REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10814230
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di
stampa

 Anno V n° 6 GIUGNO 2009    -   EVENTI


Arte nell’ottocento
IL NUOVO DOPO LA MACCHIA - Origini e affermazione del Naturalismo toscano
Montecatini Terme (Pt), dal 16 Luglio 2009 al 18 Gennaio 2010



 

Telemaco Signorini, Paesaggio a Careggi

Dal 16 luglio 2009 al 18 gennaio 2010, le storiche sale del Polo Espositivo Terme Tamerici di Montecatini Terme ospiteranno la mostra IL NUOVO DOPO LA MACCHIA. Origini e affermazione del Naturalismo toscano.

L’esposizione, curata da Tiziano Panconi, fra i massimi esperti della pittura italiana dell’800 e dei pittori macchaioli, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, promossa dal Comune di Montecatini Terme, dalle Terme di Montecatini, dalla Camera di Commercio Industria e Artigianato di Pistoia, dalla Regione Toscana, presenterà 100 opere, provenienti da collezioni pubbliche e private italiane, di artisti quali Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Telemaco Signorini, Cristiano Banti, e altri che, a partire dalla metà degli anni Cinquanta fino all’ultimo decennio del secolo XIX, presero parte al processo di riforma intellettuale e artistica dell’epoca, dando luogo a una vera rivoluzione estetica.

L’iniziativa si propone di rappresentare quanto avvenne in ambito artistico, in Toscana, dopo la ‘macchia’ che ruppe gli schemi compositivi preconcetti e immobilisti dell’Accademia, operando una rigenerazione nel modo di fare e di intendere l’arte, portando un contributo stilistico e filosofico attraverso il quale l’artista assumeva coscienza del suo ruolo nella società.
Il progetto scientifico si prefigge quindi di addurre un nuovo contributo alla conoscenza della pittura toscana (nazionale e internazionale) del XIX secolo esibendo i tratti, non del tutto conosciuti, di una sensibilità espressiva di assoluto valore, distinta e fortemente caratterizzata.

progressivo degradare di una espressività che si misurava sulle formule cognitive dettate dai canoni classici, la ripresa delle maggiori opere del passato e il lento studio sugli antichi, costituirono alcune tappe fondamentali della formazione dei giovani artisti che, in numero sempre crescente, uscirono dal buio degli studi per applicarsi alla rappresentazione del paesaggio, avvalendosi di un inedito procedimento didattico, rivolto - fenomeno assolutamente innovativo - all’analisi del repertorio naturalistico, della luce solare e dell’ambiente della civiltà contemporanea.
 
 

Filadelfo Simi, Ragazza in giallo

Sviluppando una ricerca estetico-artistica che, sorta nel solco delle prime sperimentazioni macchiaiole, fu destinata a acquisire una propria peculiare autonomia, sul finire degli anni Sessanta del XIX secolo, questi stessi artisti intrapresero strade diverse, ma fra loro consapevolmente unite da un comune denominatore: la ripresa diretta dei temi naturalistici.
Inaugurando una nuova stagione creativa, questi maestri avviarono un’opera di modificazione dei principi e dei riferimenti culturali autoctoni che avevano animato la ben nota riforma macchiaiola.
Nella ricerca, non più esasperata né dai violenti contrasti luminosi né dalle abbreviazioni formali neo-quattrocentesche della prima ora, i pittori toscani si mostrarono unitamente aperti alle innovazioni prodotte in ambito europeo dal Réalisme e, in parte, incoraggiati dal critico e mecenate Diego Martelli, anche dal contemporaneo Impressionismo, formando una vera e propria scuola di pensiero che forgiarono una cifra stilistica del tutto originale e immediatamente riconoscibile, fondata sulla tenuta dell’impianto disegnativo e sulla puntuale ripresa dal vero dell’impaginato luministico del soggetto, solitamente a sfondo sociale, attinente alla contemporaneità e alla vita in campagna.


 

Giovanni Fattori, Le fascinaie

Albo dei prestatori pubblici: Galleria d’Arte Modena di Palazzo Pitti, Firenze; Fondazione Carlo Marchi, Firenze; Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, Firenze; Accademia Antinori, Firenze; Museo di San Matteo, Pisa; Museo Civico Giovanni Fattori, Livorno; Museo Civico Don Giovanni Verità,, Modigliana; Museo della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci, Milano; Terme di Montecatini, Montecatini; Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Forti, Verona; Pinacoteca Vaticana, Città del Vaticano; Pinacoteca Provinciale di Bari, Bari; Pinacoteca Nazionale di Bologna, Bologna; Banca di Credito Cooperativo della Versilia, Pietrasanta

Accompagna la mostra un catalogo Pacini editore, con testi del curatore, Tiziano Panconi, contributi critici di Loredana Angiolino e presentazione del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, sen. Sandro Bondi.


IL NUOVO DOPO LA MACCHIA.
Origini e affermazione del Naturalismo toscano.
dal 16 luglio 2009 al 18 gennaio 2010
Montecatini Terme, Polo Espositivo ex Terme Tamerici

orari: dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 20.00. Chiuso lunedì e il 25 dicembre.
La biglietteria chiude un’ora prima
ingresso: intero: euro 10,00;
              ridotto: euro 8,00;
              gruppi superiori a 25 persone, ingresso ridotto, euro 8,00 cad.
soltanto per scuole: in gruppi superiori a 25 persone, studenti euro 3,00 cad. e ingresso gratuito per il professore accompagnatore

catalogo: Pacini editore, Pisa

visite guidate: Euro 50,00 fino a 15 persone;
                     Euro 70,00 per gruppi fino a 25 persone,
Prenotazione obbligatoria a macchiaioli@espertise.info
Tel. 329.0474475
prevendita: è possibile prenotare i biglietti contattando direttamente la segreteria delle Terme al 0572.778401
sito internet:
http://www.macchiaioli-montecatini.com/



Argomenti correlati:
#arte, #arte moderna, #montecatini terme, #mostra
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione