ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Lo sbuffo

Mario Monti: un novello “Smemorato di Collegno” che non ricorda cosa aveva promesso


Di Giacomo Nigro

Mr. Monti si è espresso sulle possibili alleanze post voto. Circa un eventuale ticket con Bersani, ha dichiarato: “credo che `tagliare le ali´ sia una brutta espressione ma se sono le ali sono le estreme è una buona cosa”. Il Prof chiede al segretario Pd “un atto coraggioso, silenziare un po’ la parte conservatrice del suo movimento”, più o meno quello che chiese il Sinedrio a Giuda, risparmiando! Perché non si intravedono neanche i trenta denari. Si tratterebbe di allontanare Nichi Vendola, Stefano Fassina, oltre a Cgil (Fiom) in campo sindacale. A Fassina ha poi mandato a dire: “Io la lista Monti non la conosco ancora e comunque ho sempre combattuto contro le lobby. Suggerisco all’onorevole Fassina di aggiornare un po’ il suo pensiero”. In pratica ha così replicato alle accuse dell’esponente del Pd che lo ha accusato di essere a capo di una lista `Rotary´, vale a dire delle élite a difesa dei poteri forti.

Mario Monti deve essere un novello “Smemorato di Collegno” a causa della sua grave mancanza di memoria. Sarebbe bene ricordargli che lui nei poteri forti ci sguazza da tempo. In tanti di quei poteri forti lui è stato (ed in incognito è) partecipe se non primo attore. In Goldman Sachs e Moody’s per esempio. E quanti aerei ha preso il signor Monti per andare a Bilderberg? E a Bruxelles che ci andava a fare? Il Commissario europeo o il turista? E sul Corriere della Sera il suddetto Prof non scriveva articoli di fuoco contro il Governo Berlusconi?
Non ricorda tutte queste cose il signor Monti. Non ricorda come si sia ritrovato su quella poltrona e cioè proprio ad opera di quei poteri: Confindustria, banche, grande stampa con il “Corrierone” in prima fila.

Ma la cosa più grave è un’altra. Il signor Monti non ricorda quello che aveva promesso agli italiani sacrifici, sì, ma poi un bel decreto su liberalizzazioni e privatizzazioni e poi dismissioni. Una grande ed incisiva spending review su Enti centrali e locali, su centri di spesa e di sprechi. Un bel cresciItalia e tutto sarebbe andato a posto. Smemorato! Certo lo stress a cui è stato sottoposto da qualche mese avrà inciso non poco sulla sua memoria. Infatti egli non ricorda di come il suo Governo sia stato miracolato dalla tanto strombazzata emergenza, dall’orlo del baratro in cui, fantomaticamente, ci trovavamo quando Napolitano gli ha aperto tutte le porte, prima nominandolo Senatore e poi Presidente del Consiglio incaricato, invece di sciogliere le camere.
Dimentica che lo smacchiatore di leopardi gli ha assicurato la vita al Governo quando poteva benissimo chiedere le elezioni anticipate; ora lo vorrebbe ripagare con la moneta di cui sopra: alé carico da undici!

Argomenti: #bersani , #cgil , #elezioni , #fiom , #monti , #politica , #vendola

Leggi tutti gli articoli di Giacomo Nigro (n° articoli 137)
il caricamento della pagina potrebbe impiegare tempo
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
10.611.567

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione