REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  13572383
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Cricio
stampa

 Anno VII n° 6 GIUGNO 2011    -   RECENSIONI


Letto per voi
“Dove sono in questa storia” di Emir Kusturica

Di Cricio


“Dove sono in questa storia” libro non facile, anche se interessante.
L'autobiografia di Emir Kusturica parte dal suo primo giorno di scuola nel1961, legato al tempo del primo volo nello spazio del russo Jurij Gagarin. Un’infanzia sicuramente molto diversa da quella dei bambini di oggi, molto più vicina alla mia di dieci anni prima.

Scopriamo un Emir svogliato, disinteressato allo studio, spinto ad applicarsi a scuola da una ragazzina Snjezana Vidovic compagna di classe, il suo primo amore mai dichiarato.

Ecco la prima grande prova di dedizione ad un progetto: la costruzione del “Titanic”, un modellino ovviamente, che lo riqualifica nella sua classe. (n.d.r. quanti ragazzi svogliati lo sono per scarso interesse verso gli argomenti scolastici?).

La storia che racconta non procede in modo lineare, ma con salti e “interferenze”, per questo la lettura non è facile. Le interferenze sono quelle della società di Sarajevo, della politica. Scopriamo una visione di Tito che è diversa da quella che abbiamo noi. Le feroci discussioni di politica tra i “titini” e i sostenitori del regime sovietico, la delusione per il tradimento di Nasser.

Tutta la sua storia è un intreccio tra la sua azione e la politica. I suoi film nascono proprio come esigenza di documentare una realtà jugoslava diversa da quella che i politici dominanti cercano di accreditare. Emir si tratteggia impegnato politicamente, ma il successo dei suoi film lo porta all'estero e così a si auto-esilia quando scoppia la guerra civile e questo lo disturba.

Tutta la sua storia si muove attorno ad alcune figure. La prima è certamente il padre: Murat, partigiano, che ha partecipato alla fondazione della Jugoslavia, sottosegretario agli Esteri nella Repubblica di Bosnia Erzegovina, ostile a Tito in modo totale e, forse per questo, non troppo ben visto nell'ambito del suo lavoro.

Importantissime le figure femminili.
La madre su tutte: Senka Numankadić, donna semplice nella sua essenza, ma poetica e dotata di grande energia. C'è poi la zia Biba, indomita partigiana. Leggendo il libro appare come siano le donne reggere la storia degli uomini. Le amanti o mogli dei capi di governo, che intercedono per far avere le autorizzazioni a Emir Kusturica a girare i suoi film di denuncia. Infine le donne vicine a lui, la compagna di scuola Snjezana Vidovic e poi la moglie Maja, veri pilastri su cui costruire la propria vita. Scopriamo così un Emir fedele, senza avventure.

Nel libro mi ha colpito come si sia evoluto il rapporto inter-etnico da uno stato di relativa accettazione alla guerra civile; mi ha colpito la stoltezza dei “partigiani” dell'ultima guerra civile. Riporto pezzo che è a mio avviso il massimo della ottusità razzista e questi rischi li corriamo anche noi.

    A un certo punto minacciò di far saltare in aria la diga della centrale idroelettrica di Visegrad! Al giornalista Radoje Andrié del giornale "Veéernje novosti" dichiarò:

    "Lo farei per allagare la Serbia fino a Dedinje e alla casa di Milosevié".

    In quella conversazione intervenne anche il generale Kukanjac, comandante della Regione militare di Sarajevo. Usava un linguaggio popolaresco con l'agitato Sabanovié, che diceva di voler far saltare la diga per vendicare i crimini dei
    gardisti di Arkan nella regione di Zvornik. Alla fine intervenne anche Alija Izetbegovié, e il colloquio fu ripreso dal telegiornale. Il presidente parlava a Sabanovié con tono toccante, come a un figlio. Quello insisteva che avrebbe distrutto tutto, e il presidente gli diceva: "Aspetta un poco, Saban, ti prego, non toccare la diga, per ora almeno non fare niente ... ! " .
    Noi, spettatori televisivi, comprendevamo che, se non subito, all’allagamento si sarebbe arrivati al più tardi la notte stessa. Era come il sottotitolo di un film muto, come le parti scritte che in quei film annunciano gli avvenimenti che stanno per succedere. .

    Malgrado l'insistenza del presidente" ... non per ora almeno ... ", Sabanovié fece uscire una parte dell'acqua dalla diga.

    Dato che la sua casa si trovava a Nezuci, un villaggio poco distante da Visegrad, tutto preso dall'idea di allagare la Serbia fino a Dedinje e alla villa di Milosevié, facendo defluire parte dell'acqua non fece altro che sommergere la propria casa! La costruzione fu divelta dalla corrente che la portò via con sé, ma la struttura in gran parte rimase intera. Sabanovié guardava con enorme angoscia la sua casa trascinata in Serbia dalla corrente.

Insomma un libro che presenta molti aspetti interessanti, ma che non è facile da leggere; la lettura per me è proceduta con difficoltà poche pagine per giorno.


Dove sono in questa storia
Emir Kusturica
Prezzo:
€ 19,50
Editore: Feltrinelli
Collana: I Narratori
Data uscita: 30/03/2011
Pagine: 341, brossura
Lingua: Italiano
EAN/ ISBN 9788807018398
Traduttore: Parmeggiani A.

"Nel millenovecentosessantuno Jurij Gagarin volò nello spazio, e io andai a scuola." Inizia così il primo dei diciassette capitoli con i quali l'istrionico regista Emir Kusturica apre il proprio album di famiglia e racconta la sua storia. Senza risparmiare nessuno, né se stesso né gli altri. Ci sono voluti quindici anni per mettere insieme autobiografia, cronaca e storie degne dei suoi migliori film, e raccontare una vicenda autentica, emozionante, sorprendente e provocatoria, nella quale si riflette la storia della seconda metà del ventesimo secolo. L'infanzia, la Sarajevo degli anni sessanta, Tito e Charlie Chaplin, l'amore per la futura moglie Maja e la scuola di cinema a Praga, Fellini, Ivo Andric´ e Dostoevskij, i primi lungometraggi – Ti ricordi di Dolly Bell? , Papà... è in viaggio d'affari e Il tempo dei gitani –, l'America, Johnny Depp e Arizona Dream, Underground e la guerra, la fine della Jugoslavia e quella di suo padre, la morte di Dio, quella dei rapporti con i vecchi amici e con Sarajevo, Miloševic´ e la malattia della madre. Autobiografia di un artista geniale, “Dove sono in questa storia” è sì il "diario politico di un idiota", secondo le parole dello stesso autore, ma soprattutto il racconto sincero della sua storia personale, l'adattamento letterario del film della sua vita.



Argomenti correlati:
 #biografia,        #kusturica,        #libro,        #recensione,        #romanzo
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Cricio
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione