REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI AREZZO IL 9/6/2005 N 8
Articoli letti  14843264
   RSS feed RSS
Vedi tutti gli articoli di Silvia Sanna
stampa

 Anno VII n° 10 OTTOBRE 2011    -   RECENSIONI


Letto per voi
Il libraio di Sa de Moreira Régis

Di Silvia Sanna


A migliaia di chilometri dal luogo in cui vi trovate, in un paese, una città, una libreria qualunque, un libraio aprì gli occhi. Aveva appena sentito il pudupudupudù della porta d’ingresso della sua libreria. Sistemò un po’ il banco e rimase in attesa. Il banco del libraio era nascosto dietro due scaffali disposti ad angolo. Era convinto che i clienti, entrando in una libreria, sperassero per prima cosa di vedere i libri. Non era un libraio che la maggior parte di loro cercava. Al libraio piaceva l’idea che i clienti si trovassero da soli di fronte a un oceano di libri, una marea, per la precisione, senza che nessuno li osservasse. Gli piaceva l’idea che i libri esistessero anche senza di lui. Si chiedeva se a piacergli non fosse l’idea stessa di non esistere". Mi ero innamorata del carattere solitario e altruista del libraio di Selinunte che Roberto Vecchioni aveva delicatamente ritratto qualche anno fa e ora ritrovo una sorta di copia francese che possiede le medesime caratteristiche. "Il libraio" di Régis de Sá Moreira, uscito lo scorso giugno per la giovane casa editrice Aìsara, è un libro bizzarro, costruito su un personaggio altrettanto bizzarro. L'uomo, di cui non conosciamo il nome, fa il libraio non solo per professione, ma per missione. Il suo non è un negozio in cui si vende un prodotto, ma una sorta di "ricovero" per libri vecchi e nuovi: il cuore degli incontri tra lettori e pagine scritte, storie passate e presenti, interrogativi e risposte che spesso arrivano grazie alle parole impresse su carta. La vita del libraio è scandita da letture, clienti (pochi, pochissimi, alcuni buoni e alcuni altri molto meno), tisane che sottolineano sensazioni piacevoli e altre gradevoli, la presenza quotidiana di almeno un Testimone di Geova pronto a catechizzare l'uomo, ma che capitola davanti all'immensità dei libri. I libri, appunto. Il protagonista compie un gesto che a molti farà accapponare la pelle, ma che ha una forza metaforica devastante: l'uomo, infatti, strappa le pagine più significative dei libri che legge e le invia ai suoi fratelli e sorelle sparsi per il mondo. Questi leggono e rispondono, ma mai una parola sulla pagina letta. Perché non sempre c'è una risposta a tutto e l'importante è non smettere di fare e farsi domande. E' proprio così che ho scoperto questo bel libro, in un'assolata mattina di ottobre, in una libreria di Cagliari. Il libraio, Patrizio, teneva vicino alla cassa una copia del libro di Régis de Sá Moreira e, dopo aver scrutato chi gli si parava dinanzi, sceglieva accuratamente una pagina del libro, la strappava davanti al cliente stupefatto e gliela regalava. In molti, poi, dopo averla letta sono tornati in libreria e hanno acquistato la copia integrale, quasi per riparare al "vilipendio" a cui avevano assistito. Per incoraggiare la lettura, oggi, ci vogliono gesti forti, agli occhi di qualcuno anche violenti, che fanno stringere denti e pugni per una sorta di lacerazione interiore. Un libro è come un bambino, da accudire, passare di braccia in braccia, far crescere di parola in parola. E "Il libraio" di Sá Moreira ci racconta un modo vibrante ed eccentrico per fare in modo che il libro possa crescere con noi, dopo aver fatto crescere noi stessi.


Il libraio
di Sà de Moreira Régis
Prezzo di copertina € 14,00
uscita: 9 giugno 2011
pagine 123 , brossura
Traduttore Cadeddu P.
Editore Aìsara (collana Narrativa)
ISBN: 9788861040779

A migliaia di chilometri dal luogo in cui vi trovate, in un paese, una città, una libreria come tante, vive un libraio un po’ fuori dal comune. Si nutre solo di libri e tisane e, per non abbandonare
i suoi libri, tiene aperta la libreria giorno e notte, sette giorni su sette. Si prende cura dei suoi clienti, in particolar modo di quelli che non hanno mai letto un libro, quelli che frugano tra gli scaffali alla ricerca di se stessi, quelli che cercano risposte spinti da un interrogativo che li perseguita, e delle ragazze affette dalla sindrome da ultima pagina.
Eppure il libraio non sa di essere speciale; pensa di essere come tutti gli altri, o, almeno, come tutti gli altri librai.

Régis de Sá Moreira è nato nel 1973 nella periferia parigina da padre brasiliano e madre francese. Autore di vari romanzi, ha riscosso un ottimo successo di pubblico e di critica, ottenendo nel 2002 il premio Le Livre Élu.



Argomenti correlati:
 #libro,        #recensione,        #romanzo,        #sa de moreira régis
Tutto il materiale pubblicato è coperto da ©CopyRight vietata riproduzione anche parziale

RSS feed RSS

Vedi tutti gli articoli di Silvia Sanna
Condividi  
Twitter
stampa

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione