REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  13079198
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di
stampa

 Anno IV n° 8 AGOSTO 2008    -   EVENTI


Mostra d'arte a Perugia
DA COROT A PICASSO e DA FATTORI A DE PISIS. La Phillips Collection di Washington e la Collezione Ricci Oddi di Piacenza
Perugia, Palazzo Baldeschi al Corso Dal 15 settembre 2008 al 18 gennaio 2009



Corot Veduta dai giardini Farnese di Roma

La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia propone, nella propria sede espositiva di Palazzo Baldeschi al Corso, un affascinante confronto tra due “gusti collezionistici”, l’uno quello degli americani Duncan e Elisa Phillips, l’altro del nobile piacentino Giuseppe Ricci Oddi.


Cavaglieri Piccolo interno

Il doppio titolo dell’esposizione perugina: “Da Corot a Picasso” e “Da Fattori a de Pisis” richiama, appunto, i due ambiti principali che improntano le due celebri raccolte. Dagli Stati Uniti arriverà, infatti, una selezione di opere dei maggiori maestri dell’impressionismo e delle avanguardie europee del Novecento, tra cui Corot, Courbet, Manet, Degas, Monet, Bonnard, Van Gogh, Cezanne, Modigliani, Kandinsky, Braque, Picasso.

Nella mostra questi grandi maestri saranno posti a confronto con i protagonisti dell’arte italiana tra Ottocento e Novecento tra cui Fattori, Sartorio, Carrà, Casorati, Campigli, De Pisis.

Vittorio Sgarbi, curatore della mostra insieme agli esperti della Phillips Colection e con quelli della Ricci Oddi, approfondirà un tema, quello della passione collezionistica per l’arte, che è alla base della nascita di moltissime raccolte oggi musealizzate nel mondo.

Con questa iniziativa la Fondazione celebra il Centenario della costituzione della Cassa di Risparmio di Perugia, di cui ha ereditato l’impegno sul versante sociale e del mecenatismo culturale, e inaugura un nuovo e originale programma di eventi espositivi che saranno dedicati alle grandi collezioni private.
Una scelta perfettamente in linea con la tradizione di collezionismo che da qualche anno caratterizza anche l’attività della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, che proprio a Palazzo Baldeschi espone stabilmente la sua raccolta di maioliche rinascimentali e un nucleo della sua pinacoteca, comprendente tra gli altri opere di Perugino, Pintoricchio e Matteo da Gualdo.

Palazzo Baldeschi al Corso, a pochi anni dai lavori di ristrutturazione che ne hanno modificato la destinazione funzionale senza per nulla stravolgerne l’originale assetto architettonico, con questa iniziativa si conferma come sede di alcune delle più importanti e qualificate rassegne d’arte della regione Umbria.
Oltre alla tradizionale attenzione verso la civiltà artistica dell’Umbria, la Fondazione allarga così il proprio interesse all’arte contemporanea, che fa riferimento ad un contesto nazionale e internazionale.

Modigliani Elena Povoloski
“Grazie alla collaborazione con le collezioni Phillips e Ricci Oddi per la prima volta sarà possibile ammirare in Umbria – afferma Carlo Colaiacovo, Presidente della Fondazione - una quantità tanto significativa di capolavori, firmati da alcuni dei più grandi protagonisti della pittura tra Ottocento e Novecento, in Italia e in Europa. Dopo aver reso omaggio al genio artistico umbro con le mostre consacrate al Perugino, a Giandomenico Cerrini e ora al Pintoricchio, la Fondazione ha dunque scelto di battere nuove strade, senza per questo venire meno al suo impegno istituzionale: che è sempre stato quello di sostenere l’arte e la cultura in tutte le sue manifestazioni e di contribuire per questa via alla crescita civile del territorio umbro”.

I capolavori dalla Phillips Collection di Washington

La sezione della mostra dedicata alla Phillips Collection ( www.phillipscollection.org ) costituisce uno splendido incontro con una delle più prestigiose collezioni di arte americana ed europea, che comprende opere di Renoir, Van Gogh, Bonnard, Cézanne, Picasso, Monet, Daumier, Braque, Corot, Courbet, Kandinsky, Kokoschka, Modigliani, Manet, Odilon Redon, Sisley, Utrillo, Rousseau.

Pablo Picasso Still Life with Glass and Fruit
Inaugurata nel 1921, la Phillips Collection è il primo museo di arte moderna in America. E’ costituito da circa 2500 opere di artisti moderni e di impressionisti ed è ubicato nella residenza Georgian Revival del 1897 di proprietà del suo fondatore, Duncan Phillips, e in altre residenze minori nel quartiere Dupont Circle in Washington, D.C. La Phillips Collection organizza regolarmente particolari ed apprezzate mostre, alcune delle quali a livello internazionale.

Duncan Phillips (1886 -1966) ha avuto un ruolo centrale nel far conoscere l’arte in America. Nato a Pittsburgh - nipote di James Laughlin, banchiere e fondatore della Jones e Laughlin Steel Company – si trasferì con la sua famiglia a Washington, D.C. nel 1895. Dopo la morte improvvisa e precoce del padre e del fratello, fondò con sua madre, Eliza Laughlin Phillips, la Phillips Memorial Gallery.

Van Gogh Casa ad Auvers
A partire da un piccolo nucleo di opere, Phillips, che già era un critico d’arte, lavorò duramente per ampliare la collezione. Una sala appositamente costruita con illuminazione naturale sull’ala nord della casa paterna era lo spazio della galleria aperto al pubblico. La Collezione continuò a crescere e nel 1930 la famiglia si trasferì in una nuova casa e trasformò ufficialmente la residenza nella 21a strada in un museo. Phillips considerava il suo museo come “una forza memorabile e benefica nella comunità dove vivo, una influenza che dà gioia e migliora la vita aiutando la gente a vedere la bellezza come la vedono gli artisti.”

Duncan Phillips conosce l’artista Marjorie Acker nel 1920 e la sposa alla fine del 1921. La coppia collezionerà più di 2000 opere d’arte, con scelte spesso rivoluzionarie per il loro tempo, quando l’America era largamente critica del modernismo. Contribuirono così ad accrescere la consapevolezza e l’apprezzamento per i loro artisti e per le loro opere. Phillips collezionò alcuni maestri del passato come El Greco perchè era il “primo espressionista appassionato”, altri come Jean Simeon Charadin perchè “in questo modo tutti i pittori conoscano il primo pittore moderno” e Edouard Manet perchè lo considerava un “legame significativo di una linea che inizia con Goya e porta a Gaugin e Matisse.”
Nel 1923 Phillips acquistò Il Pranzo dei Canottieri (1880-1881) di Renoir, un’icona dell’impressionismo che oggi è considerata l’opera più famosa del museo.

La Collezione di Giuseppe Ricci Oddi

Difficile dire cosa abbia spinto al collezionismo il nobile piacentino Giuseppe Ricci Oddi (1868-1937).

Grosso Allo specchio
Di per sé in gioventù si era occupato soprattutto di sport e si era dedicato a studi di legge nelle Università di Roma e di Torino e l'arte sembrava lontana dai suoi interessi ma dai primi anni del Novecento, inizialmente in maniera quasi casuale, la passione per la pittura e la scultura divenne per lui ragione di vita.
Egli infatti impiegò le sue cospicue sostanze (derivate da rendite agrarie e da investimenti industriali) per mettere assieme un'imponente raccolta, sulla base di criteri rigorosi.

Esclusa l'arte antica, Ricci Oddi collezionò dipinti, sculture e opere grafiche dall'Ottocento romantico ai suoi tempi, che divennero infine gli anni Trenta del Novecento.
Il suo sguardo era singolarmente allargato, anzi travalicava del tutto l'ambito locale, che veniva trascurato: gli acquisti avvenivano alla Biennale di Venezia e nelle principali città italiane, con l'aiuto di una rete di consulenti (amici appassionati d'arte, storici dell'arte, galleristi e mercanti, gli stessi artisti). L'obiettivo dichiarato era quello di documentare lo sviluppo delle arti in Italia (cui si aggiungevano significativi esempi stranieri) nel secolo XIX e all'inizio del successivo.

I criteri delle scelte erano poi ispirati a un moderato conservatorismo, per cui solo il figurativo veniva accolto e le avanguardie estreme erano del tutto escluse.
Entrarono così nella collezione di Giuseppe Ricci Oddi i protagonisti del romanticismo italiano, Francesco Hayez e Giovanni Carnovali detto il Piccio, come tutti i maggiori macchiaioli, da Giovanni Fattori a Silvestro Lega a Telemaco Signorini.

Redon Mystery
Grande spazio veniva dedicato ad Antonio Mancini e al paesaggista Antonio Fontanesi, il più internazionale degli artisti italiani dell'Ottocento, visto che era vissuto a lungo in Svizzera e aveva avuto una significativa esperienza giapponese. I cosiddetti “italiani di Parigi” (Giovanni Boldini, Giuseppe De Nittis, Federico Zandomeneghi) sono presenti con tre pezzi di eccezionale qualità.
La stagione del simbolismo era molto ben rappresentata e così pure quella divisionista (due capolavori i dipinti di Angelo Morbelli e Giuseppe Pellizza da Volpedo).

La ricerca dell'opera di assoluta qualità era lenta, faticosa; in più casi il collezionista intrattenne rapporti amichevoli con gli artisti, come accadde con lo scultore Merdardo Rosso, reduce da Parigi, di cui acquisì l'Ecce puer.

Boccioni Ritratto della madre
Entrarono poi nella raccolta tutti i grandi artisti italiani di primo Novecento, da Boccioni a Carrà, da Carena a Campigli, fino a De Pisis e Casorati.
Tra gli stranieri lo svedese Carl Larsson, l'austriaco Albin Egger-Lienz, il francese Auguste Ravier, l'americano Augustus Koopman.

Anno 1924. L'imponente raccolta viene donata alla città di Piacenza e Ricci Oddi fa costruire, a sue spese, l'edificio per ospitarla: una strutttura museale avveniristica, modernissima nelle sue impostazioni e tra i pochi esempi italiani di museo progettato per essere tale, senza riutilizzare un edificio preesistente.
Nel 1931 la Galleria veniva inaugurata, alla presenza del principe Umberto, erede al trono (sarebbe diventato re Umberto II) , ma in assenza del donatore, troppo schivo per partecipare alla cerimonia.

Da allora la Galleria Ricci Oddi ha cominciato la sua vita, connotata da continue acquisizioni, da un'intensa attività espositiva e da un continuo lavoro di studio sull'Ottocento italiano ed europeo.


Da Corot a Picasso, da Fattori a De Pisis
15 settembre 2008 – 18 gennaio 2009
Perugia,Palazzo Baldeschi al Corso (corso Vannucci, 66)
Orario: 10 – 18
ingresso: interi euro 8, ridotti euro 6, scuole euro

Mostra promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Organizzazione Civita. A cura di Vittorio Sgarbi. Catalogo Silvana Editoriale

Informazioni e prenotazioni: 199 199 111 www.fondazionecrpg.it  servizi@civita.it



Argomenti correlati:
 #arte,        #arte moderna,        #mostra,        #piacenza
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione