ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Mostra d'arte contempoanea

Tania Loranti: “MOSTRO il maschio della mostra”

A Milano, Spazio Ostrakon, dal 15 maggio al 06 giugno 2015


Una mostra alla ricerca del MOSTRO che Alfred Jarry fa intervenire a più riprese nella sua opera: dalla rivista “L’Ymagier” «tale creatura» diventa «il vescovo marino Menzognero» che prende spazio nelle “Gesta e opinioni del dottor Faustroll, patafisico” e riappare furtivamente nell’”Amore assoluto”. Per costruire una storia a questo intrigante “essere/pesce” Tania Lorandi si tuffa nella mitologia sumerica e nei manuali dei naturalisti rinascimentali. Così, il MOSTRO prende vita nella mostra incarnandosi in opere pittoriche e scultoree, disegni e installazioni, ma anche riproduzioni o immagini “dirottate” che fanno del lavoro complessivo una vera e propria indagine filologica e antropologica. La mostra sfiora l’inganno ma non è solo un gabinetto delle curiosità. L’artista si mette in gioco e le sue immersioni raccontano un viaggio nel profondo, un sogno nel quale il corpo riconcilia femminile e maschile…

La mostra è completata dalla pubblicazione: “MOSTRO il maschio della mostra”, con un prologo di Tania Lorandi, l’epistolario con Luciano Caprile che racconta la nascita e l’evoluzione del progetto nei dodici mesi che lo hanno cullato e il testo di Tania Lorandi che esplicita tutta la ricerca, edizioni Collage de ’Pataphysique (collana Monstrum), copertina e interno a colori, 60 pagine.


Tania Loranti: “MOSTRO il maschio della mostra”
a cura di Luciano Caprile
Spazio Ostrakon, Via Pastrengo 15 Milano

dal 15 maggio al 06 giugno 2015
Inaugurazione: 15 maggio 2015 ore 18:00

Orari: da martedì a sabato dalle 15,30 alle 19,30

Info:
http://www.spazioostrakon.it
info@spazioostrakon.it


Tania Lorandi è nata in Belgio e ha studiato all’Accademia di Belle Arti a Liegi. Vive attualmente in Italia. Ha fondato nel 1989 il Collage de ’Pataphysique, un Centro di Studi, Ricerche, Approfondimenti e Diffusione della ’Patafisica che dirige tuttora. Ha collaborato con Enrico Baj, Vincenzo Accame e numerosi altri studiosi della Scienza delle soluzioni immaginarie. Ha curato numerose mostre e tutte le pubblicazioni delle Edizioni del CD’P.

La sua ricerca artistica è poliedrica e indaga i molteplici linguaggi espressivi, è pittrice, scultrice, scrive, performer e canta. Gli oggetti che crea sono spesso interattivi, accorpano sovente pittura e scultura, a volte sono in movimento, altre volte integrano gli elementi (vento, fuoco, acqua) o comunque materiali diversi. A lei piace sopratutto giocare con l’illusione, la trasposizione dei contesti, l’inceppamento formale e i diversi punti di visione.


Argomenti: #arte , #arte contemporanea , #loranti , #milano , #mostra
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
9.985.632

seguici               RSS RSS feed

Condividi  
Twitter                            


Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione