REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10619166
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Silvia Sanna
stampa

 Anno VI n° 4 APRILE 2010    -   TERZA PAGINA


Alla ribalta
L'Isola dei Cassaintegrati
Così è chiamata ora l'Asinara, per ricordare ironicamente che c'è chi è costretto a fare il naufrago per tirare avanti e chi, invece, per assicurarsi un posto nello spettacolo.
Di Silvia Sanna


 

Operai della Viliyls sulla Torre aragonese di Porto Torres (foto G. Gelmini - 10/01/2010)

Abbiamo lasciato gli operai della Vinyls e dell'indotto su una torre aragonese del 400. Da mesi sono in cassa integrazione e del futuro non vi è certezza. La loro sofferenza è attutita solo dalla grande cordata di solidarietà scatenatasi tra la gente comune.

C'è chi alle prime luci dell'alba porta sulla torre cornetti appena sfornati, chi il caffè bollente.
C'è chi organizza fiaccolate sotto la pioggia, creando una processione di fiammelle che, nonostante i venti contrari, faticano a spegnersi.
Proprio come la loro voglia di lottare per ciò che è loro dovuto. Il lavoro.
Proprio come quei venti che soffiano, impetuosi, sulla loro protesta civile: una protesta insolita che dà fastidio a qualcuno.

Carcere "occupato" dell'Asinara (foto Silvia Sanna - Aprile 2010)
Siamo troppo abituati a vedere rivolte di popolo, con vetrine spaccate e macchine date alle fiamme. Una protesta così pacifica non rientra nella norma, in un'Italia alla deriva. E allora cala il silenzio e si fa di tutto per ignorarla.
Ma nel 2010 i bavagli dell'informazione possono essere aggirati dalla rete, dai social network, dal passaparola messaggistico.
E così sono quasi 90.000, i sostenitori della causa dell'“Isola dei cassintegrati” riuniti su facebook. Sono rappresentate tutte le regioni della penisola e il grido di protesta si è esteso anche in Spagna, Irlanda, Messico, Inghilterra, Birmania, Panama. Ogni giorno centinaia di persone da ogni angolo del pianeta lasciano un messaggio, un sorriso, un abbraccio sulla piazza virtuale dell'isola dei cassintegrati. Ora è il momento delle foto simboliche: chiunque può stampare un cartello di solidarietà per i 'naufraghi del lavoro' e fotografarlo ai piedi della Tour Eiffel, al Parc Guell, davanti al Colosseo o ai piedi della Mole Antonelliana.

Il popolo di facebook si è già sbizzarrito in questa gara di solidarietà e le foto arrivano copiose. I cassintegrati le appenderanno nelle celle dell'ex carcere che hanno occupato, all'Asinara, il primo maggio, giornata dei lavoratori e dei cassintegrati e di tutte le anime dannate dall'economia di una nazione allo sfascio.

Noi li abbiamo lasciati su una vecchia torre a gennaio e ora li ritroviamo su un'isola, ex carcere all'aperto, abitata da mufloni, asinelli albini, pernici e da un artista, Enrico Mereu, che con tronchi di legno, trasportati dalle mareggiate, crea incredibili sculture.

 

Andrea Spanu (cassintegrato Vinyls)

All'Asinara, fino al 1998, i reclusi avevano numero di matricola e fedina penale sporca. Tra loro, Totò Riina che viveva addirittura in un bunker chiamato "La discoteca", per via dell'illuminazione diurna e notturna attorno all'edificio che teneva sotto controllo l'uomo della mafia.

Le celle, un tempo abitate da assassini, ladri e poveri diavoli e dismesse con la chiusura del carcere, ora ospitano i lavoratori della Vinyls e dell'Eurocoop in cassa integrazione, che hanno occupato simbolicamente l'isola da ormai 50 giorni.

Pietro Marongiu (cassintegrato Vinyls)

Tra loro, molti giovani: alcuni con bambini di poco più di un anno, altri che hanno dovuto sospendere il mutuo, annullare il matrimonio imminente, abbandonare la carriera sportiva. Ma c'è anche chi sta per andare in pensione, come Pietro Marongiu, detto 'Il tiranno", su babbu mannu dell'isola: potrebbe godersi gli ultimi giorni di (non) lavoro a casa e invece è sbarcato con i suoi colleghi più giovani all'Asinara, dimostrando una forza d'animo e una resistenza tale, da far invidia ai diciottenni.

Sull'isola occupata anche due donne: due giovani mamme cassintegrate che lavoravano presso il call center Electa, che ha chiuso i battenti lasciando a casa centinaia di lavoratori. Giovanna e Cinzia non mollano: sono le uniche donne dell'isola e, come la maggior parte delle donne sarde, sono cocciute e orgogliose. Non si sentono affatto una minoranza, in un'isola popolata da uomini cassintegrati, ma si sentono parte intrgrante della famiglia. Della lotta. Della Sardegna che cerca di non affondare.

L'isola dei cassintegrati: così è chiamata ora l'Asinara, per ricordare ironicamente che c'è chi è costretto a fare il naufrago per tirare avanti e chi, invece, per assicurarsi un posto nelle vetrine della televisione: ricettacolo di corpi nudi e teste vuote.

 

Paesaggio dell'Asinara (foto Silvia Sanna - Aprile 2010)

Abbiamo già parlato del problema della Vinyls e del più ampio problema delle "cattedrali nel deserto", di cui la Vinils subisce le conseguenze:
Gennaio 2010 -
Operai della Vinyls sulla torre! e Le cattedrali nel deserto e la crisi
Febbraio 2010 - Il problema delle “cattedrali nel deserto” resta



Argomenti correlati:
#asinara, #crisi, #crisi economica, #economia, #lavoro, #vinyls
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Silvia Sanna
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione