REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  9973114
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Cricio
stampa

 Anno V n° 2 FEBBRAIO 2009    -   EVENTI


Sei artiste a Clusone
“femminile plurale”
La Galleria Franca Pezzoli – Arte contemporanea ospita dal 28 Febbraio le opere di Cristiana De Pedrini, Christel Hermann, Elisabetta Vignato, Giosetta Fioroni, Roberta Savelli, Tania Pistone
Di Cricio



 

 Christel Hermann 6 Werzyklus Arche. 2005,
Tecnica mista su tela 60,0 x 60,0

“femminile plurale” è la mostra che si inaugura il 28 Febbraio alla Galleria Franca Pezzoli – Arte Contemporanea a Clusone (BG) e che vede riunite nello spazio espositivo sei artiste che possono rappresentare l’arte al femminile: Cristiana De Pedrini, Christel Hermann, Elisabetta Vignato, Giosetta Fioroni, Roberta Savelli, Tania Pistone.

Vengono così riunite forme espressive diverse provenienti da una lunga esperienza o la produzione di giovanissime promettenti.

Christel Hermann è presente con opere del ciclo “Archè” : opere con una forte spinta introspettiva, in cui l’artista tedesca attraverso l’uso dell’informale, con pochi segni, linee e macchie, che possono assumere forme quasi antropomorfe, spinge a cercare un dialogo con se stessi.

 
 :GIOSETTA FIORONI Love. 2000,
  Tecnica mista su carta 100,0 x 70,0

Sono opere contemplative, in cui il bianco è rotto da segni e “macchie” ocra o di altri colori scuri e sfumati, macchie che possono richiamare forme antropomorfiche, simbologie e che si riallacciano al pensiero filosofico greco e tedesco.

Le opere di Giosetta Fioroni sono facilmente leggibili da tutti; i simboli presenti aiutano agevolmente a comprendere il messaggio che l’artista lancia, ma la sua espressione non è banale, anzi la lunga esperienza, le permette di ben dosare colori, forme e parole.

La parola è per Giosetta un agent provocateur che, come dice in un’intervista “l’hanno sempre ispirata” e nelle opere esposte ritroviamo infatti il simbolismo delle forme e delle parole.
 

 Elisabetta Vignato Poi. 2004
 Olio su tela 65,0 x 40,0


Elisabetta Vignato
presenta le sue opere figurative, in una rappresentazione in cui prevale il disegno articolato in cromatismi tenui, che ben si adattano all’ immagine dei suoi figli.

Figure amate su sfondi monocromi che le rendono centro assoluto dell’immagine. Sogni su tela, li potremmo definire, sogni di una mamma che ama e sogna i figli in una realtà quasi sospesa.

A volte ritroviamo anche colori vivaci, come sgargianti rossi, che possono evidenziare la vivacità innata nei bambini.


In Roberta Savelli ritroviamo ancora figure dell’infanzia. Sono figure fragili, molto femminee, visi e corpi descritti con rapide pennellate, ma estremamente dolci, visti con gli occhi dell’amore di madre.

 
 Roberta Savelli Senza titolo 2008
Olio su garza 140,0 x 140,0

Sono immagini che ti catturano e che esaltano le caratteristiche del mondo infantile e della prima adolescenza: la .purezza, la fiducia e la spontaneità. La particolare tecnica pittorica usata, olio diluito su tela di garza, dà una dimensione tutta particolare a queste immagini rendendole suggestive, ma rarefatte ed impalpabili.


Tania Pistone ci presenta invece tematiche più aggressive. Un lavoro sull’archetipo della scrittura visto come elemento- traccia dell’esistenza dell’uomo.
gie di testi, da semplici annotazioni a pagine intensamente scritte alla base delle suo opere.
 

 Tania Pistone N.Y. 2004
  Acrilico e testo scritto su tela 27,0 x 20,5

Ritroviamo vari tipologie di testi, da semplici annotazioni a pagine intensamente scritte alla base delle suo opere.
Questi scritti vengono invasi da tratti colorati vivaci e altre immagini per dare la tensione di un divenire che non riesce a cancellare il passato..

Temi talvolta ossessivi, fatti con un attento lavoro cromatico e di composizione.


Mi scusi Cristiana De Pedrini se la lascio per ultima, ma a lei voglio dedicare qualche riga in più, perché si tratta di una giovanissima artista di sicuro futuro.

Diplomata nel 2002 in scenografia a Brera; successivamente sempre a Brera frequenta il corso di pittura del professor Maurizio Bottarelli e nell’ottobre 2004 vince una borsa di studio per partecipare ad un programma di scambio con le Università della California della durata di 9 mesi e fino al dicembre 2005 frequenta i corsi d’arte applicata a UCLA – Università di Los Angeles.
 
  Cristiana De Pedrini Mercato a Boa Vista
  acrilici su tele ; cm 205x150
Rientrata in Italia partecipa a numerose mostre e realizza due personali a Roma e a Milano.

La sua pittura è diretta, coglie il significato delle immagini che la circondano e, con forti cromatismi e un disegno immediato e veloce, li trasferisce sulla tela. La somma dei simboli di vita, così raccolti, rendono l’immagine della realtà sperimentata dall’artista e la trasmettono a noi in una comunicazione densa e reale.

“femminile plurale” è quindi una mostra che ci permette di cogliere sei modi diversi di essere artisti al femminile.


femminile plurale

CRISTINA DE PEDRINI
CHRISTEL HERMANN
GIOSETTA FIORONI
TANIA PISTONE
ROBERTA SAVELLI
ELISABETTA VIGNATO


Dal 28 Febbraio al 23 Marzo 2009
inaugurazione sabato 28 Febbraio ore 18
alla FRANCA PEZZOLI ARTE CONTEMPORANEA
Via Giuseppe Mazzini 39 (24023) Clusone
presentazione critica a cura di Elisa Motta
orari:
Tutti i giorni 10-12.30 e 16- 19.30
chiuso il mercoledì
Ingresso libero
genere: arte contemporanea

informazioni:
+39 034624666
info@atelierdarte.191.it www.pezzoliarte.com



Argomenti correlati:
#arte, #arte contemporanea, #clusone, #mostra
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Cricio
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione