ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Mostra di fotografia

Massimiliano Gatti “Proximum est”

A Como - S. Pietro in Atrio, dal 10 novembre al 9 dicembre 2012, l’ex chiesa di S. Pietro in Atrio ospiterà la personale di Massimiliano Gatti, vincitore della IV edizione di Co Co Co Como Contemporary Contest 2012


Massimiliano Gatti, Peta #03, 2012,stampe a getto d’inchiostro
Massimiliano Gatti (Voghera,1981) è stato scelto tra oltre 400 candidature, da una giuria composta da Luciano Caramel, storico dell’arte, Francesco Paolo Campione, direttore del Museo delle Culture di Lugano, Chiara Canali, curatore, Cristian Contini, gallerista, Momo Banfi, collezionista, Silvia Rossi, responsabile delle relazioni esterne di Federculture, Walter Trecchi, artista.

L’opera premiata, “Peta”, presenta una serie di 10 fotografie che ritraggono gli strumenti del lavoro del padre farmacista, così come li vedeva l’artista da bambino, persi nel bianco dello sfondo, senza contorni definiti.

L’esposizione dal titolo “Proximum est”, a cura di Gigliola Foschi, presenterà alcune opere recenti (video e fotografie) di Massimiliano Gatti, realizzate tra Siria e Iraq. Tali opere ci mostrano paesaggi, ritratti e dettagli architettonici per invitarci a riflettere sul complesso rapporto che ci avvicina e ci allontana dal Medio Oriente.
Fotografo principalmente paesaggi - afferma lo stesso Gatti nell’intervista di Emma Gravagnuolo in catalogo - paesaggi a cui cerco di dare una dimensione sociale e politica, evocando il contesto in cui sono inseriti, che rimane fuori campo ma si intuisce. Mi piace pensare che fuori dalla mia foto ci sia una scena: non la vediamo, ma c'è. Ed è la scena che io stesso sto vivendo in quel momento, in cui sono immerso. (…) Spesso, come per i lavori legati al Medio Oriente, sto a lungo in un posto, mi inserisco nel contesto. Faccio fatica a fare foto di qualcosa che non conosco davvero, con un po' di profondità.
Come scrive Gigliola Foschi, nel testo in catalogo, “Il continuo sforzo di vedere di Massimiliano Gatti, che evidenzia una difficoltà di conoscenza, un ostacolo alla relazione, rivela come tali opere siano da leggere anche, o prima di tutto, in chiave metaforica. Mostrandoci le finestre sbarrate o aperte su una chiusura (come nel caso delle serie Limes e L’invisibile dentro), l’autore mette in gioco la sua intensa e affettuosa tensione conoscitiva verso il mondo arabo, sentendosi al tempo stesso frustrato per una distanza culturale non facilmente traversabile.

Massimiliano Gatti, Peta #06, 2012,stampe a getto d’inchiostro
Ma la sua ammissione di non riuscire a capire per davvero e fino in fondo, non va intesa come una rinuncia o una sconfitta, come impossibilità di dialogo nei confronti di una cultura amata, ma che per noi permane altra, oscura. Quella complessa e stratificata opacità del mondo mediorientale, che Gatti avverte e indica nei suoi lavori, gli consente infatti di mettersi personalmente in questione, di ammettere un “non sapere”, che però diventa premessa all’ascolto dell’Altro. Tali immagini, nel mostrare finestre sbarrate o aperte sul nulla, scuotono le nostre fallaci certezze nei confronti del Medio Oriente e del mondo arabo: certezze supposte, presunte, ma che in realtà sono spesso frutto di stereotipi, di superficiali generalizzazioni, a loro volta avvalorate dal fittizio eccesso di visibilità e di informazioni offerte dai media.

Tra le opere in mostra, quelle tratte dalla serie “Rovine” (2008) presentano la grandiosità dell’antica e potentissima città-emporio di Palmira; quelle di “Limes” (2011) ritraggono le finestre di alcune case abbandonate che fungono da mirino fotografico, quasi fosse una cornice naturale inserita nel paesaggio.
Massimiliano Gatti, Limes, 60x70 cm, Stampa fineart Giclée a getto d’inchiostro su carta cotone Photo Rag, Courtesy RB Contemporary, Milano
“L’invisibile dentro” (2012) riprende frontalmente, una dopo l’altra, una serie di finestre chiuse da fitte grate metalliche, decorate con semplici motivi geometrici.
Di segno in apparenza opposto sono le immagini che compongono la serie “Spectrum” (2011) in cui Gatti fotografa alcuni abitanti della Siria usando luci decise, contrastate e quasi caravaggesche.
Giocosa, ma anche acuta, è la recente “Terra promessa” (2012) con colorate mappe del Medio Oriente, su cui stanno appoggiati ora un taccuino, ora una tazza da tè: piccoli oggetti appartenenti all’autore che invitano a viaggiare in territori lontani.

Scrive ancora Gigliola Foschi: “sempre con il suo tocco leggero, Gatti crea una serie di immagini paradossali al contempo seducenti e respingenti, giocose e sottilmente terribili. Tutte le sue opere non vanno quindi solo viste, chiedono di essere vissute come esperienze che interrogano anche noi stessi e il nostro rapporto con il mondo. Il suo è infatti un pensare per immagini, non solo un vedere”.

In occasione della mostra verrà pubblicato un catalogo con le opere del vincitore e dei finalisti del concorso che hanno esposto nella collettiva in S. Pietro in Atrio (Como) dal 23 giugno al 29 luglio 2012, con testi di Chiara Canali, Gigliola Foschi e interviste di Emma Gravagnuolo.


Co Co Co Como Contemporary Contest 2012
Massimiliano Gatti “Proximum est”
Como, S. Pietro in Atrio (via Odescalchi)
10 novembre – 9 dicembre 2012
Inaugurazione venerdì 9 novembre alle ore 17.30

Orari: da martedì a domenica, 14.30 -18.30; chiuso lunedì Ingresso libero

Per informazioni:
Assessorato alla Cultura, Comune di Como
Via Vittorio Emanuele 97 - 22100 COMO
Tel. +39 031 252.352
cultura@comune.como.it
www.culturacomo.it
www.comune.como.it

Argomenti: #arte , #arte contemporanea , #como , #foto , #fotografia , #gatti , #mostra
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
9.859.482

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione