ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Arte contemporanea

Marco Manzoni, Elena Tortia: “FuturoAnteriore”

A Bergamo, Galleria Marelia arte moderna e contemporanea, dal 17 maggio al 30 giugno 2014 - Venerdì 16 maggio ore 21.00, azione al Castello di Zandobbio


 
Tortia Elena, Still da video, 2013
Due giovani artisti incrociano le proprie competenze in questa mostra realizzata all'interno del circuito ARTDATE durante la settimana dell'arte contemporanea a Bergamo organizzata dall’Associazione The Blank.  

ARTDATE dedica l’edizione 2014, intitolata “Dialogo nel tempo”, al rapporto tra arte contemporanea e arte antica, come omaggio alla prossima riapertura dell’Accademia Carrara di Bergamo, uno tra i più prestigiosi musei in Italia, dopo un lungo periodo di restauro. La restituzione al pubblico della preziosa collezione diventa un momento di riflessione sul dialogo e sul rapporto tra arte e tempo, memoria e contemporaneità. 

La scelta di coinvolgere due artisti alle loro prime esperienze costituisce una sfida consapevole e meditata e si fonda sulla convinzione che la freschezza di sguardo, proprio su un tema che si confronta con il passato, possa favorire risultati apprezzabili.

Elena Tortia, torinese e Marco Manzoni, bergamasco attivo a Torino, per l’occasione realizzeranno una serie di lavori in autonomia affiancati ad un lavoro in comune consistente in un’azione ideata e partecipata da entrambi.
L’azione si svolgerà presso il castello di Zandobbio la sera precedente l’inaugurazione in galleria.
Il luogo è particolarmente significativo: per Marco Manzoni il castello rappresenta un contenitore di ricordi, avendovi trascorso in passato le vacanze estive insieme ai familiari in un incontro di generazioni che attualmente l’artista non ha più la possibilità di esperire.

L’edificio è attualmente disabitato e conserva l’antica struttura modificata nel tempo e adeguata alle esigenze moderne in una curiosa e malinconica stratificazione che coinvolge anche il giardino.
Nella proprietà sono rimasti alcuni arredi e oggetti di varie epoche ai quali gli artisti chiederanno spunti per l’azione. Tali oggetti saranno poi manipolati e ricollocati in galleria insieme ai nuovi lavori, come reperti in una sorta di suggestivo microcosmo, con la precisa intenzione di evocare il macrocosmo del luogo in cui si è svolta l’azione.

Accanto all’operazione comune quindi, troveranno spazio in mostra anche gli interventi sviluppati singolarmente, nei quali risultano evidenti due diverse personalità che non impediscono però un incontro produttivo sia sul piano concettuale che nella condivisione e cura dell’aspetto estetico del lavoro.

Marco Manzoni c.s. Forgotten space, 2013, cm 35x50
Nei lavori di Marco Manzoni il filo conduttore è la carta, declinata in diverse tecniche: dal frottage condotto sui ceppi dei vecchi alberi ormai monchi del giardino di Zandobbio, alle mappe deteriorate dal tempo, objet-trouvés nella soffitta della residenza e assemblate tra loro in improbabili geografie, alle ambigue incisioni, antiche solo nell’apparenza. Un universo focalizzato, da un lato, sui temi della memoria e del ricordo, dall’altro, sulla funzione perturbante e straniante di alcune immagini, spesso presente nella ricerca dell’artista.

Elena Tortia invece, nel suo dialogo con il passato, predilige il video e l’installazione fotografica. Nel video In fondo lo sapeva, interpreta il racconto “Storie della preistoria” di Alberto Moravia tramite la documentazione di una sua performance che mette al centro un tentativo - riuscito - di comunicazione e comprensione dell’altro, attraverso sistemi linguistici diversi dai propri.

Nella serie fotografica riproduce invece un ambiente domestico vissuto dall’artista durante l’infanzia e oggi non più esistente. La sottrazione/cancellazione di alcuni oggetti presenti all’epoca negli ambienti fotografati ne annuncia l’attuale riapparizione fisica all’interno della galleria dichiarandone al contempo la più distaccata funzione artistica anziché d’uso quotidiano, esaltata dalle opportune trasformazioni condotte sugli stessi elementi.


Marco Manzoni, Elena Tortia
FuturoAnteriore
Galleria Marelia arte moderna e contemporanea, via Torretta, 4 | 24125 Bergamo | Italia
a cura di Paolo Plebani e Paola Silvia Ubiali

17 maggio – 30 giugno 2014

Venerdì 16 maggio ore 21.00:
azione al Castello di Zandobbio (via C. Battisti, Zandobbio, Bergamo)

Sabato 17 maggio: Castello di Zandobbioore 21.00 Inaugurazione mostra presso Galleria Marelia

ORARI: da lunedì a venerdì, 15.00 – 19.30. E’ gradito l’appuntamento in altri orari.

Info:
www.galleriamarelia.it
info@galleriamarelia.it
+ 39 347 820.6829


Argomenti: #arte , #arte contemporanea , #bergamo , #mostra , #salvini , #tsipras
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
9.859.382

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione