ATTENZIONE  CARICAMENTO LENTO


Il Governo Informa

CNB: parere su alimentazione umana e benessere animale



2 Ottobre 2012
Il Comitato Nazionale per la Bioetica (CNB), in data 28 settembre 2012, ha discusso e approvato all’unanimità il documento “Alimentazione umana e benessere animale”, elaborato dalle Proff. Luisella Battaglia e Cinzia Caporale.
Il documento affronta una delle più note, ordinarie e antiche forme di utilizzo dell’animale, quale la produzione di carne e in generale di prodotti di origine animale per l’uomo. Tema che merita una rinnovata attenzione in quanto attualmente caratterizzato dall’accentuarsi della tendenza alla diffusione di forme di produzione industriale che penalizzano sensibilmente la qualità di vita degli animali.

Quando definiamo qualcosa come “buono da mangiare”, sostiene il CNB, non dovremmo riferirci soltanto a ciò che soddisfa il palato e obbedisce a criteri gastronomici o dietetici, ma anche a ciò che esprime le nostre opzioni di valore, a ciò che è conforme a determinati requisiti etici di correttezza e trasparenza dell’intera filiera produttiva nonché di attenzione nei confronti dei parametri del benessere animale, ampiamente descritti nella letteratura scientifica e adottati per la gran parte dall’Unione europea.

La posizione del CNB sostiene quindi un’etica della biocultura che superi una concezione dell’animale esclusivamente quale mezzo per il soddisfacimento di interessi e di bisogni umani e in cui esso venga riconosciuto quale essere senziente meritevole di tutela. Il Parere conclude che, pur tenendo presente la centralità dell’uomo e l’interesse legittimo al contenimento dei prezzi dei prodotti di origine animale soprattutto in tempi di crisi economica come quelli attuali, occorre pervenire a una valutazione globale che esamini il problema alla luce di un più ampio e lungimirante concetto di vantaggio per la società nel suo complesso, compreso quello del mondo produttivo, nel rispetto della salute umana, del benessere degli animali e della sostenibilità ambientale.
Da queste conclusioni, derivano anche alcune puntuali raccomandazioni:

  1. promuovere una cultura di impresa e di filiera con una forte valorizzazione della responsabilità umana nei confronti del benessere animale;
  2. adottare un sistema specifico di etichettature riferito ad attività produttive e zootecniche basate su standard qualitativi di eccellenza rispetto al benessere animale e questo lungo tutta la filiera;
  3. rispettare concretamente il diritto a conoscere dei consumatori, anche attraverso la promozione di campagne di informazione e sensibilizzazione da parte delle autorità di controllo;
  4. attivare tempestivamente la realizzazione di una rete europea di centri di riferimento per la protezione e il benessere degli animali al fine di favorire l’affermarsi di forme più sostenibili di allevamento e produzione animale su tutto il territorio dell’Unione;
  5. incentivare la ricerca scientifica in materia di benessere animale, particolarmente per gli animali da reddito, e sviluppare un sistema di valutazione animal-based;
  6. valorizzare il ruolo cruciale del veterinario nel valutare le condizioni di vita degli animali e nel riconoscere i parametri del loro benessere;
  7. attivare la formazione professionale dei personale addetto alla cura e alla gestione degli animali.


Argomenti:   #alimentari ,        #allevamento ,        #animali ,        #bioetica ,        #CNB ,        #governo

© Riproduzione vietata, anche parziale, di tutto il materiale pubblicato

Articoli letti
11.263.705

seguici RSS RSS feed

Il sito utilizza cockies solo a fini statistici, non per profilazione. Parti terze potrebero usare cockeis di profilazione