REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10145696
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di
stampa

 Anno VII n° 5 MAGGIO 2011    -   FATTI & OPINIONI


Dal resoconto stenografico in corso di seduta
Fabrizio Cicchitto. (PDL) Mozioni “Libia”, dichiarazioni di voto
Camera dei deputati. Seduta n. 471 di mercoledì 4 maggio 2011


Signor Presidente, onorevoli colleghi, su un'unica cosa sono d'accordo con l'onorevole Casini: anche per noi bastava ciò che è stato deliberato il 24 marzo dal Parlamento; tuttavia è stato il Partito Democratico che ha presentato una mozione, in questo Parlamento, per riaprire la discussione; dopodiché si è diviso al suo interno al punto tale che ha dovuto fare una nuova versione della mozione stessa, che noi abbiamo letto, ieri in una versione, oggi in un'altra (Applausi dei deputati dei gruppi Popolo della Libertà e Lega Nord Padania - Commenti dei deputati del gruppo Partito Democratico). Aggiungo anche che qualora voi foste stati al Governo, oggi sarebbe avvenuta la crisi del vostro Governo dopo il discorso fatto qui dall'onorevole Di Pietro. Tutto ciò implica che bisogna riflettere e non, onorevole Bersani, tenere qui un comizio che andava bene sulla piazza di Piacenza. (Applausi dei deputati dei gruppi Popolo della Libertà e Lega Nord Padania - Commenti dei deputati del gruppo Partito Democratico)

Credo che dobbiamo partire da alcuni elementi di riflessione non demagogici, che sono costituiti dal fatto che nessuno prevedeva che dopo la crisi del comunismo...

SANDRO GOZI. E basta!

FABRIZIO CICCHITTO. ...rispetto al quale una parte cospicua di voi ha messo in evidenza una scarsa chiaroveggenza di analisi di sbocchi politici, il mondo non si è pacificato né stabilizzato. È esplosa una nuova contraddizione, che è quella del fondamentalismo islamico, con tutto quello che ne è derivato e di cui abbiamo visto i riflessi, anche pochi giorni fa: i riflessi delle torri che sono saltate, di tremila americani uccisi e credo che tutti noi dovremmo leggere e riflettere sul discorso che il Presidente Obama ha fatto un giorno e mezzo fa.

Contemporaneamente, se non vogliamo fare della bassa demagogia, dobbiamo anche fare i conti con un altro dato: dobbiamo dirci la verità su Mubarak, su Ben Ali e, per certi aspetti, anche sullo stesso Gheddafi. Per molti anni, tutto il mondo, dagli Stati Uniti, alla Russia, all'Europa hanno considerato questi personaggi e i loro Stati, malgrado gestissero in modo autoritario il loro Paese, una sorta di intercapedine e di strumento per stabilizzare quel mondo. Ora tutto questo è saltato per aria ed è saltato per aria con degli sbocchi che possono essere assolutamente imprevedibili. Può essere che quello che sta accadendo porti il mondo islamico verso nuovi livelli di democrazia e di libertà che nessuno prevedeva, oppure può darsi che, alla fine di un percorso complesso, ci si trovi invece a misurarci con uno sbocco simili a quello iraniano. Nessuno di noi può sapere come andrà a finire questa storia.

Per quello che riguarda la Libia, lì è esplosa addirittura una guerra civile, rispetto alla quale c'è stata una decisione di intervento dell'ONU e poi della NATO: una decisione di intervento giusta per le ragioni che diceva poco fa il Ministro Frattini, ma anche atipica perché rispetto ad altri Paesi, che attraversano contraddizioni e vicende forse più marcate, ci si volta dall'altra parte. Onorevole Bersani, quando lei giustamente ha evocato alcune tragedie del mondo (il Ruanda, Srebrenica e così via), purtroppo là c'era l'ONU e alcune truppe dell'ONU voltarono la testa dall'altra parte mentre venivano compiuti massacri (Applausi dei deputati dei gruppi Popolo della Libertà e Lega Nord Padania). Questo dimostra che gli schemi non funzionano.

Rispetto al problema della Libia, la maggioranza è stata attraversata da due preoccupazioni entrambe legittime e politicamente fra loro componibili con un certo sforzo: quella, come ha detto il Ministro Frattini, di aiutare le nuove forze potenzialmente democratiche in Libia e di mantenere il nostro Paese nell'ambito dell'ONU e della NATO, anche per tutelare il suo ruolo politico e difendere i legittimi interessi delle sue imprese. Vi è anche la preoccupazione politica di non concentrare tutto soltanto nell'impegno militare, di dare spazio alla diplomazia e all'intervento politico, di non andarci a cacciare nel vicolo cieco di una guerra che implicasse un'escalation di interventi che dai bombardamenti andassero fino ad azioni militari di terra, con il risultato di entrare in contraddizione con la risoluzione stessa dell'ONU, perché si finiva con l'aumentare la sofferenza delle popolazioni libiche e di incrementare nel nostro Paese l'immigrazione clandestina.

Queste due preoccupazioni hanno costituito il terreno - onorevole Casini - di una riflessione e di un confronto serio nella maggioranza, perché sono entrambe due preoccupazioni che debbono riguardare delle forze di Governo responsabili. Quindi, la mozione della maggioranza non è una buffonata: conferma la continuità dell'intervento italiano in Libia sulla base della risoluzione dell'ONU e del deliberato sia della NATO che del 24 marzo del Parlamento italiano.

Ma accanto all'azione militare (il cui termine va concordato con la NATO e con l'ONU), la mozione pone il problema dell'azione politica e diplomatica che abbiamo visto positivamente aggiungersi alla vostra mozione, che precedentemente ipotizzava soltanto l'intervento militare.

Francamente non capiamo il senso della mitizzazione del ruolo salvifico dei bombardamenti. Abbiamo posto un problema così giusto che voi stessi ne avete dovuto prendere atto. La mozione circoscrive e definisce i termini della missione italiana, in modo tale che l'intervento armato non colpisca gli abitanti, e auspica dei limiti temporali di esso per evitare che si bombardi la Libia per un tempo indefinito, ma è evidente che ciò si realizzerà sulla base di un'intesa politica fra l'Italia e la NATO. Nessuno d'altra parte può pensare di bombardare la Libia a tempo indefinito e indeterminato! È una demagogia bellicista che francamente rinviamo al mittente (Applausi dei deputati del gruppo Popolo della Libertà)!

Quindi, noi - proprio perché abbiamo la valutazione del ruolo del nostro Stato e di quello che facciamo - poniamo un problema politico alla NATO, che non è risolvibile con una disputa e una stipula notarile, ma con un confronto e una riflessione politica aperta: un Paese serio fa così, misurando i problemi e le soluzioni che vanno assunte. Poniamo anche il problema di una razionalizzazione del nostro intervento e del suo peso finanziario, perché ormai siamo su molti fronti: il Kosovo, l'Afghanistan, il Libano e adesso la Libia, con interventi che pongono problemi finanziari e della vita dei nostri soldati. Questa è la linea, quindi, della maggioranza: è una linea - onorevole Casini - così aperta che noi - diversamente dal settarismo altrui - ci asterremo sia sulla mozione Franceschini n. 1-00633 che sulla mozione Galletti, Della Vedova, Vernetti, Lo Monte, La Malfa e Bosi n. 1-00634, votando evidentemente contro la mozione Di Pietro n. 1-00635...

FABIO EVANGELISTI. Ci mancherebbe!

FABRIZIO CICCHITTO. ...e votando a favore della mozione che noi sosteniamo. Non siamo settari e faziosi. Di faziosità e settarismo prendiamo, anzi, lezione dagli interventi che abbiamo ascoltato poco fa (Applausi dei deputati dei gruppi Popolo della Libertà, Lega Nord Padania e Iniziativa Responsabile - Congratulazioni)!



Argomenti correlati:
#camera dei deputati, #cicchitto, #libia, #parlamento, #pdl, #politica, #politica
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione