REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10609216
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di
stampa

 Anno VII n° 4 APRILE 2011    -   FATTI & OPINIONI


Camera dei Deputati dal resoconto stenografico dell'Assemblea: seduta n. 463 di mercoledì 13 aprile 2011
CAROLINA LUSSANA (LEGA NORD) - Processo breve: dichiarazione di voto
D'iniziativa dei senatori: Gasparri ed altri: Misure per la tutela del cittadino contro la durata indeterminata dei processi in attuazione dell'articolo 111 della Costituzione e dell'articolo 6 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (Approvata dal Senato)


Signor Presidente, onorevoli colleghi, l'articolo 111 della Costituzione recita: «La giurisdizione si attua mediante il giusto processo regolato dalla legge. Ogni processo si svolge nel contraddittorio tra le parti, in condizioni di parità, davanti al giudice terzo e imparziale. La legge ne assicura la ragionevole durata». Quello della ragionevole durata è quindi un principio riconosciuto dalla nostra Costituzione e anche dall'articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. È un principio posto a garanzia dei cittadini, ma che purtroppo viene quotidianamente disatteso. Lo Stato italiano è quello che subisce il maggior numero di condanne da parte della Corte di giustizia europea per l'eccessiva durata dei processi (Applausi dei deputati del gruppo Lega Nord Padania).

Quella della ragionevole durata del processo è una questione seria che non poteva continuare ad essere ignorata, che doveva essere affrontata dal Parlamento perché è la stessa Europa che ce lo chiede. E su questo tema pensavamo, forse ingenuamente, che avremmo trovato la condivisione anche dell'opposizione, sempre attenta a rispettare, a dare attuazione alla nostra Corte costituzionale. Del resto avevamo anche dei fatti concreti che ci facevano ben sperare in questa direzione. Penso, ad esempio, alla proposta del Partito Democratico proprio sul processo breve, molto simile alla proposta della maggioranza. Eppure non è stato possibile avviare nemmeno un dialogo, un'ipotesi di confronto, questo come sempre accade quando si parla di giustizia. E non tirate in ballo le vicende giudiziarie del Presidente del Consiglio! Vi siete sempre comportati in questo modo, anche in passato (Applausi dei deputati del gruppo Lega Nord Padania - Commenti dei deputati del gruppo Partito Democratico)! Vi ricordate la riforma dell'ordinamento giudiziario? Una riforma attesa da più di sessant'anni, l'avete sempre osteggiata e quando siete tornati al Governo l'avete subito annacquata, cancellando con il ministro Mastella la norma che legava gli avanzamenti in carriera dei magistrati non solo a criteri di mera anzianità, ma finalmente alla meritocrazia (Applausi dei deputati del gruppo Lega Nord Padania).

Ma noi andiamo avanti! I processi devono chiudersi in un tempo ragionevole. Non è più prevista in caso di inottemperanza l'estinzione del processo che avrebbe forse potuto in linea teorica danneggiare le vittime dei reati, bensì si è voluto introdurre un nuovo concetto, quello della responsabilizzazione dei magistrati, ma parlare di responsabilità è un concetto che non vi piace molto (Applausi dei deputati del gruppo Lega Nord Padania).

Da oggi in poi, se i processi non si celebreranno nei tempi previsti, ci sarà una segnalazione al fine di consentire le opportune valutazioni fino alla proposta di provvedimenti disciplinari nei confronti dei magistrati. Questa norma, siamo certi, avrà l'effetto di accelerare i processi perché se è vero che per abbattere le lungaggini processuali occorre investire in termini di risorse, di mezzi, di personale, di informatizzazione, tutte cose che il Ministro Alfano e questo Governo stanno realizzando, è vero anche che occorre responsabilizzare maggiormente i magistrati (Applausi dei deputati del gruppo Lega Nord Padania).

Dico questo perché nel marasma della giustizia ci sono anche esempi e modelli positivi. Cito, ad esempio, il tribunale di Bolzano e il tribunale di Torino, dove una puntuale organizzazione da parte dei capi degli uffici, che non consente magari ai singoli magistrati di rinviare le udienze di sei mesi in sei mesi ma al massimo di quaranta o cinquanta giorni, ha permesso di abbattere l'arretrato e di celebrare i processi in tempi ragionevoli. È questa una magistratura onesta, capace, abituata a lavorare in silenzio e non a spettacolarizzare, che non dimentica nei faldoni dell'udienza verbali di intercettazioni che dovevano essere cancellate violando la legge e la Costituzione solo perché riguardano il Presidente del Consiglio (Applausi dei deputati dei gruppi Lega Nord Padania e Popolo della Libertà).

È nei confronti di questa magistratura che la Lega vuole continuare ad avere riguardo e con la quale vuole continuare a lavorare insieme e a dialogare soprattutto in vista della riforma costituzionale della giustizia sulla quale, Ministro Alfano, la sproniamo ad andare avanti senza indugi. Avete raccontato un sacco di falsità, avete fatto dello sciacallaggio persino sulle vittime del disastro ferroviario di Viareggio e sul terremoto de L'Aquila (Applausi dei deputati dei gruppi Lega Nord Padania e Popolo della Libertà).

Ma se quei processi dovessero essere a rischio prescrizione - e non sarà così - sarà solo perché i magistrati in più di vent'anni non saranno riusciti ad arrivare ad una sentenza definitiva e questa sarebbe l'unica ed autentica vergogna: non arrivare a sentenza definitiva dopo vent'anni di processo (Applausi dei deputati del gruppo Lega Nord Padania)!

Ci avete accusato di aver fatto una mini-amnistia, ma l'unico colpo di spugna che io ricordo sia stato realizzato è l'indulto, che voi avete fortemente voluto e che la Lega Nord Padania non ha votato (Applausi dei deputati dei gruppi Lega Nord Padania e Popolo della Libertà - Commenti dei deputati dei gruppi Partito Democratico e Italia dei Valori)!

Ci avete accusato di liberare i delinquenti, ma questo è il Governo che ha avuto più successi contro la mafia e i numeri parlano per noi (Applausi dei deputati del gruppo Lega Nord Padania)! Vi siete dimenticati di dire che annualmente il 5 per cento dei processi si prescrive non per scelta del legislatore, ma per scelta dei singoli pubblici ministeri che decidono quali reati perseguire e quali, invece, lasciare nei cassetti (Applausi dei deputati del gruppo Lega Nord Padania).

Infine, avete tenuto occupato il Parlamento con un ostruzionismo estremo, al limite del rispetto di regole e prassi consolidate, ma nonostante questo la maggioranza è rimasta compatta. Non abbiamo ceduto ai vostri insulti e alle vostre provocazioni e siete stati sconfitti. Noi continueremo ad andare avanti così, verso la via delle riforme (Applausi dei deputati del gruppo Lega Nord Padania).

La Lega, quindi, voterà a favore di questo provvedimento perché vuole profondamente riformare questo Stato. Lo stiamo facendo, dando attuazione al federalismo fiscale, attraverso appunto la riforma costituzionale della giustizia, arriveremo alla riforma tributaria per abbassare le tasse ai cittadini (Applausi dei deputati dei gruppi Lega Nord Padania e Popolo della Libertà - Commenti dei deputati dei gruppi Partito Democratico e Italia dei Valori)! Vi dà fastidio, ma lo faremo!

La Lega è coerente e concreta e con trasparenza e senza paura sostiene il cambiamento: questo è il Governo del fare (Commenti dei deputati dei gruppi Partito Democratico e Italia dei Valori). E siamo sicuri che, al momento opportuno, i cittadini sapranno giudicare (Applausi dei deputati dei gruppi Lega Nord Padania, Popolo della Libertà e Iniziativa Responsabile – Congratulazioni)!



Argomenti correlati:
#camera dei deputati, #lega nord, #lussana, #parlamento, #politica, #processo breve
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione