ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Il dubbio

Quel pasticciaccio indiano

Le decisioni prese dal ministro degli Esteri Giulio Terzi per Girone e Latorre appaiono contraddittorie e lasciano ampi dubbi sulla loro correttezza. Infine la sua affermazione: “Dimettermi? Io faccio parte di un governo dimissionario…” è una provocazione alla pazienza della gente?

Di Giacomo Nigro

Il Presidente Giorgio Napolitano con i sottufficiali della Marina Militare Massimiliano Latorre e Salvatore Girone rientrati per la licenza natalizia (Palazzo del Quirinale - 22/12/2012)
I due fucilieri di Marina, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, sono stati rispediti dal Governo Italiano in India dove sono accusati dell’omicidio di due pescatori scambiati per pirati ai limiti delle acque territoriali indiane. I marò, che facevano parte di una squadra di protezione a bordo della petroliera battente bandiera italiana Enrica Lexie, furono arrestati nel febbraio del 2012 nello stato meridionale del Kerala.

Martedì prossimo, il Governo informerà la Camera sulla vicenda, che ha provocato forti polemiche e critiche all’esecutivo. La decisione assunta ieri dal governo fa seguito ad un’intensa trattativa tra Roma e New Delhi, e all’assicurazione, tra l’altro, che i due militari, se condannati per l’uccisione di due pescatori indiani scambiati per pirati, non affronterebbero la pena di morte, sconterebbero la pena comminata dai tribunali indiani in Italia.

Il ministro degli Esteri Giulio Terzi ha difeso la scelta di rinviare i militari in India, dopo che l’11 marzo aveva invece disposto che restassero in Italia e auspicato un arbitrato internazionale. Le autorità indiane avevano reagito con forza all’annuncio, disponendo anche che l’ambasciatore italiano Daniele Mancini non lasciasse l’India. “La tensione è salita, si sono manifestate preoccupazioni anche per l’incolumità del nostro ambasciatore, la vicenda ha avuto un risalto internazionale che ha interessato anche l’ONU e l’UE”, ha detto Terzi.

Noi abbiamo continuato a lavorare a tutto campo e questo ha consentito di poter fare con gli indiani alcune verifiche. Ritengo che la mossa di riportarli in Italia e comunicare che non sarebbero rientrati abbia avuto l’effetto che ci aspettavamo, clamore a parte”, ha aggiunto il ministro, che sembra presentare la decisione precedente di trattenere in Italia quasi come una sorta di “bluff” diplomatico. A me pare piuttosto una “pezza a colori” per non ammettere la sconfitta su tutta la linea.

Naturalmente Terzi ha negato l’intenzione di dimettersi per la scandalosa conduzione della vicenda. “Dimettermi? Io faccio parte di un governo dimissionario” (?!), abbiamo quindi capito che questo governo può permettersi qualsiasi minchiata… tanto è dimissionario.

Fonti UE hanno affermato che le istituzioni europee non sono state informate della decisione maturata dalle autorità italiane, dopo che nei giorni scorsi Bruxelles aveva condannato la minaccia di Delhi di impedire all’ambasciatore italiano di lasciare l’India. Una incredibile doppiezza!

Intanto il premier indiano Manmohan Singh ha così commentato la notizia del rientro dei due militari italiani: “Siamo lieti dell’esito della vicenda che rispetta il processo giudiziario indiano”. La precedente mossa italiana di non rinviare Girone e Latorre in India dopo la licenza accordata per votare in Italia aveva esposto la debole coalizione guidata da Singh a duri attacchi dell’opposizione, che aveva accusato il premier d’essere troppo morbido o addirittura colluso con le autorità italiane. La stessa Sonia Gandhi, la leader del Partito del Congresso, di origini italiane, aveva accusato l’Italia di “tradimento”.

Certamente, al momento, questo vergognoso voltafaccia ha una sola notazione positiva, l’Italia ha evitato uno scontro senza precedenti con un Paese, l’India, che ha le capacità di metterci in difficoltà economiche e diplomatiche enormi, ma tutta la gestione della vicenda pone il nostro attuale Governo in una luce d’insipienza che rasenta il dilettantismo.

Argomenti: #girone , #governo , #india , #italia , #latorre , #terzi di sant'agata

Leggi tutti gli articoli di Giacomo Nigro (n° articoli 137)
il caricamento della pagina potrebbe impiegare tempo
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
10.502.059

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione