REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10614124
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Silvia Sanna
stampa

 Anno VII n° 7 LUGLIO 2011    -   PRIMA PAGINA


Censura? improponibile!
I segreti della Casta
Una pagina di Facebook, ora d’urgenza in trasferimento su Blogger, svela retroscena della vita di palazzo, niente di nuovo, ma genera grande indignazione nei tartassati cittadini
Di Silvia Sanna


Che si stia respirando un vento diverso, nuovo e puro come una boccata d’aria in riva al mare o sulla cima di una montagna, è ormai cosa nota. Che questo stesso vento stia sollevando un coro di voci non sempre asservite ad un’unica volontà, è noto anche questo.

C’è una voce, sconosciuta ma che sembra veritiera, che più di tutte sta prendendo quota in questi ultimi giorni, unendosi ad altre voci per formare un coro di “vibrante protesta”, per dirla alla De André.

Il latore di questa voce controcorrente non ha viso né nome, almeno non sulla rete che gli concede spazio e libertà per farsi sentire. Si fa chiamare Spidertruman e di lui si ha un’unica informazione da non sottovalutare: ha lavorato per quindici anni a Montecitorio e in qualità di precario, su di lui, improvviso e netto come il taglio di una mannaia si è abbattuto il licenziamento.

Non si è messo in un angolo a leccarsi le ferite, il ‘nostro’, ma ha deciso di aprir bocca e svelare i retroscena – mica poi tanto sconosciuti – della vita di palazzo.

E così, il ‘diario segreto’ del precario indignato è sbarcato su internet e ora corre veloce tra le maglie di forum e social network, contando, ad oggi, già più di 257.000 seguaci che aumentano di minuto in minuto.

Pare gli sia già stato intimato di rimuovere i contenuti della sua pagina, ma censurare un sito al centro dell’attenzione mediatica e sociale, vorrebbe dire, per chi di dovere, darsi una zappata sui piedi.

Nel caso in cui l’autore fosse un megalomane alla ricerca di visibilità pronto a rischiare di incappare in provvedimenti giuridici con le sue bugie, beh, la giustizia farebbe tranquillamente il suo corso.

Una chiusura preventiva, al contrario, puzzerebbe di censura. Quando si vuole mettere silenzio ad una persona, il più delle volte si ha qualcosa da nascondere.

La richiesta pressante dei lettori di Spidertruman è proprio quella di non tacere e anzi, di portare allo scoperto il marciume che si nasconde sotto una coltre di silenzi e divieti.

Scorrere le pagine del suo blog suscita rabbia e voltastomaco. Se si volesse dare il beneficio del dubbio, il pensiero che anche solo una piccola percentuale di ciò che racconta “l’infiltrato” possa essere vera, fa ribrezzo.

Qualche esempio? Nonostante Palazzo Montecitorio abbia – ovviamente – un sistema di controllo degno della Cia, quotidianamente spariscono computer portatili (e talvolta pellicce pregiate) di deputati e deputati. Secondo Spidertruman il motivo è dovuto non alla presenza di ladri particolarmente scaltri, ma ad una polizza assicurativa che copre ogni furto perpetrato ai danni dei deputati all’interno dello stabile: il ricambio del pc e delle pellicce di ultima uscita, quindi, è garantito.

Ancora: auto blu che sfrecciano a sirene spiegate per accompagnare le mogli dei deputati a far la spesa, i loro figli a scuola e i deputati stessi dall’amante di turno; se poi si pensa che le forze dell’ordine che si occupano di noi mortali devono pagare di tasca loro la benzina che non gli viene fornita, beh, c’è il tanto di una rivolta popolare.
Per ottenere la scorta, dice ancora Spidertruman, basta mettersi d’accordo con qualcuno che con le dovute precauzioni scrive e spedisce ad un deputato una lettera standard di minacce a cui seguirà una lettera standard di richiesta della scorta e l’assegnazione di questa. In Spagna e in altre nazioni probabilmente più accorte e meno dedite al masochismo rispetto alla nostra, è bastato molto meno per far risvegliare e sollevare le voci degli indignados.

Prima o poi toccherà anche a noi o continueremo a gioire passivamente delle conquiste altrui? Non so se sperare che ciò che racconta Spidertruman sia vero o meno, ma un sospetto ce l’ho.


Nel frattempo la pagina di Facebook ha cambiato titolo e ora è I segreti della casta di Montecitorio ed è in fase di trsferimento sul blog "isegretidellacasta.blogspot.com" con la seguente motivazione:

SABATO 16 LUGLIO 2011

trasferimento qui

ho già ricevuto una lettera da facebook che mi intima a rimuovere i contenuti della pagina "I SEGRETI DELLA CASTA DI MONTECITORIO".
ora cerco di traslocare tutto qui su questo blog nel giro di pochi minuti, sperando che qui la censura non arrivi. ci lavoro da subito, voi intanto aiutatemi a far circolare il blog



Argomenti correlati:
#benefici, #camera dei deputati, #casta, #internet, #parlamento, #politica
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Silvia Sanna
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione