REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10573169
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Luana Scanu
stampa

 Anno VII n° 5 MAGGIO 2011    -   IL MONDO - cronaca dei nostri tempi


Clamoroso errore di alcuni giornalisti
Le bollicine del Milan. Quali bollicine?
Spumante, prosecco... o champagne? Perché mentire?
Di Luana Scanu


Faccio una premessa e metto subito le mani avanti: non sono interista, né tanto meno juventina. Non seguo lo sport alla tv e non amo il calcio. Nonostante la mia città d'adozione (Sassari) stia ancora festeggiando il meritatissimo scudetto della squadra calcistica femminile di serie A, la Torres, io non sono mai andata allo stadio. Neanche per brindare. Cosa si beve in queste occasioni? Qualcuno direbbe Prosecco. Altri Spumante. E ancora, Champagne. Io generalmente concordo su “due bollicine”, e a seconda del caso, scelgo di che genere. Direte voi, ma chissenefrega!! Già, avete ragione, a nessuno importa come festeggio io o la Torres, se bevo spumante o mojito, ma in tanti invece ci siamo incuriositi sui festeggiamenti del Milan. Se aprite il sito ufficiale della squadra rosso nera, vi troverete immediatamente di fronte a uno scudetto con sopra un bel 18. Suppongo quindi che questo, per il Milan, sia il diciottesimo scudetto vinto.

Sotto lo scudetto, una scritta in maiuscolo: “....E TU COME FESTEGGI?” Bella idea, chiedono a noi visitatori, che sicuramente saranno per lo più milanisti, come abbiamo intenzione di festeggiare il grande evento calcistico.

Come festeggio io? Ma con un bel bicchiere di spumante, naturalmente.

E come hanno festeggiato i giocatori, i dirigenti, le alte cariche del Milan? Anch'essi con spumante. Un Franciacorta, per la precisione.

Enormi bottiglie di un delizioso Franciacorta, che i giocatori si “spumeggiavano” addosso. E va bé, c'è chi lo beve e c'è invece chi ci si fa la doccia. De gustibus. Qual è il problema? In effetti un problema c'è. Solo uno, giuro.

Quello spumante, tutto italiano, quel Franciacorta per il quale i produttori, 365 giorni all'anno lavorano sodo e investono in promozione, è stato più volte appellato Champagne. Già, sono state erroneamente scomodate le bollicine d'oltralpe. Ecco qual è il problema. La disinformazione.

Possibile che a nessun cronista sia passato per la mente di accertarsi preventivamente su come il Milan avrebbe festeggiato l'eventuale vittoria? Perché ogni qual volta ci sia da festeggiare salta fuori la parola Champagne?

Semplice, perché l'eccezionale prodotto francese è sicuramente il più conosciuto, il più blasonato e, per l'immaginario collettivo, è anche il più indicato per i festeggiamenti.

Potete immaginare che soddisfazione enorme sarebbe stata per i produttori delle bollicine tricolori sentire dalla stampa la frase: “tutti in campo, si festeggia con spumante!” oppure “si festeggia con un Franciacorta!”?

E invece no, la frase più pronunciata e diffusa in rete è: “ Baci, abbracci e Champagne: la gioia del Milan esplode all'Olimpico!”

Sono certa che i produttori milanisti del consorzio ne sarebbero stati fieri, mentre per quelli interisti piuttosto che juventini, sarebbe stata una magra consolazione. Come ha osservato Fabrizio Scarpato nel sito Wine Blog, il vino in questione era facilmente riconoscibile dall'etichetta sempre in bella vista, quindi, lungi da me il voler fare un discorso con la “puzzetta sotto il naso” o da “sommelier puntigliosa”, il mio obiettivo è solo dare a Cesare quel che è di Cesare.

Sta di fatto che l'Italia non riesce a imparare dagli errori del passato. Chi non ricorda la polemica innescatasi nel capodanno 2009, quando Del Noce accolse con una bottiglia di Champagne il nuovo anno?

E chi se la dimentica, vorrei poter dire. E invece no, a quanto pare, è già caduta nell'oblio, altrimenti alcuni esponenti della stampa avrebbero evitato di dare informazioni errate.

A meno che...mi sorge un dubbio. Non è che, per caso, il nome del consorzio Franciacorta abbia tratto in inganno qualcuno? Che quel Francia là, abbia fatto pensar loro allo Champagne? Spero di no. Sarebbe anche peggio.

Ma che ci possiamo fare? Ce beau pays est l'Italie!



Argomenti correlati:
#champagne, #franciacorta, #giornalismo, #milan, #spumante, #vino
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Luana Scanu
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione