REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  10925262
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di
stampa

 Anno VIII n° 2 FEBBRAIO 2012    -   EVENTI



Il Mar Baltico delle Avanguardie (1886-1945)
Al Museo Comunale D’arte Moderna Di Ascona (Svizzera), dal’11 marzo al 10 giugno 2012


Ivo Hauptmann, Faro di Hiddensee, 1921 © Ivo Hauptmann Archiv, Erknen und Berlin
Dopo il successo della mostra dedicata agli anni di formazione di Marianne Werefkin, il Museo Comunale d’Arte Moderna di Ascona presenta, per la primavera 2012, un evento di grande rilievo scientifico.
Dall’11 marzo al 10 giugno, si terrà la rassegna dal titolo “Il mar Baltico delle Avanguardie (1886-1945)”, in collaborazione con lo Staatliches Museum Schwerin (Germania), ideatore del concetto espositivo.

Marianne Werefkin, Libretto di schizzi © Fondazione Marianne Werefkin
Curata da Mara Folini, direttrice del Museo di Ascona, l’iniziativa proporrà 60 opere di artisti quali Lovis Corinth, Lyonel Feininger, Erich Heckel, Max Pechstein, Karl Schmidt-Rotluff, Marianne Werefkin, Alexej Jawlensky, Hans Arp, Sophie Taeuber-Arp, George Grosz e altri, che, nel primo quarantennio del secolo scorso, frequentarono i territori del Meclemburgo e della Pomerania (geograficamente identificabili tra il mar Baltico, lo Schleswig-Holstein, la Bassa Sassonia, il Brandeburgo e la Polonia), contribuendo alla formazione di una sorta di “stazione turistica” di artisti internazionali. Questi maestri, nel confronto con tali luoghi di pace, trovavano conforto per riequilibrare le sollecitazioni turbolente delle città.

Erich Heckel, Stralsund, 1912 © Kulturhistorisches Museum Rostock
La mostra, per la prima volta, ricostruirà in modo esaustivo il quadro generale degli ospiti di quei territori lambiti dal mar Baltico, come Lovis Corinth frequentatore della zona fin dal 1886. Marianne Werefkin e Alexej Jawlensky vi giunsero ormai 100 anni fa, nel 1911, e seppero interpretare lo spirito della loro arte espressionista attraverso un recupero di classicità narrativa data dal confronto con il paesaggio e il popolo che abitava queste zone.

Il percorso espositivo darà conto di altre importanti personalità che qui soggiornarono, da Lyonel Feininger, a Eric Heckel e Karl Schmidt-Rottluff a George Grosz e Max Kaus, ma anche di alcuni tra i rappresentanti più conosciuti della scena Dada, come Hans Arp e Sophie Taeuber, Kurt Schwitters, Raoul Hausmann e Hannah Höch.

Karl Schmitt-Rottluff, Due donne, 1914 © Von der Heydt-Museum Wuppertal
L’esposizione, che giunge in Svizzera dopo la prima tappa al museo di Schwerin nello scorso autunno, curata da Kornelia Röder e Antonia Napp, sarà accompagnata da un catalogo - in tedesco - pubblicato dalla Hirmer Verlag München e da un cahier, con la traduzione in italiano dei saggi e arricchito dalla riproduzione delle opere presenti solo ad Ascona, per le edizioni Dadò di Locarno.

Il programma 2012 del Museo di Ascona continua dal 29 giugno al 16 settembre con una personale di opere recenti di Ferruccio Ascari (Campi Salentina, Lecce, 1949).

La mostra, curata da Daniela Cristadoro e Mara Folini, rappresenta un omaggio alla storia del Monte Verità di Ascona (con la quale Ascari ha molte affinità filosofiche) e, parallelamente, un’occasione per presentare criticamente l'operato dell'artista pugliese.
L’iniziativa avrà la prerogativa d'integrare agli aspetti poetici e storici del percorso creativo di Ascari, quelli più specificatamente allestitivi che l’artista andrà a proporre nel trovare le giuste soluzioni in base agli spazi del Museo.
Completa il percorso espositivo una selezione di filmati relativi all’operato di Ascari nell'ambito delle arti performative, video e coreografiche. Durante il periodo di apertura, al Teatro San Materno di Ascona, verrà inoltre rappresentata la performance di danza “Quiescente, obliqua” (1981) di Ascari, attualizzata per l’occasione.


IL MAR BALTICO DELLE AVANGUARDIE (1886-1945)
Ascona (CH), Museo Comunale d’Arte Moderna (via Borgo 34)
11 marzo - 10 giugno 2012
Inaugurazione 10 marzo ore 17.30

Orari:
dal martedì al sabato, 10-12; 15-18
domenica e festivi: 10.30-12.30
lunedì chiuso

Ingresso: intero 15 fr. (13 €), ridotto 10 fr (9 €)

Informazioni: tel. +41 (0)91 759 81 40;
museo@ascona.ch
Sito internet: http://www.museoascona.ch

Catalogo bilingue (italiano/inglese) Kaleidoscope Press di Milano



Argomenti correlati:
#arte, #arte contemporanea, #arte moderna, #ascona, #mostra, #russia
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione