REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10432718
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Il Nibbio
stampa

 Anno VII n° 6 GIUGNO 2011    -   FATTI & OPINIONI


Le bugie dei potenti
Ma che riforma fiscale? Sono tutte balle direbbe un Bossi savio
Non si possono tagliare le entrate, non si possono tagliare le spese. Cosa si deve tagliare allora? Dove andrà la Lega?
Di Il Nibbio


Oggi si parla sempre più insistente di “riforma fiscale”, la chiedono a gran voce Bossi e Berlusconi: i perdenti cassati dalle amministrative e dai referendum.

Tremonti non ha le capacità di Prodi o di Padoa Schioppa nell’immaginare politiche economiche e fiscali, ma è certamente un buon ragioniere e sa che oggi più di ieri non si può pensare di ridurre le entrate fiscali quando il sistema politico-clientelare, esasperato dalla gestione Berlusconi, è incontrollabile e quindi ci conseguenza non si può tagliare gli enormi sprechi della politica e della burocrazia.

Si parla di “tassa patrimoniale”, ma si sa che è un a tassa iniqua: non si possono tassare i patrimoni perché sarebbe una doppia tassa che può produrre anche profonde ingiustizie. Pensiamo alla “signora Maria”, vedova con una piccola pensione, che riesce a sopravvivere economicamente perché vive nell'appartamento di sua proprietà; se si applicasse una tassa sull'appartamento, di cui peraltro paga già tasse sul reddito figurativo, avrebbe sicuramente grossi problemi.

La vera tassa, che potrebbe portare gettito significativo e corretto, è un’adeguata tassa - almeno come l'aliquota media dei buoni redditi da lavoro, un 33% penso - sui redditi speculativi, quelli di borsa e sulle sopravvenienze finanziarie, non quindi sulle cedole di azioni e Bot. Ricordiamoci che la speculazione è la mina della nostra economia e penalizzarla è sicuramente un gran bene, ma questo certamente non piace agli amici dei nostri uomini di Governo e quindi non se ne può fare nulla.

Allora il vero problema è chi è al Governo e ai suoi stretti legami con un entourage che lo sostiene in cambio di favori. La corruzione che lo circonda è indicativa della sua qualità e il vero potere che esiste oggi. Cosa possiamo aspettarci da un Governo, che: non vuole tassare il tassabile e tagliare le spese inutili?

Vedremo domani a Pontida se Bossi, dopo aver raccontato la sua favola al “popolo leghista”, riceverà solo applausi o anche qualche fischio. Vi posso garantire che la base leghista non ne può più dell'accoppiata Bossi - Calderoli, cui sono attribuite tutte le colpe di essere in un Governo corrotto, se ci saranno fischi vuol dire che sono davvero finiti e forse si può sperare che Berlusconi cada, poi si vedrà se ci saranno le elezioni a settembre o si darà vita ad un Governo di salvezza nazionale.



Argomenti correlati:
#berlusconi, #bossi, #calderoli, #fisco, #governo, #lega nord, #opinione, #politica, #riforma
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Il Nibbio
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione