle superfici, un’energia sconosciuta, oceani inusitati e strutture geometriche che danno rigore a composizioni meditate ma nello stesso tempo fortemente istintuali.


FOTOGRAMMI CON ORIZZONTE
SALVATORE GARAU A SAINT-ÉTIENNE
Inaugurazione: 23 febbraio 2009 ore 18.30
Musée d’Art Moderne Saint-Étienne Métropole
La Terrasse BP 80421
42 006 Saint-Étienne Cedex 1
Tel. 0477 795252
Fax 0477 795250
www.mam-st-etienne.fr


NOTA BIOGRAFICA

Salvatore Garau è nato a Santa Giusta, in provincia di Oristano, nel 1953. Vive e lavora fra la Sardegna e Milano. La sua ricerca estetica trova dapprima nella musica il suo campo d’azione. Per anni membro, con Franco Fabbri, degli Stormy Six, gruppo storico e fondamentale del panorama rock italiano degli anni Settanta, è solo all’inizio del decennio successivo che Garau si dedica a tempo pieno alla ricerca visiva.
Dapprima con una pittura materica che assimila l’informale, ma che nella ricchezza e nella precisione di temi sa già ritagliarsi un suo spazio autonomo.

Si deve all’intuizione di Elena Pontiggia la “scoperta” di Garau, che lo segnala sulle pagine di Segno come uno degli artisti più promettenti della sua generazione.
Saranno poi Enrico Crispolti e, soprattutto, Luciano Caramel ad assegnargli il giusto posto nella ricerca dell’arte coeva all’artista. Entrambi i critici, invitati dalla rivista Arte a segnalare gli artisti che avessero meglio operato durante gli anni Novanta, indicano infatti Garau come uno degli artisti più importanti di quegli anni.

E’ del 1984 la sua prima personale allo studio Cannaviello di Milano, cui seguiranno un gran numero di mostre, che lo vedranno impegnato in alcune tra le gallerie più note d’Europa.

Numerose sono le partecipazioni di Garau a collettive di respiro internazionale, tra le quali vanno segnalate Arte Lago 90, Etica all’arte a cura di Emanuela Crescentini, prima a Gubbio e poi a Cagliari, la XXXII Biennale d’arte di Milano nel 1993, Arte come progetto di vita, a cura di Luciano Caramel, per il Rotary, ospitata al teatro Manzoni di Milano nel 1996 e, due anni più tardi, Mediterranea, a Bruxelles. Da segnalare anche le mostre personali, tenute nel 2000 e 2001 alla Capricorno Gallery di Capri e alla Galleria Corraini di Mantova, nel cui catalogo è riportata anche un’ampia selezione di poesie dello stesso artista.



Argomenti correlati:
#arte, #arte contemporanea, #francia, #garau, #mostra, #saint-Étienne
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione