REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10142215
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Francesca Bisbano
stampa

 Anno VII n° 12 DICEMBRE 2011    -   PRIMA PAGINA


Dove sta la RAI?
Barcellona: il disastro ignorato
Uno scandalo: il servizio pubblico ignora un disastro in Sicilia che solo internet comunica
Di Francesca Bisbano


Barcellona Pozzo di Gotto 22 novembre ore 23,10

Una frana si è staccata da un costone roccioso ed è caduta su un gruppo di case a Saponara, nella zona tirrenica del Messinese. Alcune persone, secondo le prime frammentarie notizie fornite dai soccorritori, risultano disperse. Sul posto si trovano gli uomini della Protezione civile, dei vigili del fuoco e dei carabinieri. Nel frattempo i vigili del fuoco hanno salvato un ragazzo, sempre a Saponara, che stava per essere travolto da un fiume di fango. Si lavora sempre per accertare con sicurezza il numero dei dispersi”. Sembra che a dirlo sia il reporter di un TG nazionale, invece a scriverlo è una donna su facebook, sdegnata per quanto è accaduto oggi nel messinese.

Edifici allagati, ponti crollati, interi centri abitati rimasti isolati per ore, famiglie in difficoltà, gente che forse non ha più un posto ove trascorrere la notte, ma cos'è?
La trama di un film?
No! Realtà, realtà siciliana, che ricorda la passata tragedia di Giampillieri o, per fare un esempio più noto, l'alluvione di Genova dello scorso 4 novembre. Disagi e disordini ovunque a Barcellona Pozzo di Gotto, che ha visto crollare il ponte di Calderà, saltare il collegamento con Milazzo, allagata ed interi quartieri sommersi dal fango! Eppure sul disastro cala il sipario!

Silenzio!
Tacciono i giornali e TG nazionali, al massimo qualche accenno veloce agli edifici allagati o i veicoli danneggiati! Tutto sembra normale, ma i danni ci sono! Preferiamo solo non vederli...anzi mi correggo preferiscono non farceli vedere!
Questo in quanto al momento i siciliani non hanno nulla da invidiare agli alluvionati di Genova o ai terremotati dell'Aquila, tanto cari all'informazione mediatica e agli speciali di Vespa!

Genova, Aquila, Aquila, Genova...e Messina?
Barcellona, Milazzo, zone limitrofe forse son meno degne di stima?
Forse qui gli abitanti non necessitano manforte?
Eppure nuovamente c'è gente che ha perso la casa, ha visto la merce in negozio essere distrutta; c'è gente che ha sofferto e necessita soccorso perché dispersa o, per qualche motivo, si trova in difficoltà!
C'è chi ha avuto paura, ma non si è persa d'animo. C'è chi si è attivato, cercando volontari fra i cittadini, i partiti, i giovani, i vecchi, gli studenti, perché la città si rialzi!

Allora perchè?
Perchè ai media questa tragedia non interessa?
Forse il danno in Sicilia è minore?
No, perché dai rapporti emerge il contrario!
Forse non vi è un rischio effettivo?
Al contrario: sono mesi che i gruppi locali all'opposizione palesano i rischi della zona e lanciano allarmi su un possibile dissesto idrogeologico a più ampio spettro.

La tragedia era stata annunciata, ma a pochi importava! Come d'altronde ora poco importa la sorte di questi italiani! Chi se ne frega se a Barcellona Pozzo di Gotto un fiume distrugge i palazzi, le strade e quanto gli capiti a tiro? E' una piccola zona, non una grande città!

Allora 150.000 mila vite contano meno dei 608 mila e rotti genovesi?
O i siculi fabbricano le case abusive, mentre nel resto d'Italia costruiscono tutti in pieno rispetto delle norme edilizie?
Mmm...fatemi indovinare...nella altre regioni i politici sono meno corrotti e quindi si assumono meglio le loro responsabilità?
No no...aspettate!
Le città sono ideate su sistemi più funzionali?
C'è un maggior senso civico?
Una previsione e tutela dei rischi più incisiva?


Ma suvvia...Italia ti sei accorta che in queste ore, anche qui in “Nord-Africa” la situazione è altrettanto spaventosa?
O le isole contano solo al momento di andare alle urne?


foto da facebook - Andrea Scilipoti


vedi anche:
26/11/2011
Ultima pagina del diario
Barcellona: i giovani e l'alluvione
Sono loro a cui si deve dire grazie, ma non dobbiamo pensare che siano degli eroi, sono invece un bell'esempio di buoni cittadini
di Francesca Bisbano
25/11/2011
Terzo giorno
Alluvione a Barcellona: 25 novembre, dal diario di un volontario...
Il centro, dove questa sera si terrà una diretta RAI di “Mi manda Rai3”, è ripulito, ma il resto...
di Francesca Bisbano
24/11/2011
Cronaca del dopo
Alluvione a Barcellona: dal diario di un volontario, 24 novembre secondo giorno
di Francesca Bisbano
Non vedo autopompe per raccogliere i rifiuti, non vedo le pale e gli attrezzi promessi ai volontari, che per ore rimangono bloccati in attesa davanti al comune, senza poter agire da subito come vorrebbero! Vedo pochi piccoli bobcat scavare e tracciare condotti, un numero di operai e addetti a servizi di soccorso, che certo non possono............ 23/11/2011
Considerazioni dopo il diluvio
Barcellona: disastro e disservizi
Dove sono finiti i soldi per la sicurezza del territorio? La politica va forse corretta dal basso, ma una buona amministrazione può ripartire dalle disgrazie
di Francesca Bisbano



Argomenti correlati:
#barcellona, #disastro, #messina, #rai, #sicilia
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Francesca Bisbano
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione