ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Opere video e videoinstallazioni

Luca Rento - Sottotitolo

Nuoro, MAN, dal 23 aprile al 6 giugno 2010


 

Luca Rento, installation view, Cairn - Digne-les-Bains

Dal 23 aprile al 6 giugno 2010, dopo la personale dedicata a Emanuele Becheri e sempre in contemporanea alla mostra sui capolavori della pittura italiana provenienti dal Mart, nelle sale al piano terra e al primo piano del museo, il MAN propone l’attesa personale di Luca Rento. La mostra, curata da Elena Volpato e Saretto Cincinelli, sarà incentrata su opere video e videoinstallazioni.

Frequentemente incastonate in bianche cornici minimaliste, le immagini di Luca Rento (Feltre, 1965), che si rifanno sia pur in maniera indiretta ai generi della pittura: paesaggio, autoritratto, natura morta ecc. e che spesso rifuggono gli stessi formati standard del video, possono trarre in inganno, apparire, se non come dipinti, a causa della loro luminosità interna, almeno come perfetti light box.

Poiché non c’è passaggio fra mobilità e immobilità che non comporti una mutazione anche plastica dell’immagine, quando, dopo un periodo di prolungata attenzione, ci accorgiamo che le cime degli alberi di “Apparentemente nulla, 18 luglio 2004 17.16.32” oscillano lievemente nella brezza o che il petto del giovinetto dormiente ritratto in “Giacomo, 22 agosto 2004 05.54.51”, è mosso da un impercettibile respiro, siamo colti da un moto di stupore, e ci ritroviamo après coup e intempestivamente esitanti, sulla natura dell’oggetto della nostra contemplazione, un’esitazione che mette in crisi il meccanismo di visione già in atto: ciò che pensavamo essere un’immagine fissa va completamente ripensato come stasi di un’immagine animata: le caratteristiche proprie ai due diversi regimi di rappresentazione si trovano così entrambe messe in questione, cioè rimesse in causa, assieme all’orizzonte delle nostre aspettative.

Più che fermare il tempo, congelarlo in un istante significativo, le opere di Luca Rento rallentano o sospendono, nei limiti del possibile, il movimento interno all’inquadratura prescelta: ciò non significa però fermare il tempo ma, all’opposto, in un certo senso, esporlo.

Luca Rento, Giacomo, 22 agosto 2004 05.54.51 Videoinstallazione
Nella (quasi) immobilità o nella reiterazione infinita del loop, il tempo non si ferma ma evidenzia il suo trascorrere. Ci pare di poter ipotizzare che l’immagine tendenzialmente immobile, veicolata tramite video da Luca Rento, sia nella sua intenzione più profonda, la ferma rivendicazione di un’esperienza del possibile. Nelle sue immagini in surplace non si tratta infatti tanto di opporre l’immobilità al movimento, quanto di spostare il baricentro dell’opera dal registro assertivo a quello che esprime il principio, da quello dell’immagine, che predica qualcosa di qualcosa, a quello dell’annuncio, che non predica alcunché di nulla.

 

Luca Rento: videostill 2010

Mantenendosi in sospensione, in una sorta di intervallo temporale, l’immagine video di Luca Rento sembra ostinamente ricondurre il dato alla sua potenzialità: ciò che si mostra nella soglia tra movimento e immobilità non è dunque l’attrazione verso la stasi (di origine fotografica) ma il fantasma luminoso del possibile.

“Luca Rento”
dal 23 aprile al 6 giugno 2010
Nuoro, MAN Museo d'Arte di Nuoro, via Sebastiano Satta, 15

Orari: dal martedi' alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16:30 alle 20:30
lunedì chiuso
Biglietto di ingresso al MAN: intero 3 euro, ridotto 2 euro, gratuito fino ai 18 e oltre i 60 anni, 5 marzo - 6 giugno 2010

Per prenotazioni:
Museo MAN tel. e fax +390784252110, oppure
man.nuoro@gmail.com

Mostra promossa dal MAN. A cura di Elena Volpato e Saretto Cincinelli


Argomenti:   #arte ,        #arte contemporanea ,        #mostra ,        #nuoro ,        #video ,        #videoinstallazioni

© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
11.270.692

seguici RSS RSS feed

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione