REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10151778
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di
stampa

 Anno VI n° 12 DICEMBRE 2010    -   FATTI & OPINIONI


Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la Camera dei Deputati - Seduta n. 404 di martedì 30 novembre 2010 - Bozze non corrette in corso di seduta
Giuseppe Ruvolo - Misto-Noi Sud Libertà e Autonomia
Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l'efficienza del sistema universitario - Dichiarazioni di voto


Giuseppe Ruvolo.

Signor Presidente, intervengo per annunciare il voto favorevole del gruppo Misto-Noi Sud Libertà e Autonomia, I Popolari di Italia Domani.

Questa riforma interviene dopo vent'anni di tentativi mai riusciti.

Quante volte ci siamo indignati apprendendo notizie scandalose che coinvolgevano il mondo universitario? Le università, molte volte, sono salite in cattedra più per gli scandali che per la nobiltà della loro missione.

Il nostro Paese spende, spende molto, ma lo fa male, alimentando sprechi, disfunzioni e privilegi non più tollerabili.

Sono stati attivati più di 320 sedi distaccate nelle località più disparate, corsi di laurea con un solo studente, 327 facoltà con 15 iscritti e, dal 2001 ad oggi, i corsi di laurea da 2.

444 sono passati a 5.

500.

Sostanzialmente in Europa la media dei corsi è la metà di quella che oggi ha il sistema universitario italiano.

Questa è dunque una riforma strutturale e responsabile, che interviene prevalentemente sul governo e la struttura degli atenei, valorizza il merito - finalmente - degli studenti e dei docenti, dà responsabilità nelle scelte all'università e dà autonomia per evitare soprattutto la degenerazione della spesa pubblica.

Inoltre, questa riforma prevede l'eliminazione - finalmente - di procedure complesse, tante volte create appositamente per la formazione delle commissioni di concorso, e qui si sono annidati e si annidano ancora oggi i potentati, le baronie, il malaffare.

Questa è l'università oggi (Applausi dei deputati del gruppo Misto-Noi Sud Libertà e Autonomia, I Popolari di Italia Domani). Oggi vogliamo cambiare registro, con oculatezza, merito e soprattutto trasparenza.

Questa è la riforma e noi del gruppo Misto-Noi Sud Libertà e Autonomia, I Popolari di Italia Domani facciamo un apprezzamento pubblico al Ministro Gelmini per la sua disponibilità ad accogliere i diversi emendamenti che hanno sicuramente migliorato il testo.

Questo provvedimento, quindi questa riforma, tende a riorganizzare il sistema universitario, per evitare le tante contraddizioni, i tanti privilegi, i tanti sprechi, le tante ingiustizie che si sono sedimentati nel tempo.

Pag.

203Per questa ragione, noi della componente politica del gruppo Misto-Noi Sud Libertà e Autonomia, I Popolari di Italia Domani votiamo convintamente e responsabilmente questa importante riforma, consapevoli che forse si poteva fare meglio e di più.

L'importante è avere iniziato un nuovo percorso, un percorso di speranza, per dare prestigio e autorevolezza al mondo universitario.

Ecco quali sono le convinzione che oggi determinano in noi la scelta di votare convintamente e con determinazione questo provvedimento.

Speriamo che finalmente il mondo universitario possa trovare nella sua storia e nelle sue radici il prestigio e l'autorevolezza che ha sempre avuto nel passato (Applausi dei deputati del gruppo Misto Misto-Noi Sud Libertà e Autonomia, I Popolari di Italia Domani e Lega Nord Padania).



Argomenti correlati:
#camera dei deputati, #nsla, #parlamento, #politica, #ruvolo, #università
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione