REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  12387855
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Daniela Losini
stampa

 Anno IV n° 2 FEBBRAIO 2008    -   TERZA PAGINA


Nelle Sale Oggi
PS I love you

Di Daniela Losini


Dalle pagine dell’omonimo romanzo di Cecelia Ahern che ha goduto di un grande favore di pubblico, Richard LaGravenese sceneggia e dirige una struggente e brillante commedia sentimentale, che patisce, pur non uscendone a pezzi, l'eccessiva durata. Mette in scena un rapporto amoroso, sviscerandone gli aspetti più umani, tenendosi alla larga da pesanti derive romanzate e vischiose romatincherie in saldo.

Hilary Swank, una presenza/certezza sullo schermo e che scarpine milady, contro ogni buon senso (soprattutto quello di burbera mamma chioccia Katy Bates) sposa un adorabile faccia-da-schiaffi, Gerard Butler a suo agio nel ruolo (ah, quando canta le rime dei “The Pogues”).

Il verosimile litigio iniziale trascina: è realistico e non banale, battute a raffica e frasi in punta di fioretto. Lo scenario cambia a causa di una intempestiva tragedia (non stiamo svelando segreti di ordito perché i trailer in circolazione vi han già detto tutto) e la protagonista cerca di sopravvivere a dispetto di una vedovanza prematura e un grande amore impossibile da rimpiazzare ed espellere. È così che al primo compleanno, senza il compagno della vita, riceve una lettera. Sarà la prima di una lunga serie che egli stesso scrisse prima di morire e che la vorrebbero condurre verso una bizzarra elaborazione del lutto. Gli ingredienti doc ci sono tutti: ironia, sarcasmo e cruda sincerità dall'infatuato amico nichilista, solidarietà e affetto dalle amiche (Lisa Kudrow e Gina Gershon ciniche e caustiche come te le aspetteresti), erotismo dal belloccio con la chitarra e la guinness, ricordi e lacrime condivise, scene da un karaoke con tonfo (passaggio esilarante), urne che paiono oggetti d'arte moderna. Niente è lasciato al caso: tempi giusti (nonostante qualche passaggio troppo dilatato e ridondanze di trama) facce giuste, tasti giusti. Dritto al nostro cuore di inguaribili sognatori alla Liala del ventunesimo secolo.


GIUDIZIO GENERALE ****
RITMO ***
IMPEGNO *
COINVOLGIMENTO ***
Legenda : * scadente ** sufficiente *** discreto **** buono ***** ottimo



Argomenti correlati:
 #cinema,        #film,        #recensione
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Daniela Losini
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione