ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Leggendo l'ultima indagine dell'ISTAT sulla produzione industriale

La ripresa è una pura invenzione dei politici

Non può esserci ripresa se la politica non taglia le spese e rilancia gli investimenti

Di Giovanni Gelmini

Da anni i politici continuano a dirci che... “tra poco la ripresa ci sarà, anzi è già iniziata!”, ma noi vediamo solo peggiorare le cose.

Oggi l'ISTAT, con la pubblicazione dei risultati dell'indagine sulla produzione industriale, conferma che la ripresa è ancora di là da venire.

Vediamo i punti essenziali dell'indagine ISTAT.
  • A dicembre 2013 l’indice destagionalizzato della produzione industriale è diminuito dello 0,9% rispetto a novembre.
  • Nella media dell’intero anno 2013 la produzione è scesa del 3,0% rispetto all’anno precedente.
  • Segnano una flessione i beni strumentali (-5,6%), l’energia (-3,2%) e, in misura più contenuta, i beni di consumo (-1,0%)
Se osserviamo come sta andando il ciclo economico, ci accorgiamo che il trend di fondo non mostra alcuna ripresa; più che altro siamo in un momento di rallentamento della caduta, forse in una stagnazione sul basso.

Ad essere ottimisti possiamo pensare che abbiamo raggiunto il fondo e che, di conseguenza, non si può che risalire.
Se si è pessimisti, però, si può pensare che si tratti di un rallentamento congiunturale della contrazione del reddito. Le economie trainanti, al primo posto la Cina, stanno rallentando molto e quindi le nostre esportazioni, che fino ad ora hanno evitato il peggio (Germania in testa), molleranno e ci troveremo in braghe di tela, col forte rischio di un disastro sociale e conseguenti agitazioni di piazza, se non addirittura rivoluzioni.

La prima opzione è quella della speranza, ma la seconda è quella che scaturisce dalla storia delle “tempeste perfette” che si sono succedute nel tempo.

Intanto i nostri politici continuano ad inventarsi balle!
Non può essere che si verifichi una ripresa se non ci sono investimenti, e non ci sono. La flessione dei beni strumentali ne è un chiaro segno.

Trent'anni di dissipazione delle risorse del paese ci hanno indebitato oltre ogni possibilità di effettuare investimenti pubblici per sostenere l'economia e mai, da quando è iniziata la crisi, il Governo e il Parlamento hanno provato a toccare realmente i meccanismi della spesa pubblica inutile, che dà soldi alla corruzione e li toglie alle famiglie e alle imprese. Hanno solo gravato sul privato il necessario riequilibrio dei conti pubblici e così hanno tolto risorse per contenere la crisi.

Come ho scritto ieri, quello che sta facendo Renzi non serve a nessuno. Se non si attuano reali e forti politiche economiche per rilanciare gli investimenti, oltre che per sostenere il sociale, non si percorrerà la via della prima ipotesi, quella della crescita, ma si percorrerà la seconda via, quella del disastro economico, politico e sociale; le riforme proposte, ammesso che vadano bene, risulteranno perfettamente inutili in un Paese allo sbando.

Argomenti: #crisi , #crisi economica , #economia , #governo , #investimenti , #istat , #politica , #produzione industriale

Leggi tutti gli articoli di Giovanni Gelmini (n° articoli 493)
il caricamento della pagina potrebbe impiegare tempo
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
10.432.756

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione