ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Pochi giorni per un appuntamento importante a Milano

AAM - ARTE ACCESSIBILE MILANO 2011

A Milano dal 7 al 19 Aprile: quarantotto gallerie internazionali e più di cento artisti per la terza edizione, il tutto all’insegna della creatività e dell’accessibilità fra arte, design, food e performance


 
Sergi Barnlis, Quatre estadis de la ciutat de les dotze portalades, 2010, tecnica mista su tela, 120x120
Punto focale attorno a cui ruota la manifestazione, che dopo Milano farà tappa a San Pietroburgo e a Miami, è come sempre il concetto di “Accessibilità”, vero e proprio valore aggiunto per avvicinare la gente all'arte senza filtri, privilegiando l'approccio informale, l'incontro personale e diretto con gli artisti, l'interscambio di idee e visioni del mondo artistico.

Arte Accessibile - sottolinea Tiziana Manca – prende in considerazione la mancanza di manifestazioni d'arte contemporanea alternative alle fiere d’arte tradizionali.
Non ponendosi in concorrenza con queste vetrine istituzionalizzate, Arte Accessibile accoglie un pubblico il più variegato possibile da un punto di vista culturale e sociale, e la sua proposta è rivolta sia ai collezionisti più esigenti sia ai neofiti.
Thomas Berra, Sub-culture, 2011, tecnica mista su carta, riportata su tela, 100x150

Il concetto di accessibilità abbatte sia le barriere commerciali, eliminando il diritto all’ingresso solo per chi è disposto a pagare il costo di un biglietto come accade solitamente in ogni fiera, sia quelle istituzionali, mettendo a disposizione della gente un organo curatoriale che intercede fra pubblico ed espositore favorendo l’interazione che contraddistingue gli eventi di Arte Accessibile. Il tutto coordinato da un Team di grande talento fra cui anche l’Art Director Beatrice Camanni e Francesco Zaza esperto in Pubblic Realations”.

I curatori chiamati a sostenere la manifestazione, dieci fra i più apprezzati giovani critici italiani, sono protagonisti con il loro individualismo e la loro creatività: Chiara Canali in qualità di head curator, quindi Martina Cavallarin, Mariella Casile, Francesca Baboni, Ilaria Bignotti, Alessandra Redaelli, Ivan Quaroni, Matteo Galbiati, Fortunato D’Amico, Igor Zanti.

Nell’era dell’accesso globale - dichiara Chiara Canali - l’Arte deve essere Accessibile, deve veicolare nuovi valori basati sulla cultura e l’informazione e deve creare nuove relazioni tra curatori, galleristi, artisti e fruitori. Un’Arte prêt-à-porter che ha il suo punto di partenza dalla città della moda e del design, Milano, per aprirsi a nuove capitali dell’arte

Molte le novità che contraddistinguono l’ edizione 2011 di “aam”. Anzitutto la riconferma della prestigiosa sede dell’evento, costruito da Renzo Piano e pensato come “edificio in ascolto”, carattere saliente di un giornale che per poter comunicare deve saper ascoltare. Sviluppatasi nell’area occupata dagli edifici ex-Siemens-Italtel, la sede che del Gruppo 24 Ore e di PricewaterhouseCoopers si articola su due dei quattro corpi fabbrica pre-esistenti e si adatta perfettamente allo spirito di aam 2011 e del suo Direttore Artistico, per un percorso espositivo caratterizzato da singoli spazi ad attento progetto curatoriale, dove gli artisti vengono presentati secondo un preciso filone che è quello della mostra personale o collettiva, per una migliore fruizione da parte del pubblico. Tre le aree interessate dello spazio espositivo: il cortile interno che ospita 18 grandi sculture, la Sala collina per le esposizioni personali e bi personali, il Piano giardino per le mostre collettive.

Carlo Steiner, Regina, intarsio in legno, 2007, courtesy Gagliardi Art System Torino
Protagonisti dell’evento non saranno solamente le Gallerie, come accade in una qualsiasi esibizione fieristica, ma anche gli ARTISTI, accuratamente selezionati tra quelli che meglio rispecchiano la contemporaneità e la complessità della scena artistica italiana e straniera.

Seconda importante novità della nuova edizione di “aam - arte accessibile milano” è l’accorpamento in un unico luogo di tutti gli elementi che costituiscono il complesso della manifestazione: il programma culturale e gli appuntamenti collaterali saranno infatti ospitati all’interno degli stessi spazi espositivi, per una manifestazione che vuole conquistare una posizione di rilievo nel contesto nazionale, mantenendo il ruolo di osservatorio privilegiato sulla migliore ricerca nel campo dell’arte contemporanea.

“aam - arte accessibile milano 2011” si presenta dunque come un vero e proprio Fuori-Salone dell'arte, un evento straordinario in parallelo alla consacrata vetrina di MiArt, dove potranno trovare spazio anche proposte più giovani, innovative, estemporanee, e progetti inediti, in una kermesse ricca di incontri, performance artistiche e musicali, workshop e laboratori per bambini.

Thomas Berra, Sub-culture, 2011, tecnica mista su carta, riportata su tela, 100x150
Non mancheranno le visite guidate per il pubblico a cura di giovani esperti nel settore dell'arte, che daranno vita ad un proficuo confronto fra neofiti, ammiratori e artisti.

Tra le rassegne collaterali ideate, ci sarà un percorso di Video-Arte con la presenza di autori riconosciuti come Carloni-Franceschetti, un progetto di Food Design, presentato da Paolo Barichella e un’installazione site-specifica di Street Art ideata e realizzata da BROS sulle vetrate della facciata esterna del palazzo progettato da Renzo Piano, che si affaccia all’angolo tra via Monte Rosa e via Tempesta, sede di PricewaterhouseCoopers che, dopo aver visionato il progetto, ha accolto e promosso favorevolmente l’iniziativa.

Gianfranco Asveri, Abracadabra, 2010, tecnica mista su tavola, 90x110
Un'Asta, i cui proventi andranno a favore del MAPP di Milano, il Museo d’Arte Contemporanea situato nell’ex O.P. Paolo Pini, e un Premio Awards animeranno l'evento, mentre il pubblico potrà interagire partecipando a un concorso fotografico che premierà lo scatto migliore delle opere in mostra. La foto premiata rimarrà pubblicata sul sito della manifestazione per un anno intero fino all’edizione 2012 di “aam - arte accessibile milano”.

Il catalogo, che sarà pubblicato da Maretti Editore, presenterà le varie sezioni del progetto, dalle mostre personali al percorso di Video-Arte e di Food Design, con introduzione dei critici di riferimento. La sezione dedicata alle Gallerie non presenterà la scheda personale delle gallerie invitate, bensì raccoglierà i contributi critici sugli artisti ad opera dei curatori del progetto aam milano 2011.


aam - arte accessibile milano2011
Spazio Eventiquattro - Gruppo 24 Ore, via Monte Rosa 91, Milano.
Orari apertura al pubblico:
Giovedì 7, 18.00-20.30; Venerdì 8, 12.00-22.00; Sabato 9, 12.00-22.00;
Domenica 10 Aprile ore 12. 00- 20.00

Ingresso libero

Inaugurazione: Giovedì 7 aprile dalle ore 20.30 alle 24.00 su invito scaricabile dal sito
www.arteaccessibilemilano.com

Contatti:
Organizzazione: “Arte” Ipse Dixit, by T. M. Tiziana Manca
Via Santo Garovaglio 30, 22
100 Como, Italy
arteipsedixit@ymail. com | www.arteaccessibile.com

Argomenti: #arte , #arte contemporanea , #milano , #mostra
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
10.437.966

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione