REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  9984591
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Ladilunaa
stampa

 Anno V n° 8 AGOSTO 2009    -   TERZA PAGINA



Dalle rosse radici della mia terra

Di Ladilunaa



 


Questa rossa terra da cui mi emergo giā in agonia: sangue e fango
questa terra preziosa dove affondo e di cui non posso disfarmi.

Nove soli tutti accesi al mezzo del giorno -l'attesa-

Sette lune tutte piene a scrosciarsi pietre incandescenti
sulla collina. -i giorni-

Nella primogenia di Adamo la parte chiara č scura , stretta
alle mie prove: rammendo veloce di pioggia, intarsiata
sui castagni a mezza costa affollati di campane. Questa terra
che mi ciba anche di lontananza-da cui non posso staccarmi-
voce che grida dal profondo delle ossa sui miei capelli stanchi
sopra
              sotto
                           e anche a fianco.

Radici quaresimali di folla inghiottita e rigurgitata cui immemore
appartengo, atta a procreare nuovi fantasmi in antiche angoscie
ma anche Lilium Supremo, incastonato di diamanti.
Mentre bacia il vento il duro avorio delle mani che spezzano
l'ostia sacrificale sui giorni del dolore, appare presso la mia finestra
grande come un cielo un territorio di miele scuro
sul groviglio degli adduttori agli inguini addormentati

 

 



Argomenti correlati:
#poesia
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Ladilunaa
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione