ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Dalle Statistiche Flash

Istat Agosto 2014 - Prezzi al consumo - Dati provvisori

La deflazione è dietro l'angolo!


Nel mese di agosto 2014, secondo le stime preliminari, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente e diminuisce dello 0,1% nei confronti di agosto 2013 (era +0,1% a luglio).

La dinamica tendenziale dell’indice generale è da imputare principalmente all’accentuarsi della flessione su base annua dei prezzi dei Beni energetici (con quelli non regolamentati che da +0,4% di luglio passano a -1,2%) e al rallentamento della crescita tendenziale dei prezzi dei servizi; andamenti solo in parte controbilanciati dal ridimensionamento della flessione dei prezzi degli Alimentari non lavorati (-1,7%, da -2,9% di luglio).

Al netto dei soli beni energetici, l’inflazione sale invece allo 0,4% (da +0,3% di luglio), mentre l’“inflazione di fondo”, al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici, scende allo 0,5% (dallo 0,6% del mese precedente).

A contribuire al rialzo mensile dell’indice generale sono essenzialmente i prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+3,8%). Questo aumento – su cui incidono fattori di natura stagionale – è solo in parte compensato dal calo mensile dei prezzi degli Energetici non regolamentati (-0,6%).

L’inflazione acquisita per il 2014 sale allo 0,4% dallo 0,3% di luglio.

Rispetto ad agosto 2013, i prezzi dei beni diminuiscono dello 0,6% (lo stesso valore registrato a luglio) mentre il tasso di crescita dei prezzi dei servizi rallenta (+0,6%, da +0,7% del mese precedente). Pertanto, rispetto a luglio 2014, il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si riduce di un decimo di punto percentuale.

I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona registrano una variazione congiunturale nulla e una flessione tendenziale (-0,2%) meno ampia di quella rilevata a luglio (-0,6%).

I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto non variano su base mensile e presentano un tasso di crescita su base annua stabile allo 0,2%.

Secondo le stime preliminari, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) diminuisce dello 0,2% in termini sia congiunturali sia tendenziali (nel mese di luglio, il tasso tendenziale era nullo)

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività

Le divisioni di spesa


Nel mese di agosto 2014, si rilevano incrementi congiunturali dei prezzi soltanto per tre divisioni di spesa: Trasporti (+2,1%), Ricreazione, spettacoli e cultura (+0,7%) – per entrambe, gli incrementi sono in larga parte dovuti a fattori stagionali – e Bevande alcoliche e tabacchi (+0,1%). Diminuzioni su base mensile si riscontrano per i prezzi delle Comunicazioni (-0,8%), dei Servizi ricettivi e di ristorazione (-0,6%), dell’Abbigliamento e calzature (-0,2%) e dei Prodotti alimentari e bevande analcoliche (-0,1%). I prezzi delle rimanenti divisioni di spesa restano invariati rispetto a luglio 2014 (Prospetto 1). Rispetto ad agosto 2013, i maggiori tassi di crescita si registrano per Istruzione (+1,2%), Mobili, articoli e servizi per la casa (+1,0%) e Trasporti (+0,8%); quelli più contenuti per Servizi sanitari e spese per la salute, Altri beni e servizi (per entrambe +0,1%) e Bevande alcoliche e tabacchi (+0,2%). I prezzi delle Comunicazioni risultano in sensibile flessione (-9,1%) così come sono in diminuzione i prezzi di Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (-1,1%) e quelli dei Prodotti alimentari e bevande analcoliche (-0,5%).


Vedi testo completodi grafici e note

Argomenti: #indagine , #inflazione , #istat , #italia , #prezzi

© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
10.581.200

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione