REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  11475257
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Daniela Radici
stampa

 Anno III n° 12 DICEMBRE 2007    -   MISCELLANEA


Viaggiare in bicicletta
Oltrepo Pavese
Tra pianura e collina, con una piacevole varietà e ricchezza di ambienti naturali e di paesaggi
Di Daniela Radici


L’Oltrepo Pavese è una parte di Lombardia che si insinua tra l’Emilia e il Piemonte. Diviso dal resto della provincia di Pavia dal Po, si estende per oltre mille chilometri quadrati, dei quali un terzo in pianura e due terzi in collina e montagna (l’angolo lombardo di Appennino) con una piacevole varietà e ricchezza di ambienti naturali e di paesaggi.

Settantotto comuni, ognuno con un patrimonio storico, artistico e culturale, soprattutto con i suggestivi borghi medievali, le torri e i castelli.
Tra i campi, i frutteti e i vigneti delle sue colline sono prodotti formaggi, miele, salumi e vini dai nomi famosi. La buona tavola e un’ospitalità tutta familiare sono al centro della vita quotidiana di questo territorio ancora molto legato alle tradizioni, in grado di soddisfare curiosità culturali e gastronomiche, arricchite da una vasta e pregiata produzione enologica.

L’intera zona, solcata da una miriade di stradette asfaltate o sterrate, offre infiniti itinerari da percorrere in bicicletta, che si intrecciano con la “strada del vino e dei sapori”. Ciascuno può ritagliarsi la gita più adatta ai propri gusti o al proprio allenamento.

Voghera, il centro più importante, si raggiunge in autostrada A7 dal casello di Casei Gerola, in A21 da Casteggio, oppure in ferrovia con la linea Milano-Genova. Un tempo circondato da mura trecentesche, il nucleo antico gravita intorno all’ampia piazza del Duomo, dedicato a San Lorenzo. Fu costruito agli inizi del XVII secolo, mentre la facciata risale alla fine del 1800. Degni di nota sono anche il castello Visconteo e la chiesa di Sant’Ilario, detta Chiesa Rossa, fondata in epoca longobarda, che ospita il Sacrario della Cavalleria.

Attraversa l’Oltrepo Pavese da nord a sud lo Staffora, l’unico corso d’acqua a regime perenne dell’Appennino pavese, che nasce ai piedi del Monte Cappio e dopo 50 chilometri confluisce nel Po a Cervesina.
La sua vallata, percorsa fino al 1966 dalla linea ferroviaria di cui purtroppo restano poche tracce, si può risalire –per evitare la statale 461 del Penice- seguendo un po’ avventurosamente il sedime dell’ex-ferrovia. Oppure con una pedalata rilassante per strade di campagna si raggiunge Rivanazzano, antico borgo cinto da mura di cui rimane solo la torre pentagonale. Già note agli antichi Romani le sue acque salsobromoiodiche, ancora oggi usate alle terme di San Francesco.
Occhieggia dall’alto il castello Malaspina di Nazzano. Chi ama le salite può raggiungere i suoi 340 metri con una ripida sterrata o con i tornanti della strada asfaltata: la fatica è ripagata dalla vista che si gode dal castello (residenza privata) e dalla visita del giardino all’italiana e del borgo antico che lo circonda.

A 4 chilometri da Rivanazzano si entra lungo un viale alberato in Salice Terme, località rinomata per le acque solforose dalle eccezionali proprietà curative. Quindi una stradina poco trafficata che si snoda con lievi saliscendi tra il verde dei coltivi e dei boschi raggiunge Ponte Nizza e quindi Varzi, principale centro della zona, a 32 chilometri da Voghera.

Da sempre punto strategico di collegamento sulla “via del sale” tra Liguria e Pianura Padana, Varzi ha un centro storico medievale intatto: otto secoli di storia testimoniati da castello, torri (la più alta, la torre Malaspina, 29 metri, si può visitare) chiese, osterie, vie porticate, negozi e abitazioni arroccate su più piani a ridosso della scarpata che guarda lo Staffora.

Un altro itinerario, più impegnativo ma molto interessante, sale le colline tra valle Staffora e val Nizza per raggiungere l’eremo di S.Alberto di Butrio, luogo di culto venerato fin dal Medioevo, che conserva tre chiesette affrescate e una torre trecentesca.


Interessanti pacchetti week-end -per ciclisti e non- sono offerti all’albergo ristorante Selvatico di Rivanazzano, tel. 0383-944720, info@albergoselvatico.com, www.stradadelvino.org



Argomenti correlati:
 #bici,        #bicicletta,        #oltrepò pavese,        #turismo
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Daniela Radici
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione