ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO



Filastrocca del mangione


Di Rosa Tiziana Bruno


Buongiorno mi presento
sono proprio un gran portento
Mangio ogni cosa
che sul tavolo si posa

Mangio questo, mangio quello
e divento paffutello
Sono sazio e soddisfatto
quando mangio ogni piatto

Mangio i dolci della zia
e pure quelli di Maria
Mangio il brutto, mangio il bello
mangio il manico e l’ombrello

Mangio insieme all’insalata
anche mestolo e posata
Mangio pizza, pane e pollo
per sentirmi un po’ satollo

Mangio tavolo e tovaglia
e mi resta ancora voglia
Mangio frutta e melanzane
mangio biglie e cerbottane

Mangio e divoro
tutto quel che in giro trovo
poi mi sento gonfio e tondo
sembro proprio un mappamondo

Mangio ancora, ancora e ancora
ma la fame mi divora
Mangio tutto, mangio tanto
e non sono mai contento

Sogno un giorno di capire
dove il cibo va a finire
A cosa serve poi mangiare
Se la fame riesce a tornare?

Forse il trucco sai qual è?
di pensare meno a sé
di capire che l’amore
è più buono delle more

Fa guarire da ogni male
e barare qui non vale
puoi soltanto cominciare
con qualcuno da accarezzare

Un bacino e un abbraccio
son più buoni di un pasticcio
E’ l’amore che mangia la fame
e consola tutte le brame.

Argomenti:   #filastrocca ,        #poesia



Leggi tutti gli articoli di Rosa Tiziana Bruno (n° articoli 19)
© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
13.004.373

seguici RSS RSS feed

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione