REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  11541107
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Natascia Zanon
stampa

 Anno III n° 5 MAGGIO 2007    -   IL MONDO - cronaca dei nostri tempi



E Dio convertì “You Tube”... forse!
Brevi considerazioni sull’uso di internet a scopo religioso
Di Natascia Zanon


È proprio vero che “il messaggio di Dio” può arrivare ovunque.
Basti pensare a come nell’ultimo decennio i vari tipi di religione, come riferimento poniamo la religione cattolica, abbiano fruito dei più importanti mezzi di comunicazione.
Le frequenze radio dedicate alla religione nel mondo sono tantissime, dai canali tematici da quelli satellitari a ricezione mondiali a quelli più casalinghi e regionali fino ad approdare negli ultimi anni ad internet.

I vari siti religiosi cattolici nati in questi anni in rete sono talmente tanti anche in Italia, e così ben organizzati, da comprendere addirittura offerte di “preghiere” che religiosi sotto piccolo compendio monetario promettono a tutti quei credenti paganti che useranno tale servizio, la redenzione delle loro anime e la soppressione del “deficit” di preghiere dovuto alla mancanza di tempo e stress. Per non parlare della novità degli ultimissimi anni: la “confessione” on line.


Non hai tempo?
La tua vita non ti permette di confessare i tuoi peccati e la tua anima si sente per questo in pericolo? Non ti preoccupare, basta un’e-mail ed una gentile offerta e potrai scrivere i tuoi peccati senza il minimo imbarazzo e in pochi giorni ti arriverà sempre per posta elettronica comodamente sul tuo computer la “assoluzione” ai tuoi peccati in tutta tranquillità. Alla faccia di quelle interminabili ore di coda davanti al “confessionale” in Chiesa, dove la legge sulla privacy venivano ignorata da “aitanti anziane” che aguzzavano l’orecchio per sentire i peccati delle persone mentre facevano finta di pregare.

Ma ora la nuova frontiera della "religione cattolica revolution" e andata ben oltre a tutta quella gente che non la riteneva al passo con i tempi.
Nasce da una costola di You Tube, sicuramente la sinistra, famosissima rete di siti dove chiunque in maniera anonima può lasciare video di qualsiasi genere e tipo, legali o illegali. God Tube: una rete dedicata interamente a video inerenti alla religione cristiana, in particolare a quella cattolica.

L’Idea della creazione non è avvenuta direttamente per “mano santa”, ma da un certo Chris Wyatt studente americano di Teologia di 38anni proprietario del sito che è andato in You Tube, il Big Jump Media. Questo God Tube permette di mettere a te visitatore in rete filmati riguardanti tematiche religiose, in particolare cristiane, ma qui puoi trovare di tutto e di più sulla tua religione, anche interviste di personaggi famosi e celebrità della televisione e del cinema americano che espongono delle loro considerazioni sulla creazione o sulla salvezza dell’anima. Inoltre si possono trovare spezzoni di varie riprese televisive religiose in cui pastori e semplici predicatori analizzano la Bibbia e la spiegano e che possono togliere qualsiasi dubbio al fedele in crisi, per non parlare della teologia scaricabile nel formato mp3.

Così mentre fai jogging nel verde cittadino potrai essere illuminato dalla luce di Dio a meno che tu non venga illuminato prima da fari di un'auto che ti sta per investire.
Ma la meravigliosa notizia è che generosamente God Tube offre a tutti gli utenti che si sono registrati per usare tale sito la possibilità di partecipare al concorso Israel Then And Now. Questo concorso serve a rilanciare “la parola di Dio” e i concorrenti devono autoprodurre un docufilmato sul Vecchio Testamento e i più bei filmati vinceranno un viaggio in Terra Santa. Ed ora dopo aver appreso tutto ciò, state attenti il: ‘Signore’ potrebbe chiamare anche voi, anzi, videochiamarvi.



Argomenti correlati:
 #chiesa,        #chiesa cattolica,        #comunicazione,        #internet
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Natascia Zanon
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione