REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  9976212
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di
stampa

 Anno VI n° 12 DICEMBRE 2010    -   FATTI & OPINIONI


Camera dei Deputati - Seduta n. 404 di martedì 30 novembre 2010 - Bozze non corrette in corso di seduta
Francesco Pionati. Misto - RAADC
Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l'efficienza del sistema universitario - Dichiarazioni di voto


Signor Presidente, onorevoli colleghi, vorrei innanzitutto inviare un saluto agli studenti che stanno protestando in tutta Italia e alle forze dell'ordine che sono impegnate a contenere la protesta entro limiti di civiltà. Protestare, ovviamente, è sempre consentito, è un diritto sacrosanto, anche se in questo caso noi riteniamo che ci sia una scarsa comprensione del provvedimento nel merito, probabilmente per pregiudizio ed eccesso di strumentalizzazione.

Noi siamo favorevoli a questo provvedimento e il nostro gruppo, Repubblicani, Azionisti, Alleanza di Centro voterà convintamente a favore per poche e semplici ragioni. Anzitutto, noi sappiamo, come tutti del resto, che non esistono soluzioni miracolistiche ai problemi dell'università italiana, ma questo provvedimento rappresenta, a nostro avviso, comunque un passo avanti perché snellisce, semplifica e delegifica una materia sulla quale troppo spesso in passato l'attività politica non si è concentrata a sufficienza. Vi è poi un aspetto fondamentale, ossia il tentativo di fissare un avanzamento sulla base del merito, un avanzamento di carriera basato sul merito e non più sulla familiarità, per così dire, rispetto alle famiglie che hanno gestito in modo continuativo le università italiane negli ultimi decenni.

Aver distinto chiaramente tra reclutamento e promozione e aver regolarizzato le procedure significa dare maggiori possibilità a chi ha merito per crescere, anche se ha dei cognomi che sono meno altisonanti di quelli di altri professori universitari, e credo che questo, in un Paese civile, avanzato e moderno, sia un titolo di merito da considerare e da valutare.

Tra l'altro, siamo stati così liberati dalla snervante attesa di concorsi banditi a ritmi prevedibili: oggi quello che programmeranno le università sarà sotto gli occhi di tutti e sarà verificabile da tutti.

Un'ultima breve considerazione: è vero che c'è una scarsità di risorse, però credo che stiamo spendendo meglio ed in futuro potremo spendere anche di più.



Argomenti correlati:
#camera dei deputati, #parlamento, #pionati, #politica, #raadc, #università
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione