ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Una grave affermazione di incompetenza

Esodati, Elsa Fornero: “...me ne assumo la responsabilità”. Attendiamo le dimissioni!

Le “riforme Fornero” sono un gran pasticcio, l'affermazione “Non sapevo” fa capire il perché di tutto questo

Di Il Nibbio

Elsa Fornero, Ministro del Lavoro, ha parlato agli studenti dell'Università Bocconi di Milano, presente anche il presidente dell'Inps Mastrapasqua; tra le tante cose che ha detto, ha fatto anche questa affermazione: “Non sapevo, al momento di varare la riforma delle pensioni, che il fenomeno delle persone fuoriuscite dal mondo del lavoro fosse così diffuso. Avrei dovuto chiedere più informazioni, me ne assumo la responsabilità. Siamo pronti a discutere caso per caso, ma non possiamo tutelare chi è uscito con delle generose buonuscite e ricche pensioni calcolate con il sistema retributivo”.

Avevamo già sostenuto che l'operato del ministro Fornero non era all'altezza dei problemi che stava affrontando: questa è la dimostrazione di quanto avevamo più volte affermato. Come si fa ad essere “esperti” del mercato del lavoro e non conoscere la prassi diffusa dei “prepensionamenti”? Ma come non conosceva questo, non sapeva nemmeno della pratica diffusa di “stipendi a forfait” per superare i limiti imposti dalla legge per il monte straordinari e trasformare così i lavoratori in schiavi.

La riforma sul lavoro è un gran pasticcio e i datori di lavoro, abituati all'abuso dei contratti non a tempo indeterminato (a progetto e similari), oggi non sanno è più cosa fare e non assumono. Cosa gravissima perché in uno stato in grave difficoltà, per la recessione in atto, questo non fa che peggiorare la situazione. La Fornero si è impuntata sull'Articolo 18, che riguarda pochi casi, essenzialmente di sindacalisti; quindi non era così urgente e poteva essere affrontato con maggior serenità in un altro momento, come ha sostenuto Monti stesso.

La Fornero si è dichiarata attenta alle valutazioni internazionali e l'Articolo 18 era un problema “internazionale” perché fa certamente storcere il naso agli investitori esteri, ma oltre a questo gli investitori, e non solo quelli esteri, storcono il naso per molte cose: corruzione, criminalità, incertezza della giustizia, scarsa efficienza della burocrazia, carenza di infrastrutture, cuneo “costo del lavoro - retribuzioni nette” troppo alto, tasse troppo alte, continue modifiche delle leggi, e molto altro. La Fornero cosa ha fatto per risolvere questi problemi? Direi nulla e il Governo ben poco.

Così la riforma delle pensioni naufraga nell'assurdo di chi è rimasto senza lavoro e senza pensione; per di più il problema sembra irrisolvibile perché sembra non si sappia dove prendere i soldi. Ora se la Fornero “se ne assume la responsabilità” dovrebbe coprire di tasca propria questo buco enorme che la sua insipienza ha causato, o no? Dite di no?
Che non è mai successo?

Allora almeno si dimetta, senza attendere l'eventuale approvazione da parte del parlamento di un provvedimento che, lei ritiene, la sconfessi!

Argomenti: #esodati , #fornero , #governo , #lavoro , #monti , #pensioni , #riforma

Leggi tutti gli articoli di Il Nibbio (n° articoli 83)
il caricamento della pagina potrebbe impiegare tempo
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
10.245.775

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione