REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10578179
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Francesca Bisbano
stampa

 Anno VII n° 2 FEBBRAIO 2011    -   TERZA PAGINA


Un luogo forse unico in Italia
La Casa della Musica a Randazzo
Non è un museo, né un'esposizione, bensì un laboratorio vivente
Di Francesca Bisbano


 
Casa della Musica e della Liuteria Medievale - particolare grande sala
Mille anni di storia quasi dimenticata oggi rivivono attraverso la passione di un esperto maestro liutaio nel cuore della città di Randazzo!
Quelli, che spesso sono definiti come Secoli Bui, adesso vengono presentati sotto una nuova luce dal continuo ed attento lavoro del maestro Giuseppe Severini, per cui l'attenzione si sposta nuovamente sullo strumento musicale e sulle sue tecniche di lavorazione.
Si parla di un'arte antica, tramandata e arricchita in tempi lontani attraverso le culture di tutto il mondo: dagli arabi, ai cinesi, agli europei, diversamente da quanto solitamente viene insegnato, l'attenzione al perfezionamento di dette tecniche cresce già a partire dal XII secolo, come testimonia una miniatura del tempo. Tuttavia oggi è possibile verificare detta consuetudine in quella che dallo stesso suo ideatore è stata ribattezzata come: “casa della musica e della liuteria medievale”!

Cos'è la Casa della Musica?
Non è un museo, né un esposizione, bensì un laboratorio vivente! Circa cinquanta strumenti musicali, vengono esposti e presentati al visitatore all'interno di un edificio storico (probabilmente un ex alloggio militare) risalente al XII secolo, con interventi di rifacimento datati intorno al XII-XV secolo, nei pressi di quanto rimane dell'antico Palazzo Reale distrutto durante il terremoto del 1693.

L'idea nasce dalla necessità di dare un ordine alla casa e valorizzare l'opera di chi ormai da anni propone una serie di spettacoli, comprendenti canti, danze, azioni musico-teatrali, nonché rievocazioni storico-medievali, in tutta la Sicilia. Chi vi entra può vedere, toccare ed ascoltare dal vivo gli strumenti musicali, venendo a contatto con una cultura ormai dimenticata: il tutto grazie anche alla particolare suggestività prodotta dagli ambienti interni. Parte degli intonaci, infatti, nonché dei recenti interventi, sono stati smantellati con l'intento di recuperare quanto più possibile dell'originario assetto strutturale, nonostante le evidenti tracce di bruciature su gran parte dell'edificio e che dunque in passato hanno giustificato i necessari rifacimenti.

 
Casa della Musica e della Liuteria Medievale - Forme per la costruzione di un liuto
Tuttavia gli ambienti più importanti rimangono : la grande sala, dotata di circa trenta posti a sedere, ove è possibile assistere a varie dimostrazioni musicali in completamento alla presentazione di ogni singolo strumento a cura dello stesso Severini e il laboratorio del liutaio, con forno e cucina a carbone annessi, ove è possibile invece visionare le varie fasi di lavorazione o riparazione degli strumenti.

La vista comprende anche un'illustrazione della storia del quartiere San Martino che ospita l'edificio e delle origini del paese, sorto probabilmente sulle rovine dell'antica Tissa.

Perché visitare la Casa?

I motivi sono molteplici e fortemente soggettivi. Sicuramente una buona ragione risiede tanto nella curiosità, che essa suscita, quanto nella singolarità degli ambienti interni, che fanno perdere del tutto il contatto con la realtà esterna. Chi entra nella casa, entra nel passato!
 
Casa della Musica e della Liuteria Medievale - Flauti
L'estrema semplicità e schiettezza degli arredi, ma sopratutto il suono dimenticato di Liuti, Campane, Conciglie, Salteri, Lyre ad Arco, Flauti di ogni sorta, Ghironde, Tamburi e tanti altri strumenti, ricordano al visitatore che un tempo, accanto ai canti gregoriani, gelosamente studiati e tramandati nelle maestose abazie o negli innumerevoli monasteri italiani, poichè considerati base della tradizione monodica medievale, è esistita anche la musica profana, legata ad una tradizione para-liturgica, che mostra verso gli strumenti e le forme musicali del tempo un'attenzione maggiore di quanto in genere s' immagina.

Canti goliardici vengono posti all'attenzione degli ospiti, suoni remoti, antichi idiomi, come il lombardo del 1500, uniti a canti catalani e al “canso”, le cui strofe richiamano gli antichi filoni cortesi-cavallereschi, ricreano un'atmosfera unica, misteriosa, quasi magica, che colpisce anche l'anima dell'ospite più ignaro!


CASA DELLA MUSICA E DELLA LIUTERIA MEDIEVALE
Via Santa Caterinella, 21
95036 Randazzo (CT)
ingresso libero
www.liuteriaseverini.it
prenotare la visita:
cell 349 4001357 o con un
messaggio



Argomenti correlati:
#catania, #museo, #musica, #randazzo, #sicilia, #storia, #strumenti musicali
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Francesca Bisbano
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione