REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  9981951
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di
stampa

 Anno VI n° 12 DICEMBRE 2010    -   EVENTI


Mostra alla Permanente
Ambrogio Alciati.Lezioni di pittura
A Milano dal 24 novembre 2010 al 9 gennaio 2011


 
Ambrogio Alciati -I bambini Moizzi, 1929, olio su tela
La Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano organizza, dal 24 novembre 2010 al 9 gennaio 2011, la rassegna “Ambrogio Alciati (1897-1929). Lezioni di Pittura”, che vuol essere un invito a riscoprire uno dei più affascinanti ritrattisti del primo Novecento – non lo si ricordava a Milano dalla piccola retrospettiva in Palazzo Reale del 1975 – e, nel contempo, un omaggio della Permanente stessa a un antico Socio che nelle sue sale svolse gran parte del proprio itinerario. Omag-gio al pittore e al maestro, che dalla cattedra di Brera formò un’intera generazione di artisti, ma anche intrigante galleria d’immagini di molti fra i protagonisti della “Milano bene” inizio secolo.

Antonio Ambrogio Alciati nasce a Vercelli nel 1878, frequenta il locale Istituto di Belle Arti e nel 1897, con una borsa di studio, si trasferisce a Milano ed entra all’Accademia di Brera. Di qui gli studi ai corsi di Vespasiano Bignami, Giuseppe Mentessi e Cesare Tallone; la Medaglia d’Oro (1910), il Premio Principe Umberto (1914); l’imporsi come ritrattista presso l’alta borghesia cittadina; l’avvio del cursus espositivo con le mostre della Permanente, le Esposizioni Nazionali di Brera, le Biennali di Venezia, ininterrottamente dal 1907 al 1920. Proprio nel ’20 è chiamato a Brera al posto di Cesare Tallone, morto l’anno prima, e terrà cattedra sino al 1929, data della prematura scomparsa.

 
Ambrogio Alciati- Autoritratto, 1928, olio su tela
Pur nei limiti imposti dalla difficoltà di reperire e ottenere molti lavori, i sessantacinque dipinti e di-segni proposti, anche inediti, dal 1899 al 1929, chiariscono l’intero processo creativo dell’artista che, erede della Scapigliatura nel privilegiare la figura, fonda però la propria visione sulla padronanza del segno e l’equilibrio tra forma e colore. Alciati è pittore d’istinto più che di teoria. Nel preferire la lu-ce d’interni al plein air e nel cogliere la psicologia dei committenti e del loro universo (voleur d’âme direbbero i francesi) entra di diritto nella ritrattistica ‘mondana’ europea fra Otto e Novecento, che in Italia si vorrebbe limitare a De Nittis e Boldini, mentre in effetti coinvolge tutta una corrente di autori raffinati, dal linguaggio modernissimo nello sguardo sul dato visivo, se pur ‘accademici’ nel tradurlo, sì da meritare quella sorta di ostracismo critico verso quanto non tocchi le avanguardie storiche.

“Lezioni di pittura”, infine, non solo in senso lato, perché una sezione della rassegna è dedicata ad alcuni allievi di Alciati, per strade diverse ed esiti peculiari: Francesco De Rocchi, Cristoforo De A-micis, Umberto Lilloni, Angelo Del Bon, Adriano di Spilimbergo, Virginio Ghiringhelli, Guido Tal-lone, Giuseppe Novello, Gianfilippo Usellini, Gino Meloni.


Ambrogio Alciati.Lezioni di pittura
a cura di Annie-Paule Quinsac e Alberto Ghinzani
Gli allievi di Alciati a Brera, sezione a cura di Luca Cavallini
Museo della Permanente - Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Via Filippo Turati, 34 20121 Milano
dal 24 novembre 2010 al 9 gennaio 2011
Inaugurazione martedì 23 novembre 2010 ore 18.30, Palazzo della Permanente

orari di apertura da martedì a domenica 10.00-13.00 e 14.30-18.30,
sabato e domenica 10.00-18.30; chiuso tutti i lunedì, dal 24 al 26
dicembre e 31 dicembre 2010, 1 gennaio 2011.
biglietto di ingresso € 5,00 intero; € 2,50 ridotto
informazioni tel. 02 6551445
catalogo Silvia Editrice



Argomenti correlati:
#alciati, #arte, #arte moderna, #milano, #mostra
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione