REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10650673
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di
stampa

 Anno VII n° 1 GENNAIO 2011    -   FATTI & OPINIONI


Senato Della Repubblica - Dal Resoconto stenografico della seduta n. 482 del 23/12/2010 (Bozze non corrette redatte in corso di seduta)
RUTELLI (Misto-ApI) - Riforma dell’Università: dichiarazioni di voto
Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l'efficienza del sistema universitario (Approvato dal Senato e modificato dalla Camera dei deputati)


Signor Presidente, molti italiani in queste settimane, di fronte ad una protesta che ha dato voce ad un malessere reale, si sono posti una domanda: come possiamo rispondere a queste preoccupazioni sull'incertezza del futuro che attraversano le nuove generazioni? Di più, come possiamo evitare che, per un lungo periodo negli anni a venire, chi oggi ha tra i 15 e i 30 anni percorra le strade della propria esistenza consapevole di avere una prospettiva economica e professionale peggiore di quella dei propri genitori?

È evidente che molti tra i giovani contemporanei, molti dei nostri figli trasformino questa ansia in disincanto e sfiducia verso la politica, alcuni in progettualità e attenzione alla cosa pubblica, una piccolissima minoranza in rabbia, che può talvolta sfociare in episodi di ribellione distruttiva. Il dovere della politica è ascoltare, capire, dialogare e guidare le trasformazioni. Il compito del Parlamento è quello di decidere di fare buone leggi.

Il punto è che, poiché nessuno può difendere il sistema universitario come è attualmente, la riforma che stiamo per approvare è migliorativa, oppure - come sostengono alcuni - peggiorativa? Ancora, è una riforma adeguata a modernizzare il sistema, a far incontrare offerta formativa e domanda di lavoro, attività di ricerca, qualità culturale e innovazione scientifica ed esigenze del sistema produttivo, a tagliare sprechi, familismo, clientelismo, dispersione inefficiente di risorse?

Il Senato si è trovato a discutere la riforma dell'università all'incrocio con decisioni importanti che riguardano tutto il comparto della conoscenza. E noi, signor Ministro, signori rappresentanti del Governo, dobbiamo dire che tutte le parti positive che certamente questa riforma contiene vanno lette nel quadro delle decisioni del Governo, in particolare delle scelte sbagliate di attribuzione delle risorse nei settori della scuola, della ricerca, della cultura e appunto dell'università.

Sia chiaro, chi sostiene in quest'Aula che la sfida si può ridurre semplicemente a mantenere o aumentare il finanziamento statale sbaglia, perché buttare miliardi di euro in un sistema inefficiente non ne migliorerebbe l'efficienza, piuttosto aggraverebbe la situazione.

Allo stesso tempo, è vero che la politica voluta dal ministro Tremonti per il comparto della conoscenza è quanto di più sbagliato e controproducente in termini strategici per l'Italia. Più volte abbiamo messo a confronto le scelte compiute dal Governo tedesco con quelle del Governo italiano: la Merkel ha messo in atto un taglio della spesa molto severo, pari a ben 82 miliardi di euro in tre anni, ma ha contemporaneamente accresciuto gli investimenti in ricerca, tecnologia, formazione e cultura per 12 miliardi di euro.

Com'è deprimente, signori del Governo, constatare invece che voi avete operato, ancora una volta, in questi stessi comparti, con tagli lineari, tagli automatici, tagli indifferenziati. Non avete, ancora ieri e ancora una volta, mantenuto i vostri impegni nei confronti del mondo della cultura. Lo debbo dire al ministro Bondi. In due anni sono state dimezzate le risorse destinate al Fondo dello spettacolo, dimenticando che si tratta, non di elargizioni improduttive, ma di investimenti per un settore che è culturale e produttivo a un tempo.

Signor Ministro, la decisione di finanziare per soli 6 mesi il meccanismo innovativo, certamente e limpidamente incentivante del tax credit e del tax shelter, che avevamo introdotto col precedente Governo e che voi avevate inizialmente confermato, per soli 6 mesi, equivale a dire a tutti gli operatori che qui non c'è certezza. Chi vuole investire in cultura non ha alcuna garanzia, alcuna stabilità rispetto a progetti che hanno bisogno di risposte certe sull'arco di alcuni anni.

Ecco il problema di fondo che un'opposizione propositiva e moderna pone a questo Governo. E lo facciamo precisamente sulla legge per l'università. Ci siamo pronunciati con chiarezza durante l'esame del procedimento, articolo per articolo, con molti emendamenti e ordini del giorno. Alcuni, anche importanti, accolti. Abbiamo sottolineato la rilevanza di aspetti positivi della riforma che vanno nella direzione di più competitività, più premio al merito, più efficienza del sistema.

Ma l'ordine del giorno più importante, quello che lega la riforma al ripristino delle risorse necessarie, ripeto, necessarie, è stato accolto in prima lettura e stavolta respinto. E il testo, signora Ministro, è stato peggiorato alla Camera dei deputati. Se ne sono cioè accresciuti i caratteri di barocchismo, ridondanti, moltiplicatori di norme di rango regolamentare, con troppi rimandi ad atti amministrativi successivi, che renderanno l'attuazione di questa riforma un vero e proprio percorso di guerra. Si vede che il ministro Calderoli, ministro della cosiddetta semplificazione, ha dato veramente un contributo luminoso! Ancora una volta il passaggio da un ramo all'altro del parlamento, non ha affatto reso più chiara e semplice la qualità delle norme. Ricordiamo poi che anche questa volta sono state approvate norme sbagliate che debbono essere immediatamente modificate con un altro provvedimento di legge, anche se do atto al Governo di aver ammesso l'errore e di essersi impegnato a correggerlo subito.

C'è un altro peggioramento che va sottolineato: la norma proposta con i colleghi di Alleanza per l'Italia, che il Senato aveva finanziato con il taglio ponderato, razionale, dei costi della politica, a favore degli assegnisti, dei ricercatori, delle università, è stata soppressa. Un'occasione perduta per dimostrare che anche i partiti politici sono pronti a fare la loro parte. In questo caso, senza demagogia, un taglio al finanziamento pari a 20 milioni di euro per far fronte alla crisi economica in cui a tutti viene chiesto di affrontare dei sacrifici. Anche la politica lo deve fare.

In conclusione, Presidente, il nostro voto non può che essere un'astensione che, in base al Regolamento del Senato, vale come voto contrario. Non però un voto contrario, perché solo se fossimo ipocriti potremmo limitarci a dichiarare che ci vuole ben altro, ovvero, come ricordava un collega questa mattina, a cadere nel benaltrismo, vera e propria malattia nazionale.

La riforma è necessaria. Va monitorata, verificata criticamente. E noi continueremo a rafforzare la nostra battaglia perché il futuro del Paese sia legato in modo indissolubile alle riforme indispensabili e all'attribuzione di giuste e appropriate risorse per l'università, per la scuola, per la ricerca, per la cultura.

È una battaglia fondamentale, signor Presidente, fatemelo dire, che unisce e unirà il nascente Polo dei riformisti, dei moderati, dei liberali, che guarda al futuro perché vuole far uscire l'Italia dal declino produttivo, da una crisi che tocca in profondità le giovani generazioni.

È nostro dovere portare agli italiani delle proposte, delle risposte, delle speranze. (Applausi dei senatori Russo e Sbarbati).



Argomenti correlati:
#parlamento, #politica, #rutelli, #senato, #università
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione