ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Abbigliamento inusitato e raffinato in mostra

HUMANAE VANITATES ET POMPAE - La cultura delle illusioni - Alberta Vita & Meika Wagner

A Padova, Oratorio di San Rocco 10 febbraio-20 marzo 2011


La mostra "Humanae vanitates et pompae", ovvero La cultura delle illusioni, che si tiene dal 10 febbraio al 20 marzo 2011 nell’Oratorio di San Rocco, rientra nell'ambito delle manifestazioni dedicate ai Carraresi, Signori di Padova nel XIV secolo, ed è promossa dal Comune di Padova, Assessorato alla Cultura e dal Consiglio di Quartiere n. 1 "Centro".

L’artista orafa padovana, Alberta Vita, e la stilista statunitense Meika Wagner, con la collaborazione di Giustina e Mariangela Magarotto, sviluppano, all’interno dello spazio espositivo dell'Oratorio di San Rocco, una personale riflessione sul tema della Mundana Vanitas, intesa come ricerca del superfluo e del vestire sofisticato. L’obiettivo è quello di riproporre in chiave moderna, seguendo un linguaggio artisticamente elaborato, un abbigliamento inusitato e raffinato, dai tessuti morbidamente drappeggiati e sovrapposti, impreziositi dall’inserimento di spille, bottoni e collane.

Parlare di moda è, da un lato, parlare di illusioni, di sogni, di metafore e di apparenze, ma d’altro canto è pure sempre, entrare in merito alle problematiche delle materie prime, dell’artigianato, dell’industria, delle gerarchie sociali, della ricerca e dell’arte.

Nella mostra, i gioielli di Alberta Vita, suggeriscono, per la fisicità dei materiali e per le forme geometriche pure, il desiderio di stabilire un rapporto inscindibile tra il corpo femminile e il suo ornamento e tra la cultura e la sperimentazione, esprimendo sempre fedeltà all’idea di arte intesa come forza della mente che può modificare, se non cambiare, la realtà.

Gli abiti sono giocati dalla stilista statunitense Meika Wagner in chiave anche storica ma soprattutto illusoria, come un costante, fastoso abbellimento della donna, un crogiolo di energie sottolineato dal potere dei colori e delle stoffe, che richiamano le antiche cromie e il panneggio degli affreschi parietali dell’Oratorio di San Rocco, in un reciproco dialogo tra passato e presente, idealmente proiettato nel futuro. Le eleganti e originali opere esposte, dalla linea morbida e sinuosa, sorprendono il fruitore per gli interessanti e sapienti accostamenti che, con il loro dinamismo, esaltano il significato e il significante della materia e della linea.


HUMANAE VANITATES ET POMPAE - La cultura delle illusioni
Alberta Vita & Meika Wagner
Oratorio di San Rocco, via Santa Lucia Padova
Dal 10 febbraio al 20 marzo 2011
Inaugurazione mostra: giovedì 10 febbraio 2011 – ore 18.00

Orario: 9.30 – 12.30 / 15.30 – 19.00
lunedì non festivi chiuso

informazioni:
Settore Attività Culturali – Servizio Mostre
tel. 049 8204539 - 4547
e-mail:
infocultura@comune.padova.it
http://padovacultura.padovanet.it

Mostra a cura di: Mirella Cisotto Nalon e Luisa Tramarollo

ALBERTA VITA
Nata a Matelica (MC) il 16/5/56, consegue il diploma di Maturità d’Arte Applicata nella sezione di Arte dei Metalli e dell’Oreficeria nell’Istituto Statale d’Arte “Pietro Selvatico” di Padova, presso il quale in seguito insegnò. Lavora dal 1970 ricercando il suo stile personale nella gioielleria contemporanea. Dal 1994 è titolare e coordinatrice dello Studio Vita che ospita e promuove l’oreficeria contemporanea e di ricerca. Ha partecipato a varie mostre e fiere pubbliche e private, sia all’estero che in Italia. Attualmente vive e lavora a Padova.

MEIKA WAGNER
Nasce a Los Angeles (USA) il 14/9/1973, si laurea in Scienza Politica alla University of Southern California.. Campionessa di serie A di pallavolo, si avvicina al mondo della moda nel 2004. Attualmente si divide tra Bologna, dove frequenta la scuola di stilismo Carlo Secoli, e Padova, dove vive e si allena.


Argomenti: #gioielli , #moda , #mostra , #padova
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
10.300.242

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione