stampa


Vedi tutti gli articoli
di


Argomenti correlati:
arte, arte contemporanea, capelli, clusone, mostra

Articoli letti
4174625

Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight ? vietata riproduzione anche parziale


RSS feed RSS
 
Condividi  
OkNotizie Twitter Badzu
Condividi


REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8

 Anno VI n° 2 FEBBRAIO 2010    -   EVENTI


Mostra d'arte contemporanea
Mauro Capelli: “Trasparenze e colore”
A Clusone, alla Franca Pezzoli Arte Contemporanea dal 27 Febbraio al 27 Marzo 2010



 

Mauro Capelli, Arte in città: tecnica mista su carta e faesite cm 59x80

La mostra, che si inaugura il 27 febbraio prossimo alla “Franca Pezzoli Arte Contemporanea”, presenta le opere di Mauro Capelli, affermato artista bergamasco. Le sue opere si caratterizzano per l’impasto denso e granuloso, di opaca corposità. L'artista ottiene così accostamenti cromatici, vivaci, con l'impressione che la luce si scomponga sulla tela per effetto di una rifrazione.

Mauro Capelli, Una vecchia Venezia, tecnica mista su tela 100x100
Ampie zone di abbagliante luminosità dominano le sue composizioni: vere e proprie ‘trasparenze’ , che, con una studiata sfocatura dei diversi piani prospettici, suggeriscono un ‘oltre’ di inafferrabile trascendenza, annullano ogni riferimento spazio-temporale e danno vita ad immagini di grande suggestione e levità.

Nell’universo di Mauro - scrive Elisa Motta nella presentazione critica - Capelli, par di capire, all’uomo è negata la nitida visione delle cose, ma tutto rientra in un inafferrabile progetto di armonia finale. Così anche la solitudine e l’incomunicabilità, che pure si leggono nei personaggi, non si tingono mai dello strazio dell’abbandono, né la crisi di identità è vissuta come tragedia personale. C’è, se mai, una silenziosa sospensione del giudizio, un senso di perplessa attesa per ciò che sarà e che ognuno affronterà con le proprie forze, senza il timore del domani.

La stessa atmosfera troviamo nei tanti paesaggi dipinti dall’artista: distese di campi simili a un caleidoscopio di colori, scintillii diffusi che si confondono con l’orizzonte. Non luoghi definiti, ma metafore della vita. E anche quando l’autore si confronta con precise realtà urbane, dedicando particolare attenzione a quelle più ricche di storia, procede secondo il proprio inconfondibile stile. Sia che il suo sguardo ne colga da lontano il profilo architettonico, sia che si posi sul particolare di un angolo nascosto, egli smantella la struttura oggettiva per ricostruirla attorno ad un lampo sfolgorante, che subito si trasforma nel centro ottico e semantico dell’intera composizione


Capelli dipinge anche le nature morte, che sono meno numerose, ma meritano una particolare attenzione. Egli predilige soggetti essenziali, che si ricollegano nel tema affrontato alla trascendente severità di Moranti e di Ferroni. Sceglie spesso scorci di interni segnati dal tempo: pochi oggetti di arredo in posizione decentrata, una finestra che penetra l’oscurità incombente. Nessun abbellimento, nessun elemento ornamentale, ma la pregnanza del ricordo che satura l’atmosfera. Vi sono condensate le ore della nostra vita dedicate alla meditazione solitaria.

Elisa Motta si pone una domanda: “Quale dunque è il cammino da percorrere di fronte alle opere di Mauro Capelli? A cui risponde innanzitutto con un'analisi storica della sua opera, da cui appare come l’artista bergamasco non abbia mai cercato la rottura e si sia sempre attenuto rigorosamente ai tre generi tradizionali: figura, paesaggio e natura morta, anche se egli si caratterizza in modo preciso, per tecnica e spirito interpretativo, nel contesto della produzione contemporanea.

 

Mauro Capelli, Addormentarsi, tecnica mista su tela cm 80x140


Mauro Capelli
- scrive Elisa Motta - è ben lontano dalla figurazione delle correnti di ascendenza impressionista e post-impressionista, come pure è estraneo alle tentazioni dell’iper e del neo-realismo più o meno surreale. E’ un pittore che lavora a colpi di spatola, mescolando i pigmenti colorati con gesso sabbia e cementite, ma non si tratta neppure di quella stesura fortemente materica, emersa con prepotenza a partire dalla metà del Novecento, che mirava a sottolineare la supremazia della fisicità sulla forma.

Limiti e confini si dissolvono in rappresentazioni indefinite, sottintese dal mutare delle tonalità o delimitate da un segno essenziale inciso nel colore. Le figure femminili divengono il simbolo di un'umanità complessa e confusa, che cerca di affermare se stessa e di capire il mondo: volti e corpi parlano di un’ identità sfuggente, ma anche di casta sensualità e di fusione con il tutto. Il limite tra spazio e corpo è azzerato, le campiture di colore vibrante trascolorano dalle tonalità luminose all’ombra, fino a dissolversi nel blu. E non è il blu profondo e compatto della notte o degli abissi marini, ma piuttosto quello dolce e consolante di un crepuscolo appena brumoso.


Mauro Capelli: “Trasparenze e colore”
Franca Pezzoli Arte Contemporanea
Via Giuseppe Mazzini 39 (24023) Clusone
dal 27 Febbraio al 27 Marzo 2010
Inaugurazione 27 Febbraio ore 18
Orario 10.00 . 12.30 16.00. 19.30
Chiuso il Mercoledì
Ingresso gratuito
catalogo in galleria
Presentazione critica di Elisa Motta
informazioni +39 034624666
info@pezzoliarte.com www.pezzliarte.com


© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato